La Ferrara di Niccolò II d’Este nella testimonianza di Giovanni Conversini

nicoloii

 

Giovanni Conversini, preumanista, contemporaneo di Benvenuto, autore di varie opere fra cui spicca la Dragmalogia de eligibili vite genere, largamente anticipatrice sia per lo stile dialogico estroso, variegato, divagante, un poco incline alla bizzarria e allo straniamento, e dunque quasi, a tratti, manierista ante litteram, sia per l’acutezza e la spregiudicatezza, a volte quasi machiavelliane, del pensiero, fu legato all’Imolese non solo dall’interesse per Valerio Massimo, che entrambi commentarono (e che aveva, com’è evidente, un valore di esemplarità ai fini della formazione – ancora divisa, in questo crocevia fra Medioevo e Umanesimo, fra moralismo cristiano, etica nobiliare, téchne politikè e concreto agire strategico e diplomatico – dell’uomo di potere), ma anche dal soggiorno alla corte di Niccolò II d’Este, che fu, se non proprio un principe umanista, almeno un sovrano non indifferente alla cultura. Ho il piacere di pubblicare qui una nota erudita dovuta alla cortesia, alla competenza e alla precisione di un collega svizzero, Vittore Nason, che al Conversini ha dedicato vari studi.

Appare significativo che sia Benvenuto che il Conversini accostino la figura di Niccolò II a quella di Augusto tratteggiata da Svetonio, dando l’immagine (da un lato memore dell’antichità classica, dall’altro protesa verso il Rinascimento) di un sovrano solerte e generoso, pronto ad ornare la città di splendidi edifici (nella fattispecie il Castello Estense, menzionato, come abbiamo visto, nel proemio del commento di Benvenuto a Valerio Massimo).

(M. V.)

 

Al periodo che va dal 1364 al 1366 Conversini dedicò i capp. XXVIII-XXXIII del Rationarium: una narrazione notevolmente estesa.
Tornato a Bologna da Padova nel 1364, aveva in breve tempo (forse un anno) dilapidato il capitale  ricavato dalla vendita di un ricco fondo agricolo. Era ventunenne e si era lasciato trascinare  a Bologna dalla gaudente vita studentesca.
Componeva in volgare sonetti, canzoni, ballate, aveva una bella voce, danzava con perizia e con grazia. Aveva prosciugato la sostanza non solo con l’acquisto di libri e di capi di abbigliamento, ma anche in banchetti e in compagnie (in contuberniis, scrive: possiamo immaginare di tutto…). E più ancora che la sua personale condotta, a quanto racconta,  i suoi contubernales  l’avevano reso sospetto alle autorità giudiziarie. Continua a leggere