Jean Le Tavernier illustratore del “Romuleon”: un’analisi stilistica e ideologica

Il Romuleon è un’opera in latino che narra la storia di Roma, dalle origini fino a Diocleziano. Venne scritto da Benvenuto da Imola, nella seconda metà del XIV secolo. In séguito ne furono realizzate due diverse traduzioni: nel 1460 il Romuléon MS 850 di Jean Miélot, per Filippo il Buono, Duca di Borgogna; nel 1466 il Romuléon di Sébastien Mamerot, per Louis de Laval, signore di Châtillon.

Una seconda versione latina fu scritta da Adamo Montaldo intorno al 1490.

La traduzione di Mamerot è stata pubblicata in una moderna edizione nel 2000.

Una delle versioni del Romuleon più riccamente illustrate è trasmessa dal manoscritto 9055, eseguito per ordine di Antoine de Bourgogne (figlio illegittimo di Filippo il Buono) e completato nel 1468.

I 322 fogli di pergamena sono stati vergati da David Aubert, mentre le miniature a grisaille (pittura chiaroscuro, nei toni del grigio che imitano l’effetto del bassorilievo, dando all’immagine un’evidenza scultorea, e spesso un tono austero e cupo, se non tragico ed opprimente) sono state realizzate da due diversi artisti. Continua a leggere

Analisi iconologica di una miniatura del “Romuleon”

 

TITOLO: Benvenuto rende omaggio a Gomez Albornoz
CODICE: Bodmer 143
AUTORE: Sconosciuto
ANNO: 1440
NAZIONE: Cologny, Francia
SUPPORTO: Pergamena
TECNICA PITTORICA: Vergatura
DIMENSIONE: 34×24,6 cm
CORRENTE ARTISTICA: Gotico Fiorito
STATO DI CONSERVAZIONE: Manoscritto ridimensionato per l’impaginazione
UBICAZIONE DELL’OPERA GENERALE: Svizzera

Non c’è forse miglior accompagnamento, per la lettera dedicatoria che prelude al Romuleon, di quello visivo, offerto dalla miniatura del codice Bodmer 143 sopra riprodotta.

In relazione al contesto storico e culturale in cui è inserita, a cavallo fra Trecento e Quattrocento, presentando chiari elementi gotici, oltre ad uno spiccato approccio scientifico, particolarmente evidente nella rappresentazione dei soggetti botanici, la miniatura appare ricca di significati iconografici e di aspetti riconducibili alla società del tempo. Continua a leggere