Coluccio Salutati rimprovera Benvenuto per la rozzezza del suo stile

 

coluccio

(Masaccio, presunto ritratto di Coluccio Salutati, Firenze, Cappella Brancacci)

 

Nell’epistola del 1383 di cui riportiamo l’esordio, Coluccio Salutati, grande preumanista, anzi  forse il vero iniziatore dell’Umanesimo fatto di sapienza filologica, esaltazione della dignità dell’uomo, conciliazione fra sapienza cristiana e cultura classica (basti pensare all’eco che, nel suo capolavoro, il trattato De laboribus Herculis, ha la concezione dantesca dell’allegoria, come traspare dalla definizione del poeta quale “metrico figurativoque sermone sub alicuius narrationis misterio vera recondens”, ossia colui che “nasconde, con un discorso poetico e metaforico, la verità sotto l’enigma di una qualche rappresentazione”), coglie, ad un tempo, il più grande pregio e insieme il più grande difetto (ma insieme, del resto, una delle caratteristiche più salienti) del commento dantesco di Benvenuto: da un lato la sottigliezza, la precisione, l’esattezza, e insieme la ricchezza, la varietà,la vivacità intellettuale, delle interpretazioni (“inauditas atque digestas Continua a leggere