Una lettera di Petrarca morente a Benvenuto da Imola

petrarca

Petrarca ritratto da Altichiero di Zevio (seconda metà del XIV secolo)

Riportiamo, seguìto dalla traduzione italiana, un testo non notissimo, ossia la lettera (Senilium, XIV, 11: una sorta di autentico testamento spirituale, nel suo stile franto, contratto, ansante, ormai lontano dalle stilizzazioni letterarie, dalle sottili falsificazioni e dagli ampi giri retorici dell‘Epistula Posteritati) che, ormai in prossimità del trapasso, Petrarca trovò la forza di scrivere a Benvenuto, rispondendo ad una domanda fondamentale, che investiva la sua stessa essenza di uomo e di intellettuale.
Benvenuto (in una lettera andata perduta, ma di cui è possibile ricostruire il contenuto essenziale proprio sulla base della risposta di Petrarca) gli aveva chiesto se avessero ragione quei Padri della Chiesa che (pur tutt’altro che digiuni di cultura classica, e anzi impegnati a conciliarla con il messaggio cristiano) definivano il linguaggio poetico “cibo dei demoni”, strumento e causa di tentazione demoniaca, sprone al peccato; un problema, questo, che affiora anche in Dante (basti pensare alla figura di Francesca da Rimini, al cui peccato fu galeotta la letteratura cortese, o al suadente, seduttivo e fuorviante canto di Casella). Continua a leggere