Ancora dal commento di Benvenuto al Proemio di Valerio Massimo

EPSON scanner image

Riporto, normalizzandone la grafia e integrandone la punteggiatura per ragioni didattiche, e facendolo seguire dalla traduzione italiana, un altro passo (il cui testo mi è stato gentilmente fornito dalla dottoressa Giulia Conti, che l’ha tratto dal manoscritto  I 142 inf della Biblioteca Ambrosiana) del commento di Benvenuto ai Rerum memorandarum libri di Valerio Massimo. Prima del commento è trascritto il passaggio di Valerio Massimo cui esso si riferisce.
Questa pagina riflette appieno l’ottica (emblematicamente sospesa fra Medioevo e Umanesimo) in cui Benvenuto guarda all’autore latino, da un lato accostando alcuni aspetti della spiritualità pagana alla storia sacra cristiana, dall’altro preoccupandosi (pur senza evitare alcuni fraintendimenti) di accertare la lezione e l’interpretazione più corrette del testo e di inserirlo nel contesto storico più appropriato, attraverso gli opportuni raffronti (Livio, Macrobio). Il carattere a tratti apparentemente caotico e disunito del dettato deriva dal fatto che si tratta di recollectae, ossia di appunti presi da uno studente durante il corso, e che, dunque, la pagina riflette la vivace, appassionata, ma a tratti indisciplinata, oralità della lezione universitaria, e può a volte non essere immune da imperfezioni e lacune.

(Matteo Veronesi)

Maiores statas solemnesque caerimonias pontificum scientia, bene gerendarum rerum auctoritates augurum observatione, Apollinis praedictiones vatum libris, portentorum depulsiones Etrusca disciplina explicari voluerunt. Prisco etiam instituto rebus divinis opera datur, cum aliquid commendandum est, precatione, cum exposcendum, voto, cum solvendum, gratulatione, cum inquirendum vel extis vel sortibus, impetrito, cum solemni ritu peragendum, sacrificio, quo etiam ostentorum ac fulgurum denuntiationes procurantur. Tantum autem studium antiquis non solum servandae sed etiam amplificandae religionis fuit, ut florentissima tum et opulentissima civitate decem principum filii senatus consulto singulis Etruriae populis percipiendae sacrorum disciplinae gratia traderentur, Cererisque, quam more Graeco venerari instituerant, sacerdotem a Velia, cum id oppidum nondum civitatis nomen accepisset, nomine Calliphanam peterent, ne deae vetustis ritibus perita deesset antistes.

