La dedica del “Romuleon” di Benvenuto da Imola a Gomez Albornoz

miniaturaromuleon

 

Presentiamo (accompagnandola con il passo corrispondente nel volgarizzamento trecentesco che l’infaticabile erudito Francesco Zambrini, includendone le pagine iniziali nelle Prose e rime d’autori imolesi del secolo quattordicesimo, edite a Imola, da Galeati, nel 1846, non escludeva potesse essere opera dello stesso Benvenuto)  la lettera dedicatoria del Romuleon, vasta e dotta, anche se non originale, compilazione sulla storia romana dalle origini a Teodosio, che, oggi perlopiù dimenticata (ma si veda, felice eccezione, il libro di Frédéric Duval sulla fortuna dell’opera in Francia), ebbe fino a tutto il Quattrocento vasta diffusione e diverse traduzioni, anche in francese.
L’opera tocca forse il suo maggiore pregio letterario e il suo più rilevante significato culturale, oltre che nel proemio (di cui saranno presentati, nel solo volgarizzamento, vari passaggi, e in cui la visione provvidenzialistica della storia tipica del Medioevo Continua a leggere

“Ne l’ora che la bella concubina”, la canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (sogno, allegoria, profezia nella cultura medievale)

idra

(miniatura dal Bestiario di Rochester, XIII secolo)

La canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (alla quale dedicai, anni fa, un ampio saggio esegetico, riprodotto ora in questo sito: https://rambaldi.hypotheses.org/30) rappresenta, senza dubbio, per profondità di pensiero, finezza di stile, varietà di sfumature di significato, il più alto esito poetico del Trecento letterario imolese.
Sebbene alcuni aspetti ne possano essere chiariti alla luce del contesto storico, letterario e culturale, la sua essenza segreta è forse destinata a restare per sempre avvolta nel mistero. Precisamente in ciò, del resto, consistono il fascino e la suggestione che il testo non cessa di emanare.
Una enigmatica Signora, un tempo gloriosa, ora decaduta (si potrebbero citare le Lamentazioni di Geremia: “Quasi vidua facta est domina gentium”), e per di più insidiata da una feroce e terribile Idra, lamenta la propria condizione. Sopraggiunge un Magnanimo, che uccide e decapita l’Idra; il “velenoso sangue” di quest’ultima, asperso sugli occhi della Signora, ridona ad essi l’antica luce. Infine, fra la Signora e il Magnanimo si celebra uno sposalizio mistico, che ricorda la simbologia, cara al Medioevo, del Cantico dei cantici, variamente interpretato in chiave allegorica.   Continua a leggere

Uno scambio poetico fra Jacopo de’ Carradori e Pietro Alighieri intorno al problema del libero arbitrio in Dante

stemma_alighieri_02

 

Di Jacopo de’ Carradori (certo la figura più significativa, insieme a Benvenuto, dell’intero Trecento letterario imolese, e i cui scarni tratti biografici – seconda metà del quattordicesimo secolo; notaio; soggiorni a Bologna, Padova, Avignone; amico e corrispondente di Petrarca; legato ai Francescani, di cui fu procuratore; consigliere di papa Benedetto XII e, in vecchiaia, tornato a Imola, di Beltrando Alidosi -, affidati all’annalistica e alla cronachistica locali, ci sono noti principalmente grazie alla cinquecentesca Historia Imolae, conservata manoscritta e inedita nella biblioteca cittadina, dell’umanista Giovanni Antonio Flaminio, alla quale attinsero i biografi successivi) il codice 445 della Biblioteca Capitolare di Verona ci restituisce, fra le altre cose, un prezioso scambio di sonetti con Pietro Alighieri, figlio e commentatore del Sommo Vate, incentrato sullo spinoso problema dell’interpretazione del libero arbitrio nell’opera paterna (la sua vasta e solenne canzone allegorica Ne l’ora che la bella concubina, vero capolavoro, sarà invece pubblicata, con apparato di note, prossimamente).
La risposta per le rime di Pietro, sollecitato da Jacopo, non si discosta, in apparenza, dall’ortodossia: come aveva scritto Dante nel sedicesimo canto del Purgatorio, “Voi che vivete ogne cagion recate / pur suso al cielo, pur come se tutto / movesse seco di Continua a leggere

