La lettera dedicatoria dell'”Augustalis libellus” di Benvenuto Rambaldi: una visione della storia fra Medioevo e Umanesimo

augustalis

L’indice dell’edizione basileese di Petrarca.

L‘Augustalis libellus, breve opera storiografica di Benvenuto da Imola (oggi dimenticata, ma che ebbe l’onore di essere portata a termine da Enea Silvio Piccolomini e di essere inclusa, unitamente al commento dello stesso Benvenuto al Bucolicum carmen di Petrarca, nell’edizione basileese del 1581 delle opere petrarchesche), altro non è, invero, che una stringatissima rassegna degli imperatori romani, con lapidaria indicazione degli anni di regno, delle imprese compiute e dei principali tratti etici e caratteriali.
Di particolare rilievo, però, il proemio, in cui, dopo aver riconosciuto come l’impostazione cristiana, cristocentrica, della storiografia tendesse ad applicare ai fatti storici la stessa “interpretazione figurale” riservata alla storia biblica, e dunque a fare di un dato personaggio “figura” – nel duplice senso di anticipazione o realizzazione, prefigurazione o ripresa, preannuncio o riverbero – di altri, in ossequio ad un superiore disegno metastorico e provvidenziale (Giulio Cesare prefigurazione dell’Impero come il Battista del Cristo), Benvenuto sostiene di aver preferito attenersi, nella disposizione cronologica e nella narrazione dei fatti, piuttosto agli storici pagani, più attenti alla specificità terrena, umana e concreta degli accadimenti. Continua a leggere