Coluccio Salutati rimprovera Benvenuto per la rozzezza del suo stile

 

coluccio

(Masaccio, presunto ritratto di Coluccio Salutati, Firenze, Cappella Brancacci)

 

Nell’epistola del 1383 di cui riportiamo l’esordio, Coluccio Salutati, grande preumanista, anzi  forse il vero iniziatore dell’Umanesimo fatto di sapienza filologica, esaltazione della dignità dell’uomo, conciliazione fra sapienza cristiana e cultura classica (basti pensare all’eco che, nel suo capolavoro, il trattato De laboribus Herculis, ha la concezione dantesca dell’allegoria, come traspare dalla definizione del poeta quale “metrico figurativoque sermone sub alicuius narrationis misterio vera recondens”, ossia colui che “nasconde, con un discorso poetico e metaforico, la verità sotto l’enigma di una qualche rappresentazione”), coglie, ad un tempo, il più grande pregio e insieme il più grande difetto (ma insieme, del resto, una delle caratteristiche più salienti) del commento dantesco di Benvenuto: da un lato la sottigliezza, la precisione, l’esattezza, e insieme la ricchezza, la varietà,la vivacità intellettuale, delle interpretazioni (“inauditas atque digestas Continua a leggere

L’epistola di Pier Paolo Vergerio sulla morte di Benvenuto

vergerio

Nel 1390, l’umanista Pier Paolo Vergerio, esponente, con il De ingenuis moribus, la sua opera forse più celebre, della grande pedagogia umanistica teorizzata da Battista Guarini e da Vittorino da Feltre (quella pedagogia che, superando certi schematismi e dogmatismi dell’insegnamento medievale, irrigidito sul sistema delle sette artes liberales codificato da Cassiodoro nella tarda antichità, rivisitò l’ideale classico di una paideia aperta, duttile, capace di abbracciare e far dialogare le une con le altre tutte le discipline), esprimeva, in una breve ma toccante epistola, perfetta espressione del latino preumanistico, della sua misurata e armoniosa retorica e della sua ricchezza di richiami ed echi classici, il proprio sincero dolore alla notizia (peraltro tardiva di un paio d’anni) della morte di Benvenuto Rambaldi. Continua a leggere