Matteo Veronesi, “Ingegno usato a le question profonde. Per un’esegesi della canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori” (“Pagine di vita e storia imolesi”, 9, 2003, pp. 267-276)

madonna-misericordia

Madonna della Misericordia, Imola, Biblioteca Comunale

Francesco Maria Mancurti, nel trascrivere la canzone Nell’ora che la bella concubina di Jacopo de’ Carradori, rimatore imolese del Trecento (canzone che sarebbe stata data alle stampe per la prima volta, su iniziativa dello stesso Mancurti, solo nel 1748, nella Raccolta di opuscoli filologici di Antonio Calogerà, e successivamente, in una veste ben più corretta ed attendibile, nelle Prose e rime di autori antichi imolesi, edite da Galeati, per le cure di Francesco Zambrini, nel 1846), auspicava che in un futuro un qualche “erudito ingegno” riuscisse a “disvelare il vero senso” di quel testo complesso e a tratti oscuro.

Non ho la pretesa di essere io quell’”erudito ingegno”; credo, tuttavia, che i materiali, i richiami e le ipotesi interpretative contenuti nelle brevi pagine che seguono possano rivelarsi di una qualche utilità ai fini di una migliore comprensione di un testo che presenta, nel panorama della vastissima e spesso scialba rimeria trecentesca, non pochi motivi di interesse, e che costituisce forse, insieme a certe pagine di Benvenuto da Imola commentatore e storiografo, l’esito più alto del cosiddetto – e invero piuttosto frammentario, se non evanescente – “Trecento letterario imolese”. Continua a leggere

Benno de’ Benedetti, un oscuro rimatore imolese del quattordicesimo secolo

paura

 

Nulla sappiamo (a parte il fatto che egli può forse essere identificato con l’omonimo membro del Consiglio degli Anziani che inviò Benvenuto come ambasciatore ad Avignone) di Benno de’ Benedetti, rimatore imolese del quattordicesimo secolo di cui rimane un unico, piuttosto oscuro, sonetto (“sonetto caudato”, ossia con l’aggiunta di un distico alla fine), indirizzato a Franco Sacchetti e incentrato sulle difficoltà interpretative poste dal Dittamondo di Fazio degli Uberti, vasto e non spregevole poema in terzine dantesche nel quale si immagina un viaggio immaginario ed allegorico in tutto il mondo allora conosciuto, dall’Europa all’Asia all’Africa, secondo la geografia vaga, fantastica, misteriosa e simbolica tipica del sapere medievale.
Il sonetto è comunque degno di nota perché rispecchia quella tensione ermeneneutica, quel travaglio intellettuale ed interpretativo (gli stessi che animano Benvenuto) che sembrano pervadere la cultura imolese del tempo, nella quale un certo rilievo avevano la teologia e il diritto.
E, per inciso, una rivisitazione, se non una cauta rivalutazione, meriterebbe forse anche il poema di Fazio degli Uberti, per lo stile limpido e melodioso, anche se non originale, per il peculiare riuso del modello dantesco (del quale viene mantenuta la tensione allegorica e conoscitiva, pur trasposta da una geografia soprannaturale e metafisica al piano concreto delle conoscenze, per quanto intrise di elementi fantastici e fiabeschi, della geografia terrestre) e per la dilatazione immaginosa e tortuosa del tempo e dello spazio, che sembra quasi anticipare, per certi versi, quella che sarà attuata nell’epica cavalleresca rinascimentale (Boiardo, Ariosto).
Difficile dire a quali versi del Dittamondo Benno si riferisca. Ad ogni modo, fin dall’incipit Fazio degli Uberti afferma di “voler cantar le cose oscure / ch’io vidi e udii, che son sì nuove / che a creder pareranno forti e dure” (tanto straordinarie che sembreranno ostiche e difficili da credere); e di nutrire la speranza “di voler udire e di sapere / il dove e il come e chi furo coloro / che per virtù cercar più di valere” (astrazioni concettuali, “il dove e il come”, tipiche del linguaggio e del pensiero della Scolastica, secondo formule che riecheggiano nel sonetto di Benno: “per poter recitare il che, e il quando”).

(Matteo Veronesi)

Se la obblivion non ti dismagra (1),
eroe gentil, che tanta fama merti
in discovrir gli altrui latin coverti (2),
che d’alta poesia odori sfagra (3);

ditemi, prego, perché a me le agra (4)
dello bel dir di Fazio degli Uberti
tutto intiero non mi fian aperti
in testo e chiosa, che mi son sì agra (5).

