Giulia Conti*, “‘Famosissimus orator, historicus, poeta’: le ‘recollecte’ bolognesi a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola” (1)

vanagloria-altichiero-giotto

Altichiero di Zevio (seconda metà del XIV secolo), Allegoria della Gloria terrena, Milano, Palazzo Ducale

Benvenuto da Imola, secondo la fortunata espressione di Giuseppe Billanovich (2), fu un famoso “auctorista” del quattordicesimo secolo, vissuto tra la natia Imola, Bologna e Ferrara. Durante la sua carriera di insegnante, compose commenti a svariate opere di auctores latini e moderni, tra i quali quello che di certo ebbe più fortuna fu il commento alla dantesca Commedia. Per la tesi ho preferito occuparmi del Benvenuto per così dire minore, ovvero di quello che chiosa i Dictorum et Factorum Memorabilium Libri dello storico latino Valerio Massimo. In realtà Valerio è relegato tra i cosiddetti storici conformisti, ovvero storici che, perduta la libertas repubblicana, che aveva nutrito alti ingegni, devono in qualche modo barcamenarsi nella nuova dimensione politica e perciò non esitano a bruciare più di qualche manciata di incenso sull’altare della nuova casa regnante.
Ebbene, il manoscritto di cui mi sono occupata è conservato presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano e riporta la dicitura Ms. Amb. I 142 inf: esso contiene le recollecte (ovvero gli appunti) che un discepolo di Benvenuto raccolse durante una delle sue lezioni, tenute a Bologna negli anni che intercorrono tra il 1365 e il 1375 (3). Che si tratti di recollecte bolognesi ce lo attesta l’explicit del manoscritto, che è il seguente: «Expliciunt recolecte super opere Valerii Maximi ystoriographi facte Bononie sub excelentissimo viro magistro Benvenuto de Ymola, scripte per me Philippum [macchia] de Vale natum quondam Bartholeti [rasura] de Vale de Querçola in Castro Heriberie sub annis Domini in MºCCCºLXXXIIIº. Indicionis sexte Amen».
Tale explicit riserva informazioni preziose: intanto riporta il nome del copista, ossia Filippo di Bartoletto di Valle della Querciola, inoltre permette di situare nel tempo e nello spazio l’iniziativa di trascrizione, poiché dal testo si appura che il manoscritto è stato esemplato nel 1383, presso il Castello di Heriboria (oggi Rubiera), e che esso contiene le recollecte (e non le expositiones) ai Dicta et Facta che Benvenuto chiosò presso l’Università di Bologna.
Si tratta di una serie di informazioni molto interessanti, che permettono di avanzare talune ipotesi, la prima delle quali verte sull’identità del presunto copista, ovvero Filippo di Bartoletto.
Egli fu un corrispondente di Coluccio Salutati (4) , il quale si rivolge al nostro con le seguenti amichevoli parole: «Vir insignis, frater optime, amice karissime».
Tra i due vi era dunque un certo grado di affabilità, cosa che ha permesso a Francesco Novati, curatore dell’epistolario dell’umanista fiorentino, di reperire alcuni dati biografici riguardanti Filippo: egli dovette nascere appunto a Querciola, studiare a Bologna, senza conseguire il diploma notarile, cosa che non gli impedì di mettersi a servizio delle famiglie nobili dell’epoca, prime fra tutti i Boiardo.
Queste nozioni sembrano poterci aiutare a capire le motivazioni per cui Filippo copiò (o scrisse?) il commento di Benvenuto: egli era a servizio di una famiglia che era vassalla della casata estense, protettrice di Benvenuto proprio nel torno di tempo durante il quale Filippo completò la stesura del manoscritto. Potrebbe essere ragionevole credere che l’iniziativa di Filippo abbia avuto origine dalla volontà che il suo signore Salvatico Boiardo ebbe di omaggiare il proprio superiore, Niccolò lo Zoppo. E’ poi mia convinzione che sussista la possibilità che Filippo non sia stato il copista, bensì tout court lo scrittore del testo benvenutiano, poiché non è così irragionevole ritenere che egli stesso abbia potuto udire la spiegazione di Benvenuto quando era studente a Bologna.
Del manoscritto in questione ho esaminato e approntato l’edizione diplomatico-interpretativa del solo primo libro, e all’interno di questo primo libro mi sono limitata al capitolo iniziale e a quello finale, che riportano i titoli il primo “De Religione”, il secondo “De Miraculis”, nella convinzione che le parti liminari di un qualsivoglia testo siano, per forza di cose, esemplari per capire la poetica e il modo di un autore di rapportarsi alla propria materia compositiva. Questi momenti “soglia” (5) sono di frequente davvero i più interessanti e, spesso, contengono in sintesi il significato di tutto il racconto.
I capitoli presi in considerazione corrispondono molto bene al gusto per il dettaglio curioso, l’aneddoto salottiero e il miracoloso che imperversa nelle pagine valeriane, e di cui dovettero essere ghiotti i lettori medioevali di Valerio, se è vero che proprio i Dicta et  Facta funsero da ipotesto per il De Viris Illustribus del Petrarca.
Ora non sarà peregrino, ma importante chiedersi in che modo commentasse Benvenuto. Come sono soliti fare i magistri universitari dell’autunno del medioevo, il nostro è tutto proteso nel lumeggiare una littera che talvolta poteva essere fraintesa: spessissimo nel testo (e tanto frequentemente da pregiudicare sovente il senso stesso della frase, giacché risulta arduo sciogliere e districarsi nel groviglio di chiose) compaiono termini come «scilicet» o «id est», che vengono massivamente impiegati ogniqualvolta l’autore intenda fornire il lettore/uditore di un significato più piano della parola, che in latino classico sarebbe risultata evidentemente troppo ostica alla comprensione (6).
Del resto il latino di Benvenuto è decisamente filoromanzo: «per scelta di lessico e di costrutti sintattici, riflette l’agilità e l’immediatezza del “parlato”, sia pure di un letterato di fine cultura quale è Benvenuto, e quindi presuppone, scolasticamente, la presenza dell’uditore-lettore, cui si indirizza. La forma è sempre incisiva, quand’anche, come avviene sovente, dalla sollecitazione della nota o della glossa marinale prenda spunto l’avvio di uno “spaccato” più tipicamente narrativo, denso di riferimenti sempre concreti, appartengano essi al repertorio del bagaglio erudito del passato o alla cronaca quotidiana del presente che consente di vedere con distacco anche il mondo di Dante» (7).
Il latino di Benvenuto è perciò medioevale e scolastico, e non incontrò di certo il favore di un raffinato umanista quale il Salutati, che addirittura gli fece un bonario rimprovero, invitandolo ad «altiori parumper stilo attollere» (8).
Analizzando più nel dettaglio il contenuto del manoscritto, ci si accorge che il modo di commentare del nostro è particolarmente interessante, dal momento che egli fa ampio utilizzo del presente, al quale si riaggancia ogni volta che gli è possibile; per citare qualche esempio di questa tendenza che mostra Benvenuto, si può rimandare a fogli 7v e 8r, quando vengono presentati i Galli Senoni capeggiati dal terribile Brenno: «Ecce, sicut scribit Titus Livius, Galli Senones, duce Breno, regulo eorum, de civitate Sons, que est in Francia, cum multitudine copiosa intraverunt Italiam pre modum societatis»; e ancora: «Urbe capta a Gallis, idest Roma, hostiliter occupata a Francis».
Si vede come in entrambi i casi Benvenuto cerchi, efficacemente, di attualizzare il dato storico di cui si sta occupando, la prima volta richiamando l’attenzione sul fatto che Sons, la città dalla quale proviene Brenno, è situata in Francia, mentre la seconda, ancora più sintomatica, quando appella i Galli con il nominativo moderno di «Francis».
Un ulteriore caso da citare si trova a foglio 3v, quando Benvenuto afferma: «Diceret ulterius aliquis quod missi sunt soli filii principum, respondendum dupliciter: primo quia Roma per aliqua tempora fuit regulata per principes, sicut hodie civitas Veneciarum, et ideo quia maiores erant fuerunt missi filii eorum». L’inciso «sicut hodie civitas Veneciarum» mostra tutto l’impegno che profonde l’auctorista imolese nel tentare di avvicinare, in ogni modo possibile, la materia trattata a coloro che ascoltano: certamente dovette pensare che ogni riferimento attualizzante potesse essere d’aiuto per gli studenti che si radunavano per ascoltarne le lezioni. Una sorta di «interpretatio romana» di sapore medioevale.
Le chiose benvenutiane, seppure esaminate solo in piccola parte, si rivelano piene di interesse e davvero degne di un’attenzione più prolungata e attenta di quella che hanno ricevuto fino a oggi, e perciò, si spera che ci sarà la possibilità di esaminare il testo più nel dettaglio col prosieguo degli studi.

