Coluccio Salutati rimprovera Benvenuto per la rozzezza del suo stile

 

coluccio

(Masaccio, presunto ritratto di Coluccio Salutati, Firenze, Cappella Brancacci)

 

Nell’epistola del 1383 di cui riportiamo l’esordio, Coluccio Salutati, grande preumanista, anzi  forse il vero iniziatore dell’Umanesimo fatto di sapienza filologica, esaltazione della dignità dell’uomo, conciliazione fra sapienza cristiana e cultura classica (basti pensare all’eco che, nel suo capolavoro, il trattato De laboribus Herculis, ha la concezione dantesca dell’allegoria, come traspare dalla definizione del poeta quale “metrico figurativoque sermone sub alicuius narrationis misterio vera recondens”, ossia colui che “nasconde, con un discorso poetico e metaforico, la verità sotto l’enigma di una qualche rappresentazione”), coglie, ad un tempo, il più grande pregio e insieme il più grande difetto (ma insieme, del resto, una delle caratteristiche più salienti) del commento dantesco di Benvenuto: da un lato la sottigliezza, la precisione, l’esattezza, e insieme la ricchezza, la varietà,la vivacità intellettuale, delle interpretazioni (“inauditas atque digestas Continua a leggere

Giulia Conti*, “‘Famosissimus orator, historicus, poeta’: le ‘recollecte’ bolognesi a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola” (1)

vanagloria-altichiero-giotto

Altichiero di Zevio (seconda metà del XIV secolo), Allegoria della Gloria terrena, Milano, Palazzo Ducale

Benvenuto da Imola, secondo la fortunata espressione di Giuseppe Billanovich (2), fu un famoso “auctorista” del quattordicesimo secolo, vissuto tra la natia Imola, Bologna e Ferrara. Durante la sua carriera di insegnante, compose commenti a svariate opere di auctores latini e moderni, tra i quali quello che di certo ebbe più fortuna fu il commento alla dantesca Commedia. Per la tesi ho preferito occuparmi del Benvenuto per così dire minore, ovvero di quello che chiosa i Dictorum et Factorum Memorabilium Libri dello storico latino Valerio Massimo. In realtà Valerio è relegato tra i cosiddetti storici conformisti, ovvero storici che, perduta la libertas repubblicana, che aveva nutrito alti ingegni, devono in qualche modo barcamenarsi nella nuova dimensione politica e perciò non esitano a bruciare più di qualche manciata di incenso sull’altare della nuova casa regnante. Continua a leggere

Uno scambio poetico tra Franco Sacchetti e la signoria alidosiana

stemma-alidosi

 

Iniziamo questo piccolo viaggio, non rigorosamente cronologico, attraverso il Trecento letterario imolese (che, benché dubbio e quasi evanescente come oggetto storiografico, costituisce il retroterra primo e più remoto su cui e da cui si forma la personalità di Benvenuto Rambaldi, che, nato a Imola nel terzo decennio del Trecento, ricevette la prima formazione dal padre, Boncompagno, notaio e magister sia di diritto che di letteratura) con uno scambio di sonetti “per le rime” tra Franco Sacchetti (rimatore e novelliere che del modello boccacciano ebbe la limpidezza e l’eleganza, ma non l’orginalità e l’energia espressiva) e Venanzio da Camerino, oscuro grammaticus dell’Ateneo bolognese a cui Lodovico Alidosi, signore di Imola, amante delle lettere, diede l’incarico di redigere il sonetto di risposta a quello di omaggio che il Sacchetti gli aveva indirizzato.
Era stata, peraltro, proprio la signoria alidosiana, nella persona di Beltrando, padre di Lodovico, a determinare, poco dopo il 1365, l’esilio di Benvenuto, che in occasione di un’ambasceria ad Avignone per conto del Senato della città aveva sollecitato invano l’intervento del papa Urbano V precisamente contro gli Alidosi, che invece divennero vicari dello stesso Pontefice.
A Lodovico Alidosi sono indirizzate alcune epistole di Coluccio Salutati, importante figura di umanista, fautore di un “umanesimo civile” che fondesse impegno culturale e militanza politica, e di una visione della poesia che conciliasse l’interpretazione allegorica vòlta a cogliere sub velamine e sub tegmine, sotto il velo esteriore della lettera, i sensi nascosti del testo con un apprezzamento già pienamente umanistico della parola letteraria nel suo intrinseco valore storico ed espressivo e nella sua accertabile consistenza filologica.
In una di queste epistole (XIII, 3, con tutta probabilità del 1402) Salutati fisserà alcuni punti fondamentali del clima culturale che, delineatosi nella seconda metà del Trecento con il coinvolgimento anche di realtà culturali periferiche come quella imolese, sfocerà nella grande stagione umanistico-rinascimentale: “scire nostrum nihil aliud est nisi rationabiliter dubitare”, la conoscenza nasce da un dubbio temperato, e in parte superato, dall’uso della ragione; “adeo tamen cuncta sunt oppleta tenebris”, a tal punto, tuttavia, qualsiasi conoscenza, per quanto direttamente e profondamente acquisita, è ricoperta e velata di tenebre, che essa deve comunque essere supportata e corroborata dagli artifici della retorica e dalle finezze e dalle sottigliezze dello stile.
Anche se il latinus grossus, il maternus sermo, il latino vivace, corposo, vicino al parlato, a tratti rozzo, di Benvenuto (caratteri, questi, di cui lo stesso Salutati lo rimprovera bonariamente in un’epistola) non possiedono tale limpidezza e tale finezza, il clima intellettuale e culturale in cui matura il suo appassionato lavoro di commentatore dei classici antichi e moderni non è lontano da quello or ora delineato: un assiduo scavo nelle profondità stratificate e moltepici del testo, onde portarne alla luce il senso riposto e segreto.