I’ sono in promission tanto aspettando
el disioso fin del bel volume,
per poter recitare il che, e il quando (6).

I figli di tal madre tanto lume
a lei gli fecion, così ristorando
li danni suoi con arme, e bel costume. (7)

Sporgete omai a me vostra possanza
di farmi sazio di tal disianza. (8)

1) Se la dimenticanza non offusca le tue facoltà. 2) Che meriti tanta fama per la tua capacità di decifrare e interpretare testi oscuri. 3) Diffonde profumi di alta poesia. 4) I campi (latinismo), in senso metaforico, del discorso del poeta. 5) Non mi si rivelano in testo e commento, e mi sono anzi così aspri, così ostici. 6) Io attendo fiducioso e desideroso di potere infine comprendere l’oggetto preciso del poema e la collocazione temporale della vicenda che vi è narrata. 7) Terzina difficile da interpretare nel contesto. Forse, metaforicamente, i versi sono figli della Musa, e ne difendono la dignità e il valore, che il lettore deve essere in grado di comprendere e apprezzare. 8) Mostratemi dunque la vostra capacità di soddisfare il mio desiderio di conoscenza.

Spunti di riflessione e d’analisi

Qual è, stando a quanto emerge dal sonetto, la funzione della letteratura e della sua interpretazione?

Quali doti deve possedere chi vuole avvicinarvisi?

Che cosa l’autore si aspetta di ottenere dallo sforzo intellettuale profuso nell’interpretazione?

Uno scambio poetico tra Franco Sacchetti e la signoria alidosiana

stemma-alidosi

 

Iniziamo questo piccolo viaggio, non rigorosamente cronologico, attraverso il Trecento letterario imolese (che, benché dubbio e quasi evanescente come oggetto storiografico, costituisce il retroterra primo e più remoto su cui e da cui si forma la personalità di Benvenuto Rambaldi, che, nato a Imola nel terzo decennio del Trecento, ricevette la prima formazione dal padre, Boncompagno, notaio e magister sia di diritto che di letteratura) con uno scambio di sonetti “per le rime” tra Franco Sacchetti (rimatore e novelliere che del modello boccacciano ebbe la limpidezza e l’eleganza, ma non l’orginalità e l’energia espressiva) e Venanzio da Camerino, oscuro grammaticus dell’Ateneo bolognese a cui Lodovico Alidosi, signore di Imola, amante delle lettere, diede l’incarico di redigere il sonetto di risposta a quello di omaggio che il Sacchetti gli aveva indirizzato.
Era stata, peraltro, proprio la signoria alidosiana, nella persona di Beltrando, padre di Lodovico, a determinare, poco dopo il 1365, l’esilio di Benvenuto, che in occasione di un’ambasceria ad Avignone per conto del Senato della città aveva sollecitato invano l’intervento del papa Urbano V precisamente contro gli Alidosi, che invece divennero vicari dello stesso Pontefice.
A Lodovico Alidosi sono indirizzate alcune epistole di Coluccio Salutati, importante figura di umanista, fautore di un “umanesimo civile” che fondesse impegno culturale e militanza politica, e di una visione della poesia che conciliasse l’interpretazione allegorica vòlta a cogliere sub velamine e sub tegmine, sotto il velo esteriore della lettera, i sensi nascosti del testo con un apprezzamento già pienamente umanistico della parola letteraria nel suo intrinseco valore storico ed espressivo e nella sua accertabile consistenza filologica.
In una di queste epistole (XIII, 3, con tutta probabilità del 1402) Salutati fisserà alcuni punti fondamentali del clima culturale che, delineatosi nella seconda metà del Trecento con il coinvolgimento anche di realtà culturali periferiche come quella imolese, sfocerà nella grande stagione umanistico-rinascimentale: “scire nostrum nihil aliud est nisi rationabiliter dubitare”, la conoscenza nasce da un dubbio temperato, e in parte superato, dall’uso della ragione; “adeo tamen cuncta sunt oppleta tenebris”, a tal punto, tuttavia, qualsiasi conoscenza, per quanto direttamente e profondamente acquisita, è ricoperta e velata di tenebre, che essa deve comunque essere supportata e corroborata dagli artifici della retorica e dalle finezze e dalle sottigliezze dello stile.
Anche se il latinus grossus, il maternus sermo, il latino vivace, corposo, vicino al parlato, a tratti rozzo, di Benvenuto (caratteri, questi, di cui lo stesso Salutati lo rimprovera bonariamente in un’epistola) non possiedono tale limpidezza e tale finezza, il clima intellettuale e culturale in cui matura il suo appassionato lavoro di commentatore dei classici antichi e moderni non è lontano da quello or ora delineato: un assiduo scavo nelle profondità stratificate e moltepici del testo, onde portarne alla luce il senso riposto e segreto.

