Ancora dal commento di Benvenuto al Proemio di Valerio Massimo

EPSON scanner image

Riporto, normalizzandone la grafia e integrandone la punteggiatura per ragioni didattiche, e facendolo seguire dalla traduzione italiana, un altro passo (il cui testo mi è stato gentilmente fornito dalla dottoressa Giulia Conti, che l’ha tratto dal manoscritto  I 142 inf della Biblioteca Ambrosiana) del commento di Benvenuto ai Rerum memorandarum libri di Valerio Massimo. Prima del commento è trascritto il passaggio di Valerio Massimo cui esso si riferisce.
Questa pagina riflette appieno l’ottica (emblematicamente sospesa fra Medioevo e Umanesimo) in cui Benvenuto guarda all’autore latino, da un lato accostando alcuni aspetti della spiritualità pagana alla storia sacra cristiana, dall’altro preoccupandosi (pur senza evitare alcuni fraintendimenti) di accertare la lezione e l’interpretazione più corrette del Continua a leggere