Uno scambio poetico fra Jacopo de’ Carradori e Pietro Alighieri intorno al problema del libero arbitrio in Dante

stemma_alighieri_02

 

Di Jacopo de’ Carradori (certo la figura più significativa, insieme a Benvenuto, dell’intero Trecento letterario imolese, e i cui scarni tratti biografici – seconda metà del quattordicesimo secolo; notaio; soggiorni a Bologna, Padova, Avignone; amico e corrispondente di Petrarca; legato ai Francescani, di cui fu procuratore; consigliere di papa Benedetto XII e, in vecchiaia, tornato a Imola, di Beltrando Alidosi -, affidati all’annalistica e alla cronachistica locali, ci sono noti principalmente grazie alla cinquecentesca Historia Imolae, conservata manoscritta e inedita nella biblioteca cittadina, dell’umanista Giovanni Antonio Flaminio, alla quale attinsero i biografi successivi) il codice 445 della Biblioteca Capitolare di Verona ci restituisce, fra le altre cose, un prezioso scambio di sonetti con Pietro Alighieri, figlio e commentatore del Sommo Vate, incentrato sullo spinoso problema dell’interpretazione del libero arbitrio nell’opera paterna (la sua vasta e solenne canzone allegorica Ne l’ora che la bella concubina, vero capolavoro, sarà invece pubblicata, con apparato di note, prossimamente).
La risposta per le rime di Pietro, sollecitato da Jacopo, non si discosta, in apparenza, dall’ortodossia: come aveva scritto Dante nel sedicesimo canto del Purgatorio, “Voi che vivete ogne cagion recate / pur suso al cielo, pur come se tutto / movesse seco di Continua a leggere