Benvenuto e il Commento di Averroè alla “Poetica” di Aristotele

Averroè nella “Scuola di Atene” di Raffaello

 

Nel suo Commento, Benvenuto fa più volte riferimento alla Poetica di Aristotele, inscindibile, ai suoi occhi, come a quelli di tutti gli intellettuali dell’epoca, dal commento di Averroè che la accompagnava.
Contrariamente a ciò che si tende a credere, la Poetica di Aristotele non fu del tutto ignota al Medioevo (fondamentali gli studi di Henry Ansgar Kelly – ma della questione si occupò anche Eco, http://riviste.unimi.it/index.php/DoctorVirtualis/article/viewFile/47/73), sebbene la riscoperta più piena e consapevole di quel testo si abbia, ovviamente, con l’Umanesimo e il Rinascimento. Ne circolavano, nel Medioevo, almeno due diverse versioni latine (dovute l’una ad Everardo Alemanno, l’altra a Guglielmo di Moerbeke). Proprio citando la Poetica, Tommaso d’Aquino dirà (Summa theologiae, II, 1, 32, 8) che “gaudet anima in collatione unius ad alterum”: dal paragone e dall’accostamento, tramite la similitudine e la metafora di cui si serve il discorso poetico, di percezioni, immagini e concetti diversi, l’anima trae un fruttuoso piacere intellettuale. Non siamo lontani dal transumptivum genus dicendi, dallo stile metaforico, teorizzato da Dante.    Continua a leggere

Il Catone di Dante visto da Benvenuto (e dagli studenti)

Splendida miniatura dal manoscritto Yates Thompson 36 della British Library, il cui committente fu Alfonso d’Aragona. La tinta mite e tersa dello sfondo, su cui risalta il pur remoto scintillio del firmamento, la limpidezza traslucida dell’acqua, la composta e misurata evidenza scultorea (che quasi ha ancora qualcosa di romanico) dei corpi, rendono mirabilmente l’ariosa e tremula atmosfera purgatoriale, il “dolce color d’orïental zaffiro / che s’accoglieva nel sereno aspetto / del mezzo, puro infino al primo giro”, ben lontano dall'”aura morta” dell'”Inferno”. (Matteo Veronesi)

 

Notandum etiam quod aliqui sunt liberi et servi a natura, aliqui a fortuna, ut probat Philosophus libro Politicorum: naturaliter enim sapientes et qui vigent intellectu dominantur, et insipientes et carentes ratione serviunt. Alii vero servi et liberi a fortuna, sicut capti in bello efficiuntur servi capientium, et victores liberi imponunt leges victis de iure gentium, aut praetio vendunt. Et quid populus liber poterat dare maius libertate? Naturale enim est omni homini allici libertatis amore; ideo bene Cato liber homo natus in libera civitate merito oderat Caesarem, qui libertatem quingentorum annorum abstulerat de Roma. Notandum etiam, quod vera libertas nunquam inventa est, et nusquam nec apud romanos, nec apud graecos, et multo minus apud alios populos, tamen romanus fuit liberior cunctis et diutius; et omnis populus, quando habet, abutitur libertate. Vera tamen libertas est libertas animi, qui est liber a vitiis, et hanc sibi quisque potest dare quantumcumque sit in servitute vel captivitate alterius positus, et hanc nullus potest eripere habenti. Hanc non eripuit Dionysius tyrannus sapienti Platoni. Hanc libertatem quaerebat hic nobilis poeta Dantes. Et ut cito veniam ad propositum, Virgilius videtur sic arguere: si Cato philosophus paganus toleravit omnia incommoda discrimina adversa, et etiam sponte se occidit pro libertate temporali defendenda, quia, ut ait Valerius, neque libertas vixit post Catonem, quanto melius poeta christianus pro acquirenda libertate aeterna, debet alto animo tolerare omnes labores, et aspera, et si expediat mortem, ut liber evadat a servitute hostium, scilicet vitiorum, quae tam diu obsederant illam nobilem animam in carcere corporis? Nunc ad literam: dicit Virgilius Catoni de Dante: Libertà va cercando ch’è sì cara, quam quidam gloriosae mortis praetio emerunt, sicut scribit Augustinus De Civitate Dei de Cleombroto philosopho, qui lecto libro Platonis de immortalitate animae praecipitavit se de alto muro, ut ad vitam aeternam ex hac vita mortali miseriae transmigraret. Simile fecit Cato; unde adducit ipsum in exemplum, dicens: come fa chi per lei vita rifiuta, sicut tu Cato fecisti.

