L’epistola di Pier Paolo Vergerio sulla morte di Benvenuto

vergerio

Nel 1390, l’umanista Pier Paolo Vergerio, esponente, con il De ingenuis moribus, la sua opera forse più celebre, della grande pedagogia umanistica teorizzata da Battista Guarini e da Vittorino da Feltre (quella pedagogia che, superando certi schematismi e dogmatismi dell’insegnamento medievale, irrigidito sul sistema delle sette artes liberales codificato da Cassiodoro nella tarda antichità, rivisitò l’ideale classico di una paideia aperta, duttile, capace di abbracciare e far dialogare le une con le altre tutte le discipline), esprimeva, in una breve ma toccante epistola, perfetta espressione del latino preumanistico, della sua misurata e armoniosa retorica e della sua ricchezza di richiami ed echi classici, il proprio sincero dolore alla notizia (peraltro tardiva di un paio d’anni) della morte di Benvenuto Rambaldi. Continua a leggere