Una lettera di Petrarca morente a Benvenuto da Imola

petrarca

Petrarca ritratto da Altichiero di Zevio (seconda metà del XIV secolo)

Riportiamo, seguìto dalla traduzione italiana, un testo non notissimo, ossia la lettera (Senilium, XIV, 11: una sorta di autentico testamento spirituale, nel suo stile franto, contratto, ansante, ormai lontano dalle stilizzazioni letterarie, dalle sottili falsificazioni e dagli ampi giri retorici dell‘Epistula Posteritati) che, ormai in prossimità del trapasso, Petrarca trovò la forza di scrivere a Benvenuto, rispondendo ad una domanda fondamentale, che investiva la sua stessa essenza di uomo e di intellettuale.
Benvenuto (in una lettera andata perduta, ma di cui è possibile ricostruire il contenuto essenziale proprio sulla base della risposta di Petrarca) gli aveva chiesto se avessero ragione quei Padri della Chiesa che (pur tutt’altro che digiuni di cultura classica, e anzi impegnati a conciliarla con il messaggio cristiano) definivano il linguaggio poetico “cibo dei demoni”, strumento e causa di tentazione demoniaca, sprone al peccato; un problema, questo, che affiora anche in Dante (basti pensare alla figura di Francesca da Rimini, al cui peccato fu galeotta la letteratura cortese, o al suadente, seduttivo e fuorviante canto di Casella). Continua a leggere

La dedica del “Romuleon” di Benvenuto da Imola a Gomez Albornoz

miniaturaromuleon

 

Presentiamo (accompagnandola con il passo corrispondente nel volgarizzamento trecentesco che l’infaticabile erudito Francesco Zambrini, includendone le pagine iniziali nelle Prose e rime d’autori imolesi del secolo quattordicesimo, edite a Imola, da Galeati, nel 1846, non escludeva potesse essere opera dello stesso Benvenuto)  la lettera dedicatoria del Romuleon, vasta e dotta, anche se non originale, compilazione sulla storia romana dalle origini a Teodosio, che, oggi perlopiù dimenticata (ma si veda, felice eccezione, il libro di Frédéric Duval sulla fortuna dell’opera in Francia), ebbe fino a tutto il Quattrocento vasta diffusione e diverse traduzioni, anche in francese.
L’opera tocca forse il suo maggiore pregio letterario e il suo più rilevante significato culturale, oltre che nel proemio (di cui saranno presentati, nel solo volgarizzamento, vari passaggi, e in cui la visione provvidenzialistica della storia tipica del Medioevo Continua a leggere