Benvenuto visto dai liceali di oggi: un imolese grande e lontano

biblioteca
L’iniziativa Io amo i beni culturali, promossa dalla Sovrintendenza dell’Emilia Romagna, offrirebbe agli alunni del quarto e del quinto anno del Liceo Classico di Imola l’occasione di rivisitare (in collaborazione con la Biblioteca Comunale della nostra città) la figura e l’opera di Benvenuto Rambaldi, a cui la scuola è dedicata: un letterato del quattordicesimo secolo, nato a Imola, che insegnò nelle università di Bologna e di Ferrara, ottenendo all’epoca grande fama, e che viene spessissimo citato anche dagli studiosi moderni per il suo celebre commento alla Divina Commedia di Dante, sicuramente il migliore fra i commenti antichi al poema, particolarmente vicini al clima culturale e all’originario spirito dell’opera.
Peraltro la ricerca (i cui materiali di base vengono via via pubblicati su questo sito)  si sofferma non solo sulla sua opera di commentatore dantesco, ma anche su quella di storiografo (celebre in passato il Romuleon, di cui si conservano in varie biblioteche europee splendidi codici miniati) e di interprete di autori latini (Valerio Massimo, Lucano, Virgilio, limitatamente alle Bucoliche e alle Georgiche, il Petrarca poeta latino continuatore del genere bucolico).
Si può dire che, come Petrarca, di cui fu amico e corrispondente, Benvenuto si trovi al confine o al crocevia fra due epoche: da un lato il Medioevo, di cui restano, in lui, un certo gusto, sebbene misurato, per l’interpretazione allegorica, un certo moralismo, e il latino ancora abbastanza scolastico e rozzo, benché vivido ed efficace; dall’altro il nascente umanesimo, evidente nell’amore per la parola scritta in tutti i suoi valori estetici e morali (è impossibile, scriveva, che “chi ha tratto conoscenza e diletto dalla ‘Divina Commedia’ non renda migliore la propria vita”, e confessava di amare Dante, sebbene morto, come si amano, anche in loro assenza, tutti gli uomini di grande virtù) e nel rifiuto di interpretazioni fantasiose ed enigmatiche come quella di Virgilio in chiave magica e mistica, alle quali Benvenuto, dalla mentalità più concreta e laica, preferiva una visione più attenta alla specificità e all’intrinseco valore della cultura letteraria.
La ricerca tocca anche i contesti culturali (l’Imola degli Alidosi, la Ferrara di Niccolò II d’Este) in cui la sua opera si inserisce.
Qualcuno, fra gli studenti, si è domandato che senso abbia, oggi, occuparsi di un autore come Benvenuto, tutto sommato non fra i massimi, e di contesti storici e culturali geograficamente limitati, e, per di più, “commentare un commentatore”, poiché Benvenuto deve la propria fama non ad opere originali, ma a compendi, ossia riassunti o parafrasi interpretative, di narrazioni storiche preesistenti, e a commenti ad opere altrui.
Si potrebbe controbattere che, soprattutto in Italia, anche le realtà locali hanno alle spalle vicende millenarie, e contribuiscono a formare quel meraviglioso e sfaccettato mosaico che è la nostra tradizione, che dovremmo essere noi a tutelare e a perpetuare; e che anche il commento letterario è un’arte difficile e preziosa, soprattutto quello di un’opera complessa, e per l’epoca nuova e ancora in larga parte oscura, come la Comedìa (tanto che Benvenuto poteva dire, non a torto, di essere stato reso “per molt’anni macro”, lungamente stremato e consumato, nel commentare il poema, non meno che Dante nello scriverlo).
Benvenuto potrebbe insegnare ad andare oltre la lettera del testo, a cogliere il senso che si nasconde, come dice Dante, “sotto il velame”, oltre la superficie esteriore. E oggi sappiamo che ogni integralismo e ogni dogmatismo nascono proprio da interpretazioni troppo letterali e rigide. Inoltre, Benvenuto è fra i primi intellettuali europei a conoscere e citare la Poetica di Aristotele, che sarà pienamente riscoperta solo nel Rinascimento, e il relativo commento di Averroè. Basterebbe questo dato a mostrare la sua (in senso lato) modernità, e l’ampiezza dei suoi orizzonti.
Ma, in un’epoca come la nostra, dominata dallo strapotere dell’immagine e dal trionfo dell’esteriorità e dell’effimero, la figura di Benvenuto, che, al contrario, dedicò allo studio, alla meditazione e quasi alla venerazione della parola scritta tutta la propria esistenza e tutte le proprie forze, appare, e non può che apparire, specie ai giovani, davvero lontanissima. Noi, del resto, dice un verso di Sanguineti, “riceviamo la qualità dai tempi”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *