Jean Le Tavernier illustratore del “Romuleon”: un’analisi stilistica e ideologica

Il Romuleon è un’opera in latino che narra la storia di Roma, dalle origini fino a Diocleziano. Venne scritto da Benvenuto da Imola, nella seconda metà del XIV secolo. In séguito ne furono realizzate due diverse traduzioni: nel 1460 il Romuléon MS 850 di Jean Miélot, per Filippo il Buono, Duca di Borgogna; nel 1466 il Romuléon di Sébastien Mamerot, per Louis de Laval, signore di Châtillon.

Una seconda versione latina fu scritta da Adamo Montaldo intorno al 1490.

La traduzione di Mamerot è stata pubblicata in una moderna edizione nel 2000.

Una delle versioni del Romuleon più riccamente illustrate è trasmessa dal manoscritto 9055, eseguito per ordine di Antoine de Bourgogne (figlio illegittimo di Filippo il Buono) e completato nel 1468.

I 322 fogli di pergamena sono stati vergati da David Aubert, mentre le miniature a grisaille (pittura chiaroscuro, nei toni del grigio che imitano l’effetto del bassorilievo, dando all’immagine un’evidenza scultorea, e spesso un tono austero e cupo, se non tragico ed opprimente) sono state realizzate da due diversi artisti. Continua a leggere