“Prisco etiam instituto”: primo colligit diligentiam et solertiam qua usi sunt Romani de cultu deorum, dicens “maiores” etcetera, quasi dicat sententialiter: «Antiqui Romani voluerunt quod solemnia sacra celebrarentur sub certa lege et observantia», sic ut modo in scientia pontificali, scientia morali, scientia augurali, scientia Apollinis secundum doctrinam Tuscorum, damnatis libris vanae et falsae religionis. Unde dicit “maiores”, scilicet antiqui nostri Romani, “voluerunt”, idest ex voluntate sanxerunt et decreverunt et ex deliberatione ordinaverunt, “statas”, scilicet illas festivitates vel sacra, “-que” pro “et”, “solemnes caerimonias”, idest solemnia alia sacra, “explicari”, idest celebrari et ministrari et praedicari, “scientia pontificum”, idest scientia pontificali idest sacra theologia, mediante et “auctoritate bene gerendarum rerum”, idest scientia morali quae docet res bene gerere, “observatione augurum”, idest mediante scientia augurali, per qua observant motus et garritus avium, “predicatione vatum Apollinis”, idest scientia sacerdotum ipsius Apollinis, qui quidem praedicebant futura, “libris portentorum depulsis”, idest damnatis libris falsis et continentibus non vera sacra, sed potius illusiones magorum; “Etrusca disciplina”, idest secundum doctrinam Tuscorum, qui fuerunt doctissimi sacrificiorum et auguriorum. Nota super illo vocabulo “statas”: istud vocabulum antiquum adhuc in quotidiano usu est apud Romanos, et traxit originem a satis notabili casu: nam, sicut scribit Titus Livius primo libro circa principium Romae, ceperunt Sabinas; Sabini, volentes facere vindictam mediante Tito Tatio, rege eorum, intraverunt Urbem mediante Tarpeia et in primo impetu verterunt eos in fugam et alacriter dicebant: vicimus iniquos, nec scient isti perditores an potentius sit rapere puellas quam pugnare in bellis. Romulus vovit Iovi quod si sui starent, faceret sacrificium et templum Iovi et sic est exauditus. Nam per Sabinas facta est concordia et unus populus in Roma, et Romulus habuit filiam Titi Tatii in uxorem, et Tatius una cum populo suo intravit Urbem, et sic ex istis gentibus et ex Romanis factum est corpus unum, et sic pacificati sunt ad invicem. Unde dicit Macrobius: «Caesar sacra stata celebrans». Nota quod dicit “caerimonias”: nam stata est vocabulum speciale Iovis, sed caerimonias est generale vocabulum ad sacrificium cuiusquam dei. Dicitur “pontificum scientia”: nota quod theologia habebatur ab antiquis secundum deos eorum, nam nullum sacrificium fit nisi secundum scientiam sacram. Dicit et “bene gerendarum rerum”, idest moralis scientia, nam boni mores habebant pluris auctoritatis apud antiquos, unde theologi, cum disputant, dicunt se nihil dicere contra bonos mores, ut fecerunt apostoli de Sancto Mathia. “Impartito”, idest cum aliquid est peragendum idest perfecte agendum, “sacrificio impartito”, idest communicato, “solemni ritu”, idest cultu. Et subdit ultimam causam cum dicit “quo”, scilicet sacrificio, denuntiationes monstrorum “procurantur”, idest purgantur, sicut est facile videre in Tito Livio: semper quando apparebant in provinciis aliqua prodigia et fulgura, denuntiabantur Romae et expiabantur et purgabantur sacrificio, ut dicit Titus Livius: prodigia procurata sunt merite sacrificio; unde bene dixit “quo etiam”, et dixit “etiam” quia ista causa est de peractis. Dicit alia littera hic “quae etiam ostentorum ac fulgurum denuntiatione procurantur”, sed esset falsa littera seu sententia; ideo prima est melior, quia non intendit quod illa super dicta purgentur per denuntiationem monstrorum et fulgurum, quod esset falsum, sed intendit quod denuntiationes mostrorum et fulgurum purgentur propter sacrificium, et non ex concusso.

Gli antichi vollero che le feste stabilite e le solenni cerimonie fossero adempiute secondo la dottrina dei pontefici, le autorità circa la corretta esecuzione dei riti secondo l’osservazione degli aruspici, le profezie di Apollo in accordo con i libri dei Vati, lo scongiuro delle catastrofi con l’arte Etrusca della divinazione. E sempre secondo l’antico uso si pone mano ai riti, quando qualcosa deve essere auspicato, con la preghiera, quando deve essere chiesto, con il voto, quando deve essere esaudito, con la lode, quando si deve scrutare il futuro con le viscere o le sorti, con il presagio, quando si deve compiere una celebrazione con rito solenne, con il sacrificio, con cui si ottiene anche di scongiurare gli eventi prodigiosi e i fulmini premonitori. E tanto grande fu negli antichi la preoccupazione non solo di preservare, ma anche di diffondere, la religione, che, quando la città era nel pieno della fioritura e della ricchezza, dieci figli dell’aristocrazia, per decreto del Senato, furono inviati presso ciascuno dei popoli dell’Etruria al fine di apprendere la disciplina dei sacri riti, e chiesero alla città di Velia, quando quel centro non aveva ancora assunto il nome di città, una sacerdotessa di Cerere, che avevano deciso di venerare secondo l’uso Greco, di nome Callifane, perché alla dea non mancasse un’officiante iniziata agli antichi rituali.

