Dalla dedicatoria del commento a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola

Al pari dell’Augustalis libellus, anche il commento a Valerio Massimo, che giace, ancora in massima parte inedito, nella Biblioteca Comunale di Imola (ma si vedano le pagine relative nel prezioso volume di Luca Carlo Rossi, Studi su Benvenuto da Imola, Edizioni del Galluzzo, Firenze 2016), è dedicato a Niccolò II d’Este, e vòlto a soddisfare il suo desiderio di conoscere le antiche gesta onde trarne ispirazione ed esempio.
Sul piano della documentazione biografica, la menzione del compimento del Castello Estense (edificato a scopo difensivo, dopo una rivolta popolare) porta a collocare la morte di Benvenuto non prima del 1387.
Ma l’interesse del testo, di cui si dà qui un estratto, accompagnato da una traduzione che tenta di riprodurne gli effetti di ritmo e di suono cari all’ars dictaminis medievale, non è solo documentario. Continua a leggere