Ancora dal commento di Benvenuto al Proemio di Valerio Massimo

EPSON scanner image

Riporto, normalizzandone la grafia e integrandone la punteggiatura per ragioni didattiche, e facendolo seguire dalla traduzione italiana, un altro passo (il cui testo mi è stato gentilmente fornito dalla dottoressa Giulia Conti, che l’ha tratto dal manoscritto  I 142 inf della Biblioteca Ambrosiana) del commento di Benvenuto ai Rerum memorandarum libri di Valerio Massimo. Prima del commento è trascritto il passaggio di Valerio Massimo cui esso si riferisce.
Questa pagina riflette appieno l’ottica (emblematicamente sospesa fra Medioevo e Umanesimo) in cui Benvenuto guarda all’autore latino, da un lato accostando alcuni aspetti della spiritualità pagana alla storia sacra cristiana, dall’altro preoccupandosi (pur senza evitare alcuni fraintendimenti) di accertare la lezione e l’interpretazione più corrette del Continua a leggere

Giulia Conti*, “‘Famosissimus orator, historicus, poeta’: le ‘recollecte’ bolognesi a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola” (1)

vanagloria-altichiero-giotto

Altichiero di Zevio (seconda metà del XIV secolo), Allegoria della Gloria terrena, Milano, Palazzo Ducale

Benvenuto da Imola, secondo la fortunata espressione di Giuseppe Billanovich (2), fu un famoso “auctorista” del quattordicesimo secolo, vissuto tra la natia Imola, Bologna e Ferrara. Durante la sua carriera di insegnante, compose commenti a svariate opere di auctores latini e moderni, tra i quali quello che di certo ebbe più fortuna fu il commento alla dantesca Commedia. Per la tesi ho preferito occuparmi del Benvenuto per così dire minore, ovvero di quello che chiosa i Dictorum et Factorum Memorabilium Libri dello storico latino Valerio Massimo. In realtà Valerio è relegato tra i cosiddetti storici conformisti, ovvero storici che, perduta la libertas repubblicana, che aveva nutrito alti ingegni, devono in qualche modo barcamenarsi nella nuova dimensione politica e perciò non esitano a bruciare più di qualche manciata di incenso sull’altare della nuova casa regnante. Continua a leggere

Dal commento di Benvenuto al Proemio di Valerio Massimo

Si riporta, seguìto dalla traduzione, un passo del commento ai Rerum memorandarum libri di Valerio Massimo (di cui si conserva nella Biblioteca Comunale di Imola un raro e prezioso codice, analizzato da Luca Carlo Rossi nei già citati Studi su Benvenuto da Imola), per l’esattezza relativo al proemio dell’opera, nel quale la figura di Tiberio viene encomiasticamente ed iperbolicamente esaltata, fino alla divinizzazione.
Nel commento, al primo sguardo così piano, letterale, didascalico, condotto verbum e verbo, affiora, fra le righe, una venatura poetica squisitamente medievale e dantesca, là dove la glorificazione del sovrano romano è implicitamente accostata alla mistica della luce, e immersa in una percezione e in una visione cosmologiche dell’organismo imperiale (Cesare e Augusto posti, al pari della Chiesa e dell’Impero nella concezione medievale, come i due soli, le due luci del mondo); né mancano, per contro, sottili punte ironiche e polemiche, ad esempio quando viene messa in dubbio l’analogia fra Augusto e Tiberio, e si sottolinea, implicitamente, il carattere bizzarro e paradossale, agli occhi di un intellettuale del Medioevo, dei culti fallici dell’antichità.

“Si prisci oratores ab Iove Optimo Maximo bene orsi sunt, si excellentissimi vates a numine aliquo principia traxerunt, mea parvitas eo iustius ad favorem tuum decucurrerit, quo cetera divinitas opinione colligitur, tua praesenti fide paterno avitoque sideri par videtur, quorum eximio fulgore multum caerimoniis nostris inclitae claritatis accessit: reliquos enim deos accepimus, Caesares dedimus. et quoniam initium a cultu deorum petere in animo est, de condicione eius summatim disseram.” Continua a leggere

La Ferrara di Niccolò II d’Este nella testimonianza di Giovanni Conversini

nicoloii

 

Giovanni Conversini, preumanista, contemporaneo di Benvenuto, autore di varie opere fra cui spicca la Dragmalogia de eligibili vite genere, largamente anticipatrice sia per lo stile dialogico estroso, variegato, divagante, un poco incline alla bizzarria e allo straniamento, e dunque quasi, a tratti, manierista ante litteram, sia per l’acutezza e la spregiudicatezza, a volte quasi machiavelliane, del pensiero, fu legato all’Imolese non solo dall’interesse per Valerio Massimo, che entrambi commentarono (e che aveva, com’è evidente, un valore di esemplarità ai fini della formazione – ancora divisa, in questo crocevia fra Medioevo e Umanesimo, fra moralismo cristiano, etica nobiliare, téchne politikè e concreto agire strategico e diplomatico – dell’uomo di potere), ma anche dal soggiorno alla corte di Niccolò II d’Este, che fu, se non proprio un principe umanista, almeno un sovrano non indifferente alla cultura. Ho il piacere di pubblicare qui una nota erudita dovuta alla cortesia, alla competenza e alla precisione di un collega svizzero, Vittore Nason, che al Conversini ha dedicato vari studi.

Appare significativo che sia Benvenuto che il Conversini accostino la figura di Niccolò II a quella di Augusto tratteggiata da Svetonio, dando l’immagine (da un lato memore dell’antichità classica, dall’altro protesa verso il Rinascimento) di un sovrano solerte e generoso, pronto ad ornare la città di splendidi edifici (nella fattispecie il Castello Estense, menzionato, come abbiamo visto, nel proemio del commento di Benvenuto a Valerio Massimo).

(M. V.)

 

Al periodo che va dal 1364 al 1366 Conversini dedicò i capp. XXVIII-XXXIII del Rationarium: una narrazione notevolmente estesa.
Tornato a Bologna da Padova nel 1364, aveva in breve tempo (forse un anno) dilapidato il capitale  ricavato dalla vendita di un ricco fondo agricolo. Era ventunenne e si era lasciato trascinare  a Bologna dalla gaudente vita studentesca.
Componeva in volgare sonetti, canzoni, ballate, aveva una bella voce, danzava con perizia e con grazia. Aveva prosciugato la sostanza non solo con l’acquisto di libri e di capi di abbigliamento, ma anche in banchetti e in compagnie (in contuberniis, scrive: possiamo immaginare di tutto…). E più ancora che la sua personale condotta, a quanto racconta,  i suoi contubernales  l’avevano reso sospetto alle autorità giudiziarie. Continua a leggere

Dalla dedicatoria del commento a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola

Al pari dell’Augustalis libellus, anche il commento a Valerio Massimo, che giace, ancora in massima parte inedito, nella Biblioteca Comunale di Imola (ma si vedano le pagine relative nel prezioso volume di Luca Carlo Rossi, Studi su Benvenuto da Imola, Edizioni del Galluzzo, Firenze 2016), è dedicato a Niccolò II d’Este, e vòlto a soddisfare il suo desiderio di conoscere le antiche gesta onde trarne ispirazione ed esempio.
Sul piano della documentazione biografica, la menzione del compimento del Castello Estense (edificato a scopo difensivo, dopo una rivolta popolare) porta a collocare la morte di Benvenuto non prima del 1387.
Ma l’interesse del testo, di cui si dà qui un estratto, accompagnato da una traduzione che tenta di riprodurne gli effetti di ritmo e di suono cari all’ars dictaminis medievale, non è solo documentario. Continua a leggere