“Sempre secondo l’antico uso”: dapprima sottolinea la diligenza e la solerzia che i Romani osservarono circa il culto degli dei, dicendo “gli antichi” eccetera, come se dicesse, in modo sentenzioso, “gli antichi Romani vollero che i riti solenni fossero celebrati secondo una legge e un’osservanza sicure”, come ad esempio nella dottrina dei pontefici, in quella morale, in quella augurale, secondo la dottrina di Apollo in accordo con la dottrina degli Etruschi, condannati i libri della credenza vana e falsa. Cosicché dice “antichi”, cioè i Romani nostri antenati, “vollero”, cioè secondo la propria volontà sancirono e decretarono e ordinarono con una deliberazione, “le feste stabilite”, ossia quelle ricorrenze o quei riti, “-que” in luogo di “e”, “le solenni cerimonie”, cioè gli altri solenni rituali, “fossero adempiuti”, cioè celebrati e amministrati e officiati, “secondo la dottrina dei pontefici”, cioè secondo la dottrina pontificale, ossia la sacra teologia, anche per il tramite dell’”autorità circa la corretta esecuzione dei riti”, ossia la dottrina morale, che insegna a ben condurre le azioni, “secondo l’osservazione degli àuguri”, cioè tramite la dottrina augurale, per mezzo della quale scrutano i voli e i canti degli uccelli, “secondo la predicazione dei vati di Apollo”, ossia secondo la dottrina dei sacerdoti dello stesso Apollo, che appunto predicevano gli eventi futuri, “rigettati i libri dei portenti” (*), ossia condannati i libri menzogneri e che contengono non veri riti sacri, ma piuttosto incantesimi di stregoni; “secondo l’Etrusca disciplina”, cioè secondo la dottrina degli Ertuschi, che furono espertissimi di sacrifici e profezie. Nota, riguardo a quell’espressione, “feste stabilite”: questa antica definizione è ancora d’uso quotidiano presso i Romani, e trasse origine da una circostanza abbastanza significativa. Infatti, come scrive Tito Livio nel libro primo intorno all’origine di Roma (1), i Romani rapirono le Sabine. I Sabini, che volevano vendicarsi tramite Tito Tazio, loro re, entrarono in città attraverso la rupe Tarpea, e al primo assalto  li misero in fuga, e con fervore dicevano: abbiamo sconfitto gli ingiusti, e non sapranno, questi corruttori, se sia segno di maggior forza rapire fanciulle che combattere in guerra. Romolo fece voto a Giove che, se i suoi soldati avessero resistito, egli avrebbe celebrato un sacrificio ed innalzato un tempio (2), e così fu esaudito. Infatti per mezzo delle Sabine fu creata la concordia, e un solo popolo a Roma, e Romolo ebbe in moglie la figlia di Tito Tazio, e Tazio insieme al suo popolo entrò in Roma, e così da queste genti e dai Romani fu fatto un solo corpo, e così furono pacificati gli uni con gli altri. Onde dice Macrobio: “Cesare celebrante i riti stabiliti” (3). Nota che dice “cerimonie”: infatti “festa stabilita” è un vocabolo tipico di Giove, mentre “cerimonie” è vocabolo generale per il sacrificio di qualsiasi dio.  Si dice “dottrina dei pontefici”: nota che la teologia era considerata dagli antichi secondo i loro dei, infatti nessun sacrificio si compie se non per mezzo della sacra dottrina. Dice anche “del compiere bene le azioni”, ossia dottrina morale, infatti i buoni costumi avevano maggiore autorevolezza presso gli antichi, donde i teologi, quando discutono, affermano che non dicono nulla contro i buoni costumi, come fecero gli apostoli riguardo a Mattia (3 bis); “compiuto”, cioè quando qualcosa deve essere portato a termine, ossia compiutamente svolto, “compiuto il sacrificio” (4), ossia somministrato “con rito solenne”, ossia secondo il culto. E aggiunge l’ultima causa quando dice “con cui”, ossia con il sacrificio, le rivelazioni racchiuse nei prodigi “sono scongiurate”, ossia espiate, come è facile vedere in Tito Livio: sempre, quando nelle province apparivano prodigi e fulmini, erano riferiti a Roma, ed  erano espiati e scongiurati con un sacrificio: come dice Tito Livio, i prodigi furono scongiurati in modo dovuto con un sacrificio (4 bis); donde disse bene “con cui anche”, e disse “anche” perché questa causa riguarda azioni già compiute. Recita qui un’altra lettura: “che vengono espiate anche con l’annuncio dei prodigi e dei fulmini”; ma sarebbe falsa la lettura, o falso il senso (5); perciò la prima è migliore, poiché l’autore non intende che gli eventi sopra menzionati siano scongiurati per mezzo dell’annuncio di prodigi e fulmini, il che sarebbe falso, ma intende che gli annunci dei prodigi e dei fulmini sono scongiurati a causa del sacrificio, e non per costrizione.
*) Qui Benvenuto, o il codice da lui consultato, leggono e intendono, erroneamente, “libris portentorum depulsis”, ablativo assoluto, mentre il testo di Valerio Massimo ha “depulsiones”. L’errore potrà essersi generato nello scioglimento di un’abbreviazione. Esso è comunque denso di significato, poiché rispecchia il rigetto, agostiniano e dantesco, degli “dei falsi e bugiardi”, e l’immagine di un’ortodossia, di una fedeltà alle Scritture, che il Medioevo proietta (in modo certo anacronistico, ma a suo modo illiuminante) sul mondo antico.

