Agnese Fontana – “Duplex allegoria. Proserpina e Matelda nel commento di Benvenuto”

Nicomaco (?), “Ratto di Persefone”, Cimitero Reale di Verghina, IV secolo a.C.

 

Presento una breve sintesi esplicativa, elaborata da un’alunna, dell’interpretazione benvenutiana della figura dantesca, ancor oggi enigmatica, di Matelda, e in particolare della sua aggraziata e fiorita epifania nel ventottesimo del Purgatorio. La profondità, la freschezza, la vivacità naturalistica e figurativa, pur nella complessa ottica simbolica, dell’interpretazione di Benvenuto ‒ dovute certo alla maggiore prossimità culturale all’autore commentato ‒ difficilmente, credo, potrebbero trovare l’eguale in qualsiasi commento moderno, benché più rigoroso e distaccato ‒ e forse proprio per questo.

E basterebbe ciò, credo, a dimostrare l’interesse che i commenti antichi ‒ che pure anche un illustre dantista, in passato, avrebbe voluto fossero definitivamente lasciati, con il loro latino rugginoso e il loro cerebrale allegorismo, alla polvere degli archivi ‒ possono ancora rivestire, come oggetto di studio ma anche, in certa misura, come ancor vivo ed attuale strumento di comprensione del testo dantesco, agli occhi del lettore d’oggi, giovane o meno, e non solo specialista; e a ribadire che non è poi così assurdo ed ozioso, come qualcuno sostiene, “commentare un commentatore”. (M. V.) Continua a leggere