Si deve notare che alcuni sono liberi o servi per natura, altri per destino, come dimostra Aristotele nella Politica: per natura, infatti, i saggi e coloro che valgono per intelletto dominano, e gli stolti e i privi di ragione sono servi. Altri invero sono servi o liberi per destino, come ad esempio coloro che sono stati catturati in guerra divengono servi di coloro che li catturano, e i vincitori liberi impongono leggi ai vinti in accordo con il diritto, o li vendono. E cosa un popolo libero potrebbe cedere, più che la libertà? Per ogni uomo è naturale essere preso dall’amore per la libertà; perciò a ragione Catone, nato uomo libero in una libera città, odiava Cesare, che aveva strappato a Roma la libertà di cinquant’anni. Continua a leggere

Coluccio Salutati rimprovera Benvenuto per la rozzezza del suo stile

 

coluccio

(Masaccio, presunto ritratto di Coluccio Salutati, Firenze, Cappella Brancacci)

 

Nell’epistola del 1383 di cui riportiamo l’esordio, Coluccio Salutati, grande preumanista, anzi  forse il vero iniziatore dell’Umanesimo fatto di sapienza filologica, esaltazione della dignità dell’uomo, conciliazione fra sapienza cristiana e cultura classica (basti pensare all’eco che, nel suo capolavoro, il trattato De laboribus Herculis, ha la concezione dantesca dell’allegoria, come traspare dalla definizione del poeta quale “metrico figurativoque sermone sub alicuius narrationis misterio vera recondens”, ossia colui che “nasconde, con un discorso poetico e metaforico, la verità sotto l’enigma di una qualche rappresentazione”), coglie, ad un tempo, il più grande pregio e insieme il più grande difetto (ma insieme, del resto, una delle caratteristiche più salienti) del commento dantesco di Benvenuto: da un lato la sottigliezza, la precisione, l’esattezza, e insieme la ricchezza, la varietà,la vivacità intellettuale, delle interpretazioni (“inauditas atque digestas Continua a leggere

Benvenuto visto dai liceali di oggi: un imolese grande e lontano

biblioteca
L’iniziativa Io amo i beni culturali, promossa dalla Sovrintendenza dell’Emilia Romagna, offrirebbe agli alunni del quarto e del quinto anno del Liceo Classico di Imola l’occasione di rivisitare (in collaborazione con la Biblioteca Comunale della nostra città) la figura e l’opera di Benvenuto Rambaldi, a cui la scuola è dedicata: un letterato del quattordicesimo secolo, nato a Imola, che insegnò nelle università di Bologna e di Ferrara, ottenendo all’epoca grande fama, e che viene spessissimo citato anche dagli studiosi moderni per il suo celebre commento alla Divina Commedia di Dante, sicuramente il migliore fra i commenti antichi al poema, particolarmente vicini al clima culturale e all’originario spirito dell’opera. Continua a leggere

Uno scambio poetico fra Jacopo de’ Carradori e Pietro Alighieri intorno al problema del libero arbitrio in Dante

stemma_alighieri_02

 

Di Jacopo de’ Carradori (certo la figura più significativa, insieme a Benvenuto, dell’intero Trecento letterario imolese, e i cui scarni tratti biografici – seconda metà del quattordicesimo secolo; notaio; soggiorni a Bologna, Padova, Avignone; amico e corrispondente di Petrarca; legato ai Francescani, di cui fu procuratore; consigliere di papa Benedetto XII e, in vecchiaia, tornato a Imola, di Beltrando Alidosi -, affidati all’annalistica e alla cronachistica locali, ci sono noti principalmente grazie alla cinquecentesca Historia Imolae, conservata manoscritta e inedita nella biblioteca cittadina, dell’umanista Giovanni Antonio Flaminio, alla quale attinsero i biografi successivi) il codice 445 della Biblioteca Capitolare di Verona ci restituisce, fra le altre cose, un prezioso scambio di sonetti con Pietro Alighieri, figlio e commentatore del Sommo Vate, incentrato sullo spinoso problema dell’interpretazione del libero arbitrio nell’opera paterna (la sua vasta e solenne canzone allegorica Ne l’ora che la bella concubina, vero capolavoro, sarà invece pubblicata, con apparato di note, prossimamente).
La risposta per le rime di Pietro, sollecitato da Jacopo, non si discosta, in apparenza, dall’ortodossia: come aveva scritto Dante nel sedicesimo canto del Purgatorio, “Voi che vivete ogne cagion recate / pur suso al cielo, pur come se tutto / movesse seco di Continua a leggere