1) Ab urbe condita, I, 9 e seguenti.

2) Il tempio a Giove Statore. La battaglia a cui si fa riferimento è quella del Lago Curzio.

3) “Caesar tamen, ut supra diximus, stata sacra custodiens, nec in illis mensibus quibus binos adiecit dies ordinem voluit mutare Nonarum” (Saturnalia, I, 15). Anche la scansione del tempo annuale rispecchia un ordine sacro e cosmico, che non può essere mutato. Benvenuto coglie, fra le righe, l’ascendenza etrusca di questa concezione.

3 bis) Dopo il tradimento e il suicidio di Giuda, gli Apostoli, come narrato in Atti, 1, 15-26, scelsero Mattia affinché fosse ricomposto il numero dei Dodici, che dovevano essere testimoni della Risurrezione di Cristo. “Oportebat impleri Scripturam”: ciò che era scritto doveva essere adempiuto. Il numero sacro, sia esso quello degli apostoli, quello dei mesi o quello delle città che componevano la dodecapoli etrusca, rispecchiando, secondo la dottrina augurale, l’ordine cosmico (Munth, da cui forse mundus) in quello politico ed istituzionale, dopo essere stato alterato ed infranto da un evento accidentale, deve essere ricomposto e ripristinato dal rito. Quest’ultimo, agli occhi di Benvenuto, non ha solo un valore sacrale e liturgico, ma presenta anche, più in generale, un’analogia con la sfera etica, con il criterio e la scelta del comportamento e delle azioni, con la “scientia rerum bene gerendarum”. Il compimento del destino secondo un ordine trascendente, e il riflesso di quell’ordine nella solenne scansione della storia sacra e nell’inalterabilità della rivelazione e del rito, accomunano il senso pagano del divino a quello cristiano. Dal commento di Benvenuto, pur nella rapidità delle annotazioni, emerge la coscienza, tutta medievale, di questa continuità e di questo rispecchiamento.

4) Benvenuto, o il testo da lui seguìto, leggono “impartito”, lectio facilior, in luogo di “impertito”.

4 bis) Il passo che Benvenuto liberamente e sinteticamente parafrasa è forse Ab urbe condita, XXII, 1: “His, sicut erant nuntiata, expositis auctoribusque in curiam introductis, consul de religione patres consuluit. Decretum ut ea prodigia partim maioribus hostiis, partim lactentibus procurarentur” (“Una volta che furono esposti questi eventi così come erano stati riferiti, e dopo che gli interpreti furono introdotti in Senato, il console interrogò i Senatori riguardo al rituale. Fu decretato che quei segni premonitori fossero scongiurati con vittime in parte adulte, in parte ancora tenere”).

5) Qui il procedimento filologico di Benvenuto è impeccabile, e già pienamente umanistico.
Spunti di riflessione e d’analisi

Quali affinità Benvenuto coglie, sul piano spirituale ed etico, fra mondo pagano e mondo cristiano? Tale atteggiamento può essere accostato a quello di Dante (basti pensare alla figura di Catone)?

Quali aspetti del passo proposto rivelano invece, in lui, un precursore della mentalità e della filologia dell’umanesimo?

In che modo Benvenuto utilizza le proprie fonti (Livio, Macrobio), riportate in nota? Si tratta di un uso fedele? In che misura la citazione si discosta dalla lettera del testo?

Il testo in questione è una recollecta, ossia è costituito da appunti presi da un uditore. In che modo questa origine orale ne influenza la sintassi e l’ordine logico?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *