Emilio Pasquini sul latino di Benvenuto e sul problema della traduzione

Emilio Pasquini

 

Abbiamo l’onore di riportare, per gentile concessione, la prefazione del grande dantista Emilio Pasquini alla ristampa anastatica della traduzione italiana del commento di Benvenuto (a tutt’oggi l’unica, benché lacunosa e in più punti inaffidabile, oltre che inevitabilmente datata nello stile) compiuta nell’Ottocento dal Tamburini, e ancora apprezzata e citata da Pascoli nei suoi arditi e numinosi scritti danteschi.
La prefazione coglie alcuni aspetti essenziali, sui quali gli studenti sono invitati a riflettere: la ricchezza, la varietà, il plurilinguismo e il pluristilismo (essi stessi di stampo dantesco) del latino di Benvenuto, capace di spaziare dal rigore concettuale della dissertazione e della lezione accademica alla vivacità dell’aneddoto e della nota di colore (sull’impiego, da Continua a leggere

Benvenuto visto dai liceali di oggi: un imolese grande e lontano

biblioteca
L’iniziativa Io amo i beni culturali, promossa dalla Sovrintendenza dell’Emilia Romagna, offrirebbe agli alunni del quarto e del quinto anno del Liceo Classico di Imola l’occasione di rivisitare (in collaborazione con la Biblioteca Comunale della nostra città) la figura e l’opera di Benvenuto Rambaldi, a cui la scuola è dedicata: un letterato del quattordicesimo secolo, nato a Imola, che insegnò nelle università di Bologna e di Ferrara, ottenendo all’epoca grande fama, e che viene spessissimo citato anche dagli studiosi moderni per il suo celebre commento alla Divina Commedia di Dante, sicuramente il migliore fra i commenti antichi al poema, particolarmente vicini al clima culturale e all’originario spirito dell’opera. Continua a leggere

Giulia Conti*, “‘Famosissimus orator, historicus, poeta’: le ‘recollecte’ bolognesi a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola” (1)

vanagloria-altichiero-giotto

Altichiero di Zevio (seconda metà del XIV secolo), Allegoria della Gloria terrena, Milano, Palazzo Ducale

Benvenuto da Imola, secondo la fortunata espressione di Giuseppe Billanovich (2), fu un famoso “auctorista” del quattordicesimo secolo, vissuto tra la natia Imola, Bologna e Ferrara. Durante la sua carriera di insegnante, compose commenti a svariate opere di auctores latini e moderni, tra i quali quello che di certo ebbe più fortuna fu il commento alla dantesca Commedia. Per la tesi ho preferito occuparmi del Benvenuto per così dire minore, ovvero di quello che chiosa i Dictorum et Factorum Memorabilium Libri dello storico latino Valerio Massimo. In realtà Valerio è relegato tra i cosiddetti storici conformisti, ovvero storici che, perduta la libertas repubblicana, che aveva nutrito alti ingegni, devono in qualche modo barcamenarsi nella nuova dimensione politica e perciò non esitano a bruciare più di qualche manciata di incenso sull’altare della nuova casa regnante. Continua a leggere