(Matteo Veronesi)

Franco Sacchetti a Lodovico Alidosi

Caro Signore, Messer Lodovico(1),
quel primo Amor (2) che mi tirò amando
inverso il vostro buon messer Beltrando
quell’or mi muove (3) a esser vostro amico.

E bench’io sia di virtù mendico,
per lo famoso suon (4), che va volando
del valor, che seguiste desiando (5),
di voi in questi versi alquanto (6) dico.

E così dee ciascun, che vede, o sente
quai prìncipi son quei de l’Universo,
li vostri pari amar con tutta mente (7);

però che ‘l mondo è sì mancato, e perso
che quando surge chi ragion consente
franco divien tal ch’era già sommerso (8).

1) Lodovico degli Alidosi, signore di Imola. 2) “Primo amore” potrebbe indicare sia il precedente sentimento che il poeta nutriva nei confronti di Beltrando Alidosi, sia un amore superiore, originario, d’ispirazione celeste, da cui derivano e da cui si irraggiano tutti i sentimenti terreni. 3) Quello stesso Amore ora mi spinge… Gioco etimologico fra amicizia e amore, che hanno la stessa radice. 4) Fama, gloria. 5) Della virtù che perseguiste, desiderando emularla. 6) Un poco. 7) La sovranità terrena è specchio ed emanazione di quella celeste; l’una e l’altra devono essere amate e venerate con la stessa devozione. 8) Un sovrano giusto e saggio restaura la Ratio, l’Ordine che presiedono tanto all’universo, quanto alla societas terrena, liberando gli uomini dallo smarrimento e dal caos.

Risposta di Venanzio da Camerino per conto di Lodovico Alidosi

Franco mio caro, il perfetto e antico
amor, che nel sonetto ricordando
scrivete, il padre mio tanto esaltando,
novellamente nel mio cuore applìco (1);

e tanto parmi il vostro dir pudico
che, come vostra fama va mostrando,
e voi fra i vertuosi rimembrando,
credo che siate de’ vizi inimico.

E credo amor v’inganni certamente,
tanto lodarmi del polito (2) verso,
ch’io molto ecceda fra la poca gente.

Confesso ben ch’ognor mi par converso (3)
alle suggestion del Gran Serpente
lasciando il cielo sì polito e terso.

1) Sento, nutro nuovamente nel mio cuore. 2) Cortese, gentile, ma anche stilisticamente raffinato. Ideale latino del “decus”. 3) Chiusa enigmatica, di cui è difficile individuare il soggetto. Forse si allude al fatto che l’Amore celeste, la Ratio che governa l’universo, rischiano di corrompersi, di soggiacere alle suggestioni diaboliche (al “Gran Serpente”), quando discendono sulla terra e si contaminano degli accadimenti politici e dei giochi di potere, lasciando invece puro e perfetto il mondo celeste. Sembra affiorare l’antitesi, agostiniana e anche dantesca, fra la Civitas Dei e la Civitas Hominis.

Spunti d’analisi e di riflessione

Qual è la concezione del potere, e in particolare del rapporto fra lo scrittore e il potere, che emerge dai componimenti riportati?
Nell’idea dell’amore e dell’amicizia terreni come contingenti e corruttibili emanazioni di quelli universali e metafisici si può ravvisare un’eco averroistica?

Parvula Benvenutiana

Le but du carnet est celui de présenter (en langue italienne) les avancements et les résultats de la recherche autour de la figure et de l’oeuvre de Bevenuto Rambaldi da Imola et du Trecento littéraire à Imola qui va être conduite, sous la supervision du Professeur Matteo Veronesi (docteur de recherche en Études Italiennes à l’Université de Bologna), par les élèves des deux dernières années du Lycée Classique “Benvenuto Rambaldi” de Imola, sous l’égide de la Mairie et de la Bibliothèque de la même ville.