Agnese Fontana – “Duplex allegoria. Proserpina e Matelda nel commento di Benvenuto”

Nicomaco (?), “Ratto di Persefone”, Cimitero Reale di Verghina, IV secolo a.C.

 

Presento una breve sintesi esplicativa, elaborata da un’alunna, dell’interpretazione benvenutiana della figura dantesca, ancor oggi enigmatica, di Matelda, e in particolare della sua aggraziata e fiorita epifania nel ventottesimo del Purgatorio. La profondità, la freschezza, la vivacità naturalistica e figurativa, pur nella complessa ottica simbolica, dell’interpretazione di Benvenuto ‒ dovute certo alla maggiore prossimità culturale all’autore commentato ‒ difficilmente, credo, potrebbero trovare l’eguale in qualsiasi commento moderno, benché più rigoroso e distaccato ‒ e forse proprio per questo.

E basterebbe ciò, credo, a dimostrare l’interesse che i commenti antichi ‒ che pure anche un illustre dantista, in passato, avrebbe voluto fossero definitivamente lasciati, con il loro latino rugginoso e il loro cerebrale allegorismo, alla polvere degli archivi ‒ possono ancora rivestire, come oggetto di studio ma anche, in certa misura, come ancor vivo ed attuale strumento di comprensione del testo dantesco, agli occhi del lettore d’oggi, giovane o meno, e non solo specialista; e a ribadire che non è poi così assurdo ed ozioso, come qualcuno sostiene, “commentare un commentatore”. (M. V.) Continua a leggere

Jean Le Tavernier illustratore del “Romuleon”: un’analisi stilistica e ideologica

Il Romuleon è un’opera in latino che narra la storia di Roma, dalle origini fino a Diocleziano. Venne scritto da Benvenuto da Imola, nella seconda metà del XIV secolo. In séguito ne furono realizzate due diverse traduzioni: nel 1460 il Romuléon MS 850 di Jean Miélot, per Filippo il Buono, Duca di Borgogna; nel 1466 il Romuléon di Sébastien Mamerot, per Louis de Laval, signore di Châtillon.

Una seconda versione latina fu scritta da Adamo Montaldo intorno al 1490.

La traduzione di Mamerot è stata pubblicata in una moderna edizione nel 2000.

Una delle versioni del Romuleon più riccamente illustrate è trasmessa dal manoscritto 9055, eseguito per ordine di Antoine de Bourgogne (figlio illegittimo di Filippo il Buono) e completato nel 1468.

I 322 fogli di pergamena sono stati vergati da David Aubert, mentre le miniature a grisaille (pittura chiaroscuro, nei toni del grigio che imitano l’effetto del bassorilievo, dando all’immagine un’evidenza scultorea, e spesso un tono austero e cupo, se non tragico ed opprimente) sono state realizzate da due diversi artisti. Continua a leggere

Benvenuto e il Commento di Averroè alla “Poetica” di Aristotele

Averroè nella “Scuola di Atene” di Raffaello

 

Nel suo Commento, Benvenuto fa più volte riferimento alla Poetica di Aristotele, inscindibile, ai suoi occhi, come a quelli di tutti gli intellettuali dell’epoca, dal commento di Averroè che la accompagnava.
Contrariamente a ciò che si tende a credere, la Poetica di Aristotele non fu del tutto ignota al Medioevo (fondamentali gli studi di Henry Ansgar Kelly – ma della questione si occupò anche Eco, http://riviste.unimi.it/index.php/DoctorVirtualis/article/viewFile/47/73), sebbene la riscoperta più piena e consapevole di quel testo si abbia, ovviamente, con l’Umanesimo e il Rinascimento. Ne circolavano, nel Medioevo, almeno due diverse versioni latine (dovute l’una ad Everardo Alemanno, l’altra a Guglielmo di Moerbeke). Proprio citando la Poetica, Tommaso d’Aquino dirà (Summa theologiae, II, 1, 32, 8) che “gaudet anima in collatione unius ad alterum”: dal paragone e dall’accostamento, tramite la similitudine e la metafora di cui si serve il discorso poetico, di percezioni, immagini e concetti diversi, l’anima trae un fruttuoso piacere intellettuale. Non siamo lontani dal transumptivum genus dicendi, dallo stile metaforico, teorizzato da Dante.    Continua a leggere