(Matteo Veronesi)

Franco Sacchetti a Lodovico Alidosi

Caro Signore, Messer Lodovico(1),
quel primo Amor (2) che mi tirò amando
inverso il vostro buon messer Beltrando
quell’or mi muove (3) a esser vostro amico.

E bench’io sia di virtù mendico,
per lo famoso suon (4), che va volando
del valor, che seguiste desiando (5),
di voi in questi versi alquanto (6) dico.

E così dee ciascun, che vede, o sente
quai prìncipi son quei de l’Universo,
li vostri pari amar con tutta mente (7);

però che ‘l mondo è sì mancato, e perso
che quando surge chi ragion consente
franco divien tal ch’era già sommerso (8).

1) Lodovico degli Alidosi, signore di Imola. 2) “Primo amore” potrebbe indicare sia il precedente sentimento che il poeta nutriva nei confronti di Beltrando Alidosi, sia un amore superiore, originario, d’ispirazione celeste, da cui derivano e da cui si irraggiano tutti i sentimenti terreni. 3) Quello stesso Amore ora mi spinge… Gioco etimologico fra amicizia e amore, che hanno la stessa radice. 4) Fama, gloria. 5) Della virtù che perseguiste, desiderando emularla. 6) Un poco. 7) La sovranità terrena è specchio ed emanazione di quella celeste; l’una e l’altra devono essere amate e venerate con la stessa devozione. 8) Un sovrano giusto e saggio restaura la Ratio, l’Ordine che presiedono tanto all’universo, quanto alla societas terrena, liberando gli uomini dallo smarrimento e dal caos.

Risposta di Venanzio da Camerino per conto di Lodovico Alidosi

Franco mio caro, il perfetto e antico
amor, che nel sonetto ricordando
scrivete, il padre mio tanto esaltando,
novellamente nel mio cuore applìco (1);

e tanto parmi il vostro dir pudico
che, come vostra fama va mostrando,
e voi fra i vertuosi rimembrando,
credo che siate de’ vizi inimico.

E credo amor v’inganni certamente,
tanto lodarmi del polito (2) verso,
ch’io molto ecceda fra la poca gente.

Confesso ben ch’ognor mi par converso (3)
alle suggestion del Gran Serpente
lasciando il cielo sì polito e terso.

1) Sento, nutro nuovamente nel mio cuore. 2) Cortese, gentile, ma anche stilisticamente raffinato. Ideale latino del “decus”. 3) Chiusa enigmatica, di cui è difficile individuare il soggetto. Forse si allude al fatto che l’Amore celeste, la Ratio che governa l’universo, rischiano di corrompersi, di soggiacere alle suggestioni diaboliche (al “Gran Serpente”), quando discendono sulla terra e si contaminano degli accadimenti politici e dei giochi di potere, lasciando invece puro e perfetto il mondo celeste. Sembra affiorare l’antitesi, agostiniana e anche dantesca, fra la Civitas Dei e la Civitas Hominis.

Spunti d’analisi e di riflessione

Qual è la concezione del potere, e in particolare del rapporto fra lo scrittore e il potere, che emerge dai componimenti riportati?
Nell’idea dell’amore e dell’amicizia terreni come contingenti e corruttibili emanazioni di quelli universali e metafisici si può ravvisare un’eco averroistica?