NOTE

1) «Famosissimus orator, historicus, poeta» è l’incipit del manoscritto 2006, 7r, conservato presso la Biblioteca Governativa di Lucca, che è testimone dell’Augustalis Libellus di Benvenuto.

2) Il termine “auctorista”, come ha ben illustrato Billanovich in “Auctorista, umanista, horator”, designa, all’interno della congerie del lessico universitario, colui che attendeva alla lettura degli auctores latini; il sostantivo si ritrova all’interno del manoscritto Vaticano Chigiano A VII 220, contenente l’Augustalis Libellus, che riporta il seguente elogio a Benvenuto: “per Beneve[n]utum de Imola, egregium historiarum receptorem, solennissimus authoristam”.

3) Per quanto riguarda la cronologia delle opere benvenutiane, nessun dato certo è finora pervenuto.

4) C. SALUTATI, Epistolario, a cura di F. Novati, IV. 2, Tipografia del Senato, Roma 1911, pp. 247-254.

5) GENETTE, Seuils, Editions du seuil, Paris 1987.

6) Per esempio a foglio 1r, b troviamo «apud alios, scilicet ystoriographos».

7) A. CIOTTI, “Il latino del commento a Dante di Benvenuto”, in Benvenuto da Imola lettore degli antichi e dei moderni, Atti del convegno internazionale, a cura di Palmieri e Paolazzi, Longo, Ravenna 2001, p. 231.

6) SALUTATI, Epistolario, II, p. 77.

* Giulia Conti, diplomata presso il liceo classico di Imola nel 2010, laureata nel 2013 presso l’Università di Bologna con una tesi in storia medioevale, laureanda in filologia e letteratura neolatina nel presente anno accademico.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *