LÁSZLÓ SZÖRÉNYI, “IL COMENTUM DI BENVENUTO DA IMOLA E GLI UNGHERESI”

Riproponiamo, per gentile concessione, questo contributo dell’illustre italianista ungherese (apparso su “Verbum”, IV, 1, pp. 43-53), che testimonia della vastissima risonanza internazionale che ha arriso al nostro Commentatore. Spicca, su questo panorama, la figura cupamente titanica, sinistramente imponente, di Attila, che Dante, nella sua vasta visione metastorica, colloca quasi al crocevia di una sovrapposizione di piani temporali, tra passato e futuro, certo e virtuale – piani che sembrano infine convergere, frangersi ed implodere nell’enigmatica figura del suicida, nell’eterno ed irrevocabile istante del suo gesto. «Ed elli a noi: «O anime che giunte / siete a veder lo strazio disonesto / c’ha le mie fronde sì da me disgiunte, / raccoglietele al piè del tristo cesto. / I’ fui de la città che nel Batista / mutò il primo padrone; ond’ei per questo / sempre con l’arte sua la farà trista; / e se non fosse che ‘n sul passo d’Arno / rimane ancor di lui alcuna vista, / que’ cittadin che poi la rifondarno / sovra ‘l cener che d’Attila rimase, / avrebber fatto lavorare indarno. / Io fei gibetto a me de le mie case». Nel relativo commento di Benvenuto, Attila spicca per bestiale ferocia e, insieme, per astuzia e doppiezza («usus est fraude et perfida proditione»); e il capitolo si chiude sulla «forma miserandae mortis»  dell’anonimo suicida, deformazione medievale e cristiana (del resto proprio in quell’istante deliberato e voluto il tempo si deforma e precipita nel cono  e nel gorgo del suo compimento, e insieme del suo annullamento) di quella che per gli Antichi era invece per antonomasia «mors ambitiosa», gesto non di viltà, ma di coraggio, di suprema affermazione dell’io e della libertà, più che di annientamento. (Matteo Veronesi)

Tra i libri a me accessibili l’unica monografia che tratta il commento su Dante – di enorme importanza ed estensione – di Benvenuto Rambaldi da Imola è il libro di Louis Marcello La Favia, pubblicato nel 1977 (1). Qui l’autore sostiene in modo convincente la tesi che l’importanza del libro di Benvenuto – ciò che lo rende oggetto d’interesse anche nel nostro secolo – sta nel fatto che egli è stato davvero il primo ad interpretare la Commedia con l’approccio multiforme e con l’apparato filologico completo, che fino a quei tempi erano stati applicati solo ai classici antichi. Proprio per questo Benvenuto è da ritenere una figura caratteristicamente bifronte, che attinge tutto ciò che ritiene utilizzabile dai suoi precursori che a loro volta erano interessati innanzitutto (se non esclusivamente) all’ortodossia delle tesi di Dante, come anche all’interpretazione teologica e filologica del poema considerato profetico, ma Benvenuto, ormai da autentico umanista, tratta il testo soprattutto dal punto di vista poetico ed estetico. Continua a leggere

“Ne l’ora che la bella concubina”, la canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (sogno, allegoria, profezia nella cultura medievale)

idra

(miniatura dal Bestiario di Rochester, XIII secolo)

La canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (alla quale dedicai, anni fa, un ampio saggio esegetico, riprodotto ora in questo sito: https://rambaldi.hypotheses.org/30) rappresenta, senza dubbio, per profondità di pensiero, finezza di stile, varietà di sfumature di significato, il più alto esito poetico del Trecento letterario imolese.
Sebbene alcuni aspetti ne possano essere chiariti alla luce del contesto storico, letterario e culturale, la sua essenza segreta è forse destinata a restare per sempre avvolta nel mistero. Precisamente in ciò, del resto, consistono il fascino e la suggestione che il testo non cessa di emanare.
Una enigmatica Signora, un tempo gloriosa, ora decaduta (si potrebbero citare le Lamentazioni di Geremia: “Quasi vidua facta est domina gentium”), e per di più insidiata da una feroce e terribile Idra, lamenta la propria condizione. Sopraggiunge un Magnanimo, che uccide e decapita l’Idra; il “velenoso sangue” di quest’ultima, asperso sugli occhi della Signora, ridona ad essi l’antica luce. Infine, fra la Signora e il Magnanimo si celebra uno sposalizio mistico, che ricorda la simbologia, cara al Medioevo, del Cantico dei cantici, variamente interpretato in chiave allegorica.   Continua a leggere