Benvenuto visto dai liceali di oggi: un imolese grande e lontano

biblioteca
L’iniziativa Io amo i beni culturali, promossa dalla Sovrintendenza dell’Emilia Romagna, offrirebbe agli alunni del quarto e del quinto anno del Liceo Classico di Imola l’occasione di rivisitare (in collaborazione con la Biblioteca Comunale della nostra città) la figura e l’opera di Benvenuto Rambaldi, a cui la scuola è dedicata: un letterato del quattordicesimo secolo, nato a Imola, che insegnò nelle università di Bologna e di Ferrara, ottenendo all’epoca grande fama, e che viene spessissimo citato anche dagli studiosi moderni per il suo celebre commento alla Divina Commedia di Dante, sicuramente il migliore fra i commenti antichi al poema, particolarmente vicini al clima culturale e all’originario spirito dell’opera. Continua a leggere

Dalla dedicatoria del commento a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola

Al pari dell’Augustalis libellus, anche il commento a Valerio Massimo, che giace, ancora in massima parte inedito, nella Biblioteca Comunale di Imola (ma si vedano le pagine relative nel prezioso volume di Luca Carlo Rossi, Studi su Benvenuto da Imola, Edizioni del Galluzzo, Firenze 2016), è dedicato a Niccolò II d’Este, e vòlto a soddisfare il suo desiderio di conoscere le antiche gesta onde trarne ispirazione ed esempio.
Sul piano della documentazione biografica, la menzione del compimento del Castello Estense (edificato a scopo difensivo, dopo una rivolta popolare) porta a collocare la morte di Benvenuto non prima del 1387.
Ma l’interesse del testo, di cui si dà qui un estratto, accompagnato da una traduzione che tenta di riprodurne gli effetti di ritmo e di suono cari all’ars dictaminis medievale, non è solo documentario. Continua a leggere

La lettera dedicatoria dell'”Augustalis libellus” di Benvenuto Rambaldi: una visione della storia fra Medioevo e Umanesimo

augustalis

L’indice dell’edizione basileese di Petrarca.

L‘Augustalis libellus, breve opera storiografica di Benvenuto da Imola (oggi dimenticata, ma che ebbe l’onore di essere portata a termine da Enea Silvio Piccolomini e di essere inclusa, unitamente al commento dello stesso Benvenuto al Bucolicum carmen di Petrarca, nell’edizione basileese del 1581 delle opere petrarchesche), altro non è, invero, che una stringatissima rassegna degli imperatori romani, con lapidaria indicazione degli anni di regno, delle imprese compiute e dei principali tratti etici e caratteriali.
Di particolare rilievo, però, il proemio, in cui, dopo aver riconosciuto come l’impostazione cristiana, cristocentrica, della storiografia tendesse ad applicare ai fatti storici la stessa “interpretazione figurale” riservata alla storia biblica, e dunque a fare di un dato personaggio “figura” – nel duplice senso di anticipazione o realizzazione, prefigurazione o ripresa, preannuncio o riverbero – di altri, in ossequio ad un superiore disegno metastorico e provvidenziale (Giulio Cesare prefigurazione dell’Impero come il Battista del Cristo), Benvenuto sostiene di aver preferito attenersi, nella disposizione cronologica e nella narrazione dei fatti, piuttosto agli storici pagani, più attenti alla specificità terrena, umana e concreta degli accadimenti. Continua a leggere

La dedica del “Romuleon” di Benvenuto da Imola a Gomez Albornoz

miniaturaromuleon

 

