Emilio Pasquini sul latino di Benvenuto e sul problema della traduzione

Emilio Pasquini

 

Abbiamo l’onore di riportare, per gentile concessione, la prefazione del grande dantista Emilio Pasquini alla ristampa anastatica della traduzione italiana del commento di Benvenuto (a tutt’oggi l’unica, benché lacunosa e in più punti inaffidabile, oltre che inevitabilmente datata nello stile) compiuta nell’Ottocento dal Tamburini, e ancora apprezzata e citata da Pascoli nei suoi arditi e numinosi scritti danteschi.
La prefazione coglie alcuni aspetti essenziali, sui quali gli studenti sono invitati a riflettere: la ricchezza, la varietà, il plurilinguismo e il pluristilismo (essi stessi di stampo dantesco) del latino di Benvenuto, capace di spaziare dal rigore concettuale della dissertazione e della lezione accademica alla vivacità dell’aneddoto e della nota di colore (sull’impiego, da Continua a leggere

Coluccio Salutati rimprovera Benvenuto per la rozzezza del suo stile

 

coluccio

(Masaccio, presunto ritratto di Coluccio Salutati, Firenze, Cappella Brancacci)

 

Nell’epistola del 1383 di cui riportiamo l’esordio, Coluccio Salutati, grande preumanista, anzi  forse il vero iniziatore dell’Umanesimo fatto di sapienza filologica, esaltazione della dignità dell’uomo, conciliazione fra sapienza cristiana e cultura classica (basti pensare all’eco che, nel suo capolavoro, il trattato De laboribus Herculis, ha la concezione dantesca dell’allegoria, come traspare dalla definizione del poeta quale “metrico figurativoque sermone sub alicuius narrationis misterio vera recondens”, ossia colui che “nasconde, con un discorso poetico e metaforico, la verità sotto l’enigma di una qualche rappresentazione”), coglie, ad un tempo, il più grande pregio e insieme il più grande difetto (ma insieme, del resto, una delle caratteristiche più salienti) del commento dantesco di Benvenuto: da un lato la sottigliezza, la precisione, l’esattezza, e insieme la ricchezza, la varietà,la vivacità intellettuale, delle interpretazioni (“inauditas atque digestas Continua a leggere

Dal commento di Benvenuto al Proemio di Valerio Massimo

Si riporta, seguìto dalla traduzione, un passo del commento ai Rerum memorandarum libri di Valerio Massimo (di cui si conserva nella Biblioteca Comunale di Imola un raro e prezioso codice, analizzato da Luca Carlo Rossi nei già citati Studi su Benvenuto da Imola), per l’esattezza relativo al proemio dell’opera, nel quale la figura di Tiberio viene encomiasticamente ed iperbolicamente esaltata, fino alla divinizzazione.
Nel commento, al primo sguardo così piano, letterale, didascalico, condotto verbum e verbo, affiora, fra le righe, una venatura poetica squisitamente medievale e dantesca, là dove la glorificazione del sovrano romano è implicitamente accostata alla mistica della luce, e immersa in una percezione e in una visione cosmologiche dell’organismo imperiale (Cesare e Augusto posti, al pari della Chiesa e dell’Impero nella concezione medievale, come i due soli, le due luci del mondo); né mancano, per contro, sottili punte ironiche e polemiche, ad esempio quando viene messa in dubbio l’analogia fra Augusto e Tiberio, e si sottolinea, implicitamente, il carattere bizzarro e paradossale, agli occhi di un intellettuale del Medioevo, dei culti fallici dell’antichità.

“Si prisci oratores ab Iove Optimo Maximo bene orsi sunt, si excellentissimi vates a numine aliquo principia traxerunt, mea parvitas eo iustius ad favorem tuum decucurrerit, quo cetera divinitas opinione colligitur, tua praesenti fide paterno avitoque sideri par videtur, quorum eximio fulgore multum caerimoniis nostris inclitae claritatis accessit: reliquos enim deos accepimus, Caesares dedimus. et quoniam initium a cultu deorum petere in animo est, de condicione eius summatim disseram.” Continua a leggere

La lettera dedicatoria dell'”Augustalis libellus” di Benvenuto Rambaldi: una visione della storia fra Medioevo e Umanesimo

augustalis

L’indice dell’edizione basileese di Petrarca.

L‘Augustalis libellus, breve opera storiografica di Benvenuto da Imola (oggi dimenticata, ma che ebbe l’onore di essere portata a termine da Enea Silvio Piccolomini e di essere inclusa, unitamente al commento dello stesso Benvenuto al Bucolicum carmen di Petrarca, nell’edizione basileese del 1581 delle opere petrarchesche), altro non è, invero, che una stringatissima rassegna degli imperatori romani, con lapidaria indicazione degli anni di regno, delle imprese compiute e dei principali tratti etici e caratteriali.
Di particolare rilievo, però, il proemio, in cui, dopo aver riconosciuto come l’impostazione cristiana, cristocentrica, della storiografia tendesse ad applicare ai fatti storici la stessa “interpretazione figurale” riservata alla storia biblica, e dunque a fare di un dato personaggio “figura” – nel duplice senso di anticipazione o realizzazione, prefigurazione o ripresa, preannuncio o riverbero – di altri, in ossequio ad un superiore disegno metastorico e provvidenziale (Giulio Cesare prefigurazione dell’Impero come il Battista del Cristo), Benvenuto sostiene di aver preferito attenersi, nella disposizione cronologica e nella narrazione dei fatti, piuttosto agli storici pagani, più attenti alla specificità terrena, umana e concreta degli accadimenti. Continua a leggere