Giulia Conti*, “‘Famosissimus orator, historicus, poeta’: le ‘recollecte’ bolognesi a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola” (1)

vanagloria-altichiero-giotto

Altichiero di Zevio (seconda metà del XIV secolo), Allegoria della Gloria terrena, Milano, Palazzo Ducale

Benvenuto da Imola, secondo la fortunata espressione di Giuseppe Billanovich (2), fu un famoso “auctorista” del quattordicesimo secolo, vissuto tra la natia Imola, Bologna e Ferrara. Durante la sua carriera di insegnante, compose commenti a svariate opere di auctores latini e moderni, tra i quali quello che di certo ebbe più fortuna fu il commento alla dantesca Commedia. Per la tesi ho preferito occuparmi del Benvenuto per così dire minore, ovvero di quello che chiosa i Dictorum et Factorum Memorabilium Libri dello storico latino Valerio Massimo. In realtà Valerio è relegato tra i cosiddetti storici conformisti, ovvero storici che, perduta la libertas repubblicana, che aveva nutrito alti ingegni, devono in qualche modo barcamenarsi nella nuova dimensione politica e perciò non esitano a bruciare più di qualche manciata di incenso sull’altare della nuova casa regnante. Continua a leggere

La dedica del “Romuleon” di Benvenuto da Imola a Gomez Albornoz

miniaturaromuleon

 

Presentiamo (accompagnandola con il passo corrispondente nel volgarizzamento trecentesco che l’infaticabile erudito Francesco Zambrini, includendone le pagine iniziali nelle Prose e rime d’autori imolesi del secolo quattordicesimo, edite a Imola, da Galeati, nel 1846, non escludeva potesse essere opera dello stesso Benvenuto)  la lettera dedicatoria del Romuleon, vasta e dotta, anche se non originale, compilazione sulla storia romana dalle origini a Teodosio, che, oggi perlopiù dimenticata (ma si veda, felice eccezione, il libro di Frédéric Duval sulla fortuna dell’opera in Francia), ebbe fino a tutto il Quattrocento vasta diffusione e diverse traduzioni, anche in francese.
L’opera tocca forse il suo maggiore pregio letterario e il suo più rilevante significato culturale, oltre che nel proemio (di cui saranno presentati, nel solo volgarizzamento, vari passaggi, e in cui la visione provvidenzialistica della storia tipica del Medioevo Continua a leggere