Emilio Pasquini sul latino di Benvenuto e sul problema della traduzione

Emilio Pasquini

 

Abbiamo l’onore di riportare, per gentile concessione, la prefazione del grande dantista Emilio Pasquini alla ristampa anastatica della traduzione italiana del commento di Benvenuto (a tutt’oggi l’unica, benché lacunosa e in più punti inaffidabile, oltre che inevitabilmente datata nello stile) compiuta nell’Ottocento dal Tamburini, e ancora apprezzata e citata da Pascoli nei suoi arditi e numinosi scritti danteschi.
La prefazione coglie alcuni aspetti essenziali, sui quali gli studenti sono invitati a riflettere: la ricchezza, la varietà, il plurilinguismo e il pluristilismo (essi stessi di stampo dantesco) del latino di Benvenuto, capace di spaziare dal rigore concettuale della dissertazione e della lezione accademica alla vivacità dell’aneddoto e della nota di colore (sull’impiego, da Continua a leggere