Presentiamo (accompagnandola con il passo corrispondente nel volgarizzamento trecentesco che l’infaticabile erudito Francesco Zambrini, includendone le pagine iniziali nelle Prose e rime d’autori imolesi del secolo quattordicesimo, edite a Imola, da Galeati, nel 1846, non escludeva potesse essere opera dello stesso Benvenuto)  la lettera dedicatoria del Romuleon, vasta e dotta, anche se non originale, compilazione sulla storia romana dalle origini a Teodosio, che, oggi perlopiù dimenticata (ma si veda, felice eccezione, il libro di Frédéric Duval sulla fortuna dell’opera in Francia), ebbe fino a tutto il Quattrocento vasta diffusione e diverse traduzioni, anche in francese.
L’opera tocca forse il suo maggiore pregio letterario e il suo più rilevante significato culturale, oltre che nel proemio (di cui saranno presentati, nel solo volgarizzamento, vari passaggi, e in cui la visione provvidenzialistica della storia tipica del Medioevo Continua a leggere

“Ne l’ora che la bella concubina”, la canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (sogno, allegoria, profezia nella cultura medievale)

idra

(miniatura dal Bestiario di Rochester, XIII secolo)

La canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (alla quale dedicai, anni fa, un ampio saggio esegetico, riprodotto ora in questo sito: https://rambaldi.hypotheses.org/30) rappresenta, senza dubbio, per profondità di pensiero, finezza di stile, varietà di sfumature di significato, il più alto esito poetico del Trecento letterario imolese.
Sebbene alcuni aspetti ne possano essere chiariti alla luce del contesto storico, letterario e culturale, la sua essenza segreta è forse destinata a restare per sempre avvolta nel mistero. Precisamente in ciò, del resto, consistono il fascino e la suggestione che il testo non cessa di emanare.
Una enigmatica Signora, un tempo gloriosa, ora decaduta (si potrebbero citare le Lamentazioni di Geremia: “Quasi vidua facta est domina gentium”), e per di più insidiata da una feroce e terribile Idra, lamenta la propria condizione. Sopraggiunge un Magnanimo, che uccide e decapita l’Idra; il “velenoso sangue” di quest’ultima, asperso sugli occhi della Signora, ridona ad essi l’antica luce. Infine, fra la Signora e il Magnanimo si celebra uno sposalizio mistico, che ricorda la simbologia, cara al Medioevo, del Cantico dei cantici, variamente interpretato in chiave allegorica.   Continua a leggere

Matteo Veronesi, “Ingegno usato a le question profonde. Per un’esegesi della canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori” (“Pagine di vita e storia imolesi”, 9, 2003, pp. 267-276)

madonna-misericordia

Madonna della Misericordia, Imola, Biblioteca Comunale

Francesco Maria Mancurti, nel trascrivere la canzone Nell’ora che la bella concubina di Jacopo de’ Carradori, rimatore imolese del Trecento (canzone che sarebbe stata data alle stampe per la prima volta, su iniziativa dello stesso Mancurti, solo nel 1748, nella Raccolta di opuscoli filologici di Antonio Calogerà, e successivamente, in una veste ben più corretta ed attendibile, nelle Prose e rime di autori antichi imolesi, edite da Galeati, per le cure di Francesco Zambrini, nel 1846), auspicava che in un futuro un qualche “erudito ingegno” riuscisse a “disvelare il vero senso” di quel testo complesso e a tratti oscuro.

Non ho la pretesa di essere io quell’”erudito ingegno”; credo, tuttavia, che i materiali, i richiami e le ipotesi interpretative contenuti nelle brevi pagine che seguono possano rivelarsi di una qualche utilità ai fini di una migliore comprensione di un testo che presenta, nel panorama della vastissima e spesso scialba rimeria trecentesca, non pochi motivi di interesse, e che costituisce forse, insieme a certe pagine di Benvenuto da Imola commentatore e storiografo, l’esito più alto del cosiddetto – e invero piuttosto frammentario, se non evanescente – “Trecento letterario imolese”. Continua a leggere