“Ne l’ora che la bella concubina”, la canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (sogno, allegoria, profezia nella cultura medievale)

idra

(miniatura dal Bestiario di Rochester, XIII secolo)

La canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (alla quale dedicai, anni fa, un ampio saggio esegetico, riprodotto ora in questo sito: https://rambaldi.hypotheses.org/30) rappresenta, senza dubbio, per profondità di pensiero, finezza di stile, varietà di sfumature di significato, il più alto esito poetico del Trecento letterario imolese.
Sebbene alcuni aspetti ne possano essere chiariti alla luce del contesto storico, letterario e culturale, la sua essenza segreta è forse destinata a restare per sempre avvolta nel mistero. Precisamente in ciò, del resto, consistono il fascino e la suggestione che il testo non cessa di emanare.
Una enigmatica Signora, un tempo gloriosa, ora decaduta (si potrebbero citare le Lamentazioni di Geremia: “Quasi vidua facta est domina gentium”), e per di più insidiata da una feroce e terribile Idra, lamenta la propria condizione. Sopraggiunge un Magnanimo, che uccide e decapita l’Idra; il “velenoso sangue” di quest’ultima, asperso sugli occhi della Signora, ridona ad essi l’antica luce. Infine, fra la Signora e il Magnanimo si celebra uno sposalizio mistico, che ricorda la simbologia, cara al Medioevo, del Cantico dei cantici, variamente interpretato in chiave allegorica.   Continua a leggere

Matteo Veronesi, “Ingegno usato a le question profonde. Per un’esegesi della canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori” (“Pagine di vita e storia imolesi”, 9, 2003, pp. 267-276)

madonna-misericordia

Madonna della Misericordia, Imola, Biblioteca Comunale

Francesco Maria Mancurti, nel trascrivere la canzone Nell’ora che la bella concubina di Jacopo de’ Carradori, rimatore imolese del Trecento (canzone che sarebbe stata data alle stampe per la prima volta, su iniziativa dello stesso Mancurti, solo nel 1748, nella Raccolta di opuscoli filologici di Antonio Calogerà, e successivamente, in una veste ben più corretta ed attendibile, nelle Prose e rime di autori antichi imolesi, edite da Galeati, per le cure di Francesco Zambrini, nel 1846), auspicava che in un futuro un qualche “erudito ingegno” riuscisse a “disvelare il vero senso” di quel testo complesso e a tratti oscuro.

Non ho la pretesa di essere io quell’”erudito ingegno”; credo, tuttavia, che i materiali, i richiami e le ipotesi interpretative contenuti nelle brevi pagine che seguono possano rivelarsi di una qualche utilità ai fini di una migliore comprensione di un testo che presenta, nel panorama della vastissima e spesso scialba rimeria trecentesca, non pochi motivi di interesse, e che costituisce forse, insieme a certe pagine di Benvenuto da Imola commentatore e storiografo, l’esito più alto del cosiddetto – e invero piuttosto frammentario, se non evanescente – “Trecento letterario imolese”. Continua a leggere

Benno de’ Benedetti, un oscuro rimatore imolese del quattordicesimo secolo

paura

 

Nulla sappiamo (a parte il fatto che egli può forse essere identificato con l’omonimo membro del Consiglio degli Anziani che inviò Benvenuto come ambasciatore ad Avignone) di Benno de’ Benedetti, rimatore imolese del quattordicesimo secolo di cui rimane un unico, piuttosto oscuro, sonetto (“sonetto caudato”, ossia con l’aggiunta di un distico alla fine), indirizzato a Franco Sacchetti e incentrato sulle difficoltà interpretative poste dal Dittamondo di Fazio degli Uberti, vasto e non spregevole poema in terzine dantesche nel quale si immagina un viaggio immaginario ed allegorico in tutto il mondo allora conosciuto, dall’Europa all’Asia all’Africa, secondo la geografia vaga, fantastica, misteriosa e simbolica tipica del sapere medievale.
Il sonetto è comunque degno di nota perché rispecchia quella tensione ermeneneutica, quel travaglio intellettuale ed interpretativo (gli stessi che animano Benvenuto) che sembrano pervadere la cultura imolese del tempo, nella quale un certo rilievo avevano la teologia e il diritto.
E, per inciso, una rivisitazione, se non una cauta rivalutazione, meriterebbe forse anche il poema di Fazio degli Uberti, per lo stile limpido e melodioso, anche se non originale, per il peculiare riuso del modello dantesco (del quale viene mantenuta la tensione allegorica e conoscitiva, pur trasposta da una geografia soprannaturale e metafisica al piano concreto delle conoscenze, per quanto intrise di elementi fantastici e fiabeschi, della geografia terrestre) e per la dilatazione immaginosa e tortuosa del tempo e dello spazio, che sembra quasi anticipare, per certi versi, quella che sarà attuata nell’epica cavalleresca rinascimentale (Boiardo, Ariosto).
Difficile dire a quali versi del Dittamondo Benno si riferisca. Ad ogni modo, fin dall’incipit Fazio degli Uberti afferma di “voler cantar le cose oscure / ch’io vidi e udii, che son sì nuove / che a creder pareranno forti e dure” (tanto straordinarie che sembreranno ostiche e difficili da credere); e di nutrire la speranza “di voler udire e di sapere / il dove e il come e chi furo coloro / che per virtù cercar più di valere” (astrazioni concettuali, “il dove e il come”, tipiche del linguaggio e del pensiero della Scolastica, secondo formule che riecheggiano nel sonetto di Benno: “per poter recitare il che, e il quando”).

(Matteo Veronesi)

Se la obblivion non ti dismagra (1),
eroe gentil, che tanta fama merti
in discovrir gli altrui latin coverti (2),
che d’alta poesia odori sfagra (3);

ditemi, prego, perché a me le agra (4)
dello bel dir di Fazio degli Uberti
tutto intiero non mi fian aperti
in testo e chiosa, che mi son sì agra (5).

I’ sono in promission tanto aspettando
el disioso fin del bel volume,
per poter recitare il che, e il quando (6).

I figli di tal madre tanto lume
a lei gli fecion, così ristorando
li danni suoi con arme, e bel costume. (7)

Sporgete omai a me vostra possanza
di farmi sazio di tal disianza. (8)

1) Se la dimenticanza non offusca le tue facoltà. 2) Che meriti tanta fama per la tua capacità di decifrare e interpretare testi oscuri. 3) Diffonde profumi di alta poesia. 4) I campi (latinismo), in senso metaforico, del discorso del poeta. 5) Non mi si rivelano in testo e commento, e mi sono anzi così aspri, così ostici. 6) Io attendo fiducioso e desideroso di potere infine comprendere l’oggetto preciso del poema e la collocazione temporale della vicenda che vi è narrata. 7) Terzina difficile da interpretare nel contesto. Forse, metaforicamente, i versi sono figli della Musa, e ne difendono la dignità e il valore, che il lettore deve essere in grado di comprendere e apprezzare. 8) Mostratemi dunque la vostra capacità di soddisfare il mio desiderio di conoscenza.

Spunti di riflessione e d’analisi

Qual è, stando a quanto emerge dal sonetto, la funzione della letteratura e della sua interpretazione?

Quali doti deve possedere chi vuole avvicinarvisi?

Che cosa l’autore si aspetta di ottenere dallo sforzo intellettuale profuso nell’interpretazione?