“Ne l’ora che la bella concubina”, la canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (sogno, allegoria, profezia nella cultura medievale)

idra

(miniatura dal Bestiario di Rochester, XIII secolo)

La canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (alla quale dedicai, anni fa, un ampio saggio esegetico, riprodotto ora in questo sito: https://rambaldi.hypotheses.org/30) rappresenta, senza dubbio, per profondità di pensiero, finezza di stile, varietà di sfumature di significato, il più alto esito poetico del Trecento letterario imolese.
Sebbene alcuni aspetti ne possano essere chiariti alla luce del contesto storico, letterario e culturale, la sua essenza segreta è forse destinata a restare per sempre avvolta nel mistero. Precisamente in ciò, del resto, consistono il fascino e la suggestione che il testo non cessa di emanare.
Una enigmatica Signora, un tempo gloriosa, ora decaduta (si potrebbero citare le Lamentazioni di Geremia: “Quasi vidua facta est domina gentium”), e per di più insidiata da una feroce e terribile Idra, lamenta la propria condizione. Sopraggiunge un Magnanimo, che uccide e decapita l’Idra; il “velenoso sangue” di quest’ultima, asperso sugli occhi della Signora, ridona ad essi l’antica luce. Infine, fra la Signora e il Magnanimo si celebra uno sposalizio mistico, che ricorda la simbologia, cara al Medioevo, del Cantico dei cantici, variamente interpretato in chiave allegorica.   Continua a leggere

Matteo Veronesi, “Ingegno usato a le question profonde. Per un’esegesi della canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori” (“Pagine di vita e storia imolesi”, 9, 2003, pp. 267-276)

madonna-misericordia

Madonna della Misericordia, Imola, Biblioteca Comunale

Francesco Maria Mancurti, nel trascrivere la canzone Nell’ora che la bella concubina di Jacopo de’ Carradori, rimatore imolese del Trecento (canzone che sarebbe stata data alle stampe per la prima volta, su iniziativa dello stesso Mancurti, solo nel 1748, nella Raccolta di opuscoli filologici di Antonio Calogerà, e successivamente, in una veste ben più corretta ed attendibile, nelle Prose e rime di autori antichi imolesi, edite da Galeati, per le cure di Francesco Zambrini, nel 1846), auspicava che in un futuro un qualche “erudito ingegno” riuscisse a “disvelare il vero senso” di quel testo complesso e a tratti oscuro.

Non ho la pretesa di essere io quell’”erudito ingegno”; credo, tuttavia, che i materiali, i richiami e le ipotesi interpretative contenuti nelle brevi pagine che seguono possano rivelarsi di una qualche utilità ai fini di una migliore comprensione di un testo che presenta, nel panorama della vastissima e spesso scialba rimeria trecentesca, non pochi motivi di interesse, e che costituisce forse, insieme a certe pagine di Benvenuto da Imola commentatore e storiografo, l’esito più alto del cosiddetto – e invero piuttosto frammentario, se non evanescente – “Trecento letterario imolese”. Continua a leggere