Giulia Conti*, “‘Famosissimus orator, historicus, poeta’: le ‘recollecte’ bolognesi a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola” (1)

vanagloria-altichiero-giotto

Altichiero di Zevio (seconda metà del XIV secolo), Allegoria della Gloria terrena, Milano, Palazzo Ducale

Benvenuto da Imola, secondo la fortunata espressione di Giuseppe Billanovich (2), fu un famoso “auctorista” del quattordicesimo secolo, vissuto tra la natia Imola, Bologna e Ferrara. Durante la sua carriera di insegnante, compose commenti a svariate opere di auctores latini e moderni, tra i quali quello che di certo ebbe più fortuna fu il commento alla dantesca Commedia. Per la tesi ho preferito occuparmi del Benvenuto per così dire minore, ovvero di quello che chiosa i Dictorum et Factorum Memorabilium Libri dello storico latino Valerio Massimo. In realtà Valerio è relegato tra i cosiddetti storici conformisti, ovvero storici che, perduta la libertas repubblicana, che aveva nutrito alti ingegni, devono in qualche modo barcamenarsi nella nuova dimensione politica e perciò non esitano a bruciare più di qualche manciata di incenso sull’altare della nuova casa regnante. Continua a leggere

Benvenuto Rambaldi nella prima storia della letteratura latina

sicco-polenton

Statua di Sicco Polenton, Padova

Riportiamo il passo, breve ma significativo, dedicato a Benvenuto nella prima storia sistematica della letteratura latina, gli Scriptorum illustrium latinae linguae libri XVIII di Sicco Polenton, in cui il Maestro imolese chiude, con l’Augustalis Libellus, il prestigioso elenco degli storici che hanno narrato le imprese dei dodici Cesari.
La pagina (che riprende alla lettera alcune espressioni del proemio dell’Augustalis Libellus, già pubblicato in questo sito) è significativa sia per lo stile, tipicamente preumanistico, ricco di inversioni audaci e arditezze sintattiche (ad esempio il pronome relativo che richiama il soggetto dopo una lunga digressione), sia per il lusinghiero dubbio, ancora esistente, circa l’attribuzione del Libellus a Benvenuto o a Petrarca, sia, infine, per la concezione, in essa implicita, del grammaticus, quale Benvenuto è definito: grammaticus visto, come in Quintiliano, e come successivamente in Poliziano, non come figura distinta ed inferiore rispetto al retore e al dialettico, ma , in senso lato, come maestro di letteratura, che ingloba nel proprio insegnamento la poetarum enarratio, il commento ai poeti, e l’analisi di opere storiche, considerate non solo come fonti per la conoscenza degli eventi, ma anche come opere d’arte esse stesse, come opus oratorium maxime, forma di scrittura sommamente elaborata e solenne.
Già Dante, del resto, nel Convivio, paragonava la Grammatica al cielo della luna, poiché le sfumature e le sottili distinzioni e variazioni delle forme della lingua ricordano i chiaroscuri e le irregolarità della superficie lunare, e nel contempo suggeriscono, senza esaurirla, la possibilità di una conoscenza (quella delle potenzialità e degli usi della lingua) potenzialmente infinita: “per la sua infinitade, li raggi de la ragione in essa non si terminano, in parte spezialmente de li vocabuli; e luce or di qua or di là in tanto quanto certi vocabuli, certe declinazioni, certe construzioni sono in uso che già non furono, e molte già furono che ancor saranno” (XIII 9-10).

 
Omnium autem novissimus, quantum existimo, venit Benvenutus Imolensis. Grammaticam hic professus est atque, ut grammatici solent, in poetis interpretandis et historiis cognoscendis multum studii ac diligentiae posuit. Caesareas vero ad res memorandas ipsum quidam ita elaborasse putant (vidi tamen qui hoc Petrarcae opus attribuant) ut scriberet ad Nicolaum Estensem Marchionem, qui virtutes heroicas coleret ac Ferariae dominator esset, calculantis in modum nomina, virtutes, vitia omnium Caesarum qui ipso a lulio Caesare in Vencislaum usque ex ordine memoravit, ut quasi clarissimo in speculo breviter ac facile videas qui boni, qui mali fuerunt principes Romanorum.

Ultimo fra tutti, secondo il mio giudizio, venne Benvenuto da Imola. Questi professò l’insegnamento letterario, e, come sogliono i letterati, pose molto impegno e diligenza nell’interpretazione di poeti e storici. Ritengono che egli (ho visto tuttavia fonti che attribuiscono quest’opera a Petrarca) si applicasse allo studio delle imprese dei Cesari per dedicare un’opera al Marchese Niccolò d’Este, che coltivava le virtù eroiche ed era signore di Ferrara; Benvenuto che, alla maniera di chi calcola, registrò nomi, virtù, vizi di tutti i Cesari da Giulio Cesare fino a Venceslao, affinché tu possa vedere, come in un limpidissimo specchio, in modo breve ed agevole, quali fra i sovrani  Romani furono buoni, quali malvagi.

Dalla dedicatoria del commento a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola

Al pari dell’Augustalis libellus, anche il commento a Valerio Massimo, che giace, ancora in massima parte inedito, nella Biblioteca Comunale di Imola (ma si vedano le pagine relative nel prezioso volume di Luca Carlo Rossi, Studi su Benvenuto da Imola, Edizioni del Galluzzo, Firenze 2016), è dedicato a Niccolò II d’Este, e vòlto a soddisfare il suo desiderio di conoscere le antiche gesta onde trarne ispirazione ed esempio.
Sul piano della documentazione biografica, la menzione del compimento del Castello Estense (edificato a scopo difensivo, dopo una rivolta popolare) porta a collocare la morte di Benvenuto non prima del 1387.
Ma l’interesse del testo, di cui si dà qui un estratto, accompagnato da una traduzione che tenta di riprodurne gli effetti di ritmo e di suono cari all’ars dictaminis medievale, non è solo documentario. Continua a leggere