Benvenuto e il Commento di Averroè alla “Poetica” di Aristotele

Averroè nella “Scuola di Atene” di Raffaello

 

Nel suo Commento, Benvenuto fa più volte riferimento alla Poetica di Aristotele, inscindibile, ai suoi occhi, come a quelli di tutti gli intellettuali dell’epoca, dal commento di Averroè che la accompagnava.
Contrariamente a ciò che si tende a credere, la Poetica di Aristotele non fu del tutto ignota al Medioevo (fondamentali gli studi di Henry Ansgar Kelly – ma della questione si occupò anche Eco, http://riviste.unimi.it/index.php/DoctorVirtualis/article/viewFile/47/73), sebbene la riscoperta più piena e consapevole di quel testo si abbia, ovviamente, con l’Umanesimo e il Rinascimento. Ne circolavano, nel Medioevo, almeno due diverse versioni latine (dovute l’una ad Everardo Alemanno, l’altra a Guglielmo di Moerbeke). Proprio citando la Poetica, Tommaso d’Aquino dirà (Summa theologiae, II, 1, 32, 8) che “gaudet anima in collatione unius ad alterum”: dal paragone e dall’accostamento, tramite la similitudine e la metafora di cui si serve il discorso poetico, di percezioni, immagini e concetti diversi, l’anima trae un fruttuoso piacere intellettuale. Non siamo lontani dal transumptivum genus dicendi, dallo stile metaforico, teorizzato da Dante.    Continua a leggere