Dal commento di Benvenuto al Proemio di Valerio Massimo

Si riporta, seguìto dalla traduzione, un passo del commento ai Rerum memorandarum libri di Valerio Massimo (di cui si conserva nella Biblioteca Comunale di Imola un raro e prezioso codice, analizzato da Luca Carlo Rossi nei già citati Studi su Benvenuto da Imola), per l’esattezza relativo al proemio dell’opera, nel quale la figura di Tiberio viene encomiasticamente ed iperbolicamente esaltata, fino alla divinizzazione.
Nel commento, al primo sguardo così piano, letterale, didascalico, condotto verbum e verbo, affiora, fra le righe, una venatura poetica squisitamente medievale e dantesca, là dove la glorificazione del sovrano romano è implicitamente accostata alla mistica della luce, e immersa in una percezione e in una visione cosmologiche dell’organismo imperiale (Cesare e Augusto posti, al pari della Chiesa e dell’Impero nella concezione medievale, come i due soli, le due luci del mondo); né mancano, per contro, sottili punte ironiche e polemiche, ad esempio quando viene messa in dubbio l’analogia fra Augusto e Tiberio, e si sottolinea, implicitamente, il carattere bizzarro e paradossale, agli occhi di un intellettuale del Medioevo, dei culti fallici dell’antichità.

“Si prisci oratores ab Iove Optimo Maximo bene orsi sunt, si excellentissimi vates a numine aliquo principia traxerunt, mea parvitas eo iustius ad favorem tuum decucurrerit, quo cetera divinitas opinione colligitur, tua praesenti fide paterno avitoque sideri par videtur, quorum eximio fulgore multum caerimoniis nostris inclitae claritatis accessit: reliquos enim deos accepimus, Caesares dedimus. et quoniam initium a cultu deorum petere in animo est, de condicione eius summatim disseram.”

Dicit ergo ad Tiberium “mea parvitas”, idest paupertas ingenioli mei, humiliat se ut exaltetur, “recurrerit ad tuum favorem”, benignum, “eo”, idest tanto, “iustius quo”, idest quanto, “cetera divinitas”, idest deitas ceterorum deorum, “colligitur opinione”, idest cognoscitur ex sola credulitate, “sed tua”, scilicet divinitas, “videtur par”, idest similis, immo fuit dissimilllima, “sideri paterno”, scilicet Augusti qui fuit pater adoptivus Tiberii, “et avito”, scilicet Iulii Caesaris qui fuit pater adoptivus Augusti et per consequens avus Tiberii, ut alibi dicetur plenius, praesenti fide”, idest evidenti certitudine. Et ut extollat Tiberium in divinitate magnificat patrem et avum in divinitate dicens “quorum”, scilicet patris Augusti et avi Caesaris, “eximio fulgore”, idest excellenti splendore virtutum quia isti fuerunt quasi duo luminaria prima in orbe Romano; et a Caesare tamquam a sole Augustus et alii clari principes acceperunt lumen, “multum inclitae claritatis”, idest gloriosae celebritatis, “accessit”, idest accrevit, “nostris cerimoniis”, idest sacris Romanis, quasi dicat valde aucta est deorum religio ex deificatione Caesaris et Augusti. Et ecce quomodo, quia “accepimus reliquos deos”, idest alios a Romanis habuimus ab alienigenis sicut Iovem a Creta, Apollinem a Delphis, Herculem a Thebis et ita de multis, “Caesares dedimus”, idest deos fecimus ex nostris, quasi dicat Valerius: “Et ego bene facere possum Tiberium deum”, quia Graeci fecerunt Priapum deum. Et concludit tangens materiam a qua vult incipere dicens “et quantum est in animo”, idest quia est decretum et firmatum in mente mea, “petere initium”, idest facere principium libri, “a cultu deorum”, idest a religione, “summatim disseram”, idest succincte disputabo de conditione eius.

“Se gli antichi oratori hanno saggiamente iniziato nel nome di Giove Ottimo Massimo, se gli eccellentissimi vati trassero il principio da una qualche divinità, tanto più giustamente la mia piccolezza si rivolgerà alla tua benevolenza, quanto l’altra divinità si fonda sull’opinione, la tua sulla  presente credenza, e sembra pari alla stella paterna ed avita, grazie al cui eccelso fulgore molta nobile lucentezza si è aggiunta alle nostre cerimonie: infatti gli altri dei li abbiamo ricevuti, i Cesari li abbiamo dati, e poiché ho intenzione di trarre inizio dal culto degli dei, parlerò per sommi capi della condizione di esso.”

Dice dunque a Tiberio “la mia piccolezza”, cioè la povertà del mio piccolo ingegno, umilia se stesso per esaltarsi, “si rivolgerà alla tua benevolenza”, generosa, “tanto più giustamente quanto l’altra divinità”, cioè la divinità degli altri dei, “si fonda sull’opinione”, cioè è conosciuta per la sola credenza, “ma la tua”, cioè divinità, “sembra pari”, cioè simile, mentre al contrario fu diversissima, “all’astro paterno”, ossia di Augusto che fu padre adottivo di Tiberio, “e avito”, ossia di Giulio Cesare che fu padre adottivo di Augusto e di conseguenza avo di Tiberio, come altrove sarà detto più ampiamente, “sulla presente devozione”, cioè sulla certezza evidente. E, al fine di esaltare Tiberio nella divinità, magnifica il padre e l’avo nella divinità dicendo “il cui”, cioè del padre Augusto e dell’avo Cesare, “eccelso fulgore”, ossia l’eccellente splendore delle virtù, poiché costoro furono quasi i due supremi lumi nell’universo di Roma; e da Cesare, come dal sole, Augusto e gli altri chiari sovrani ricevettero la luce, “molta nobile lucentezza”, cioè gloriosa celebrità, “si è aggiunta”, ossia accresciuta, “alle nostre cerimonie”, cioè ai sacri riti Romani, come se dicesse che si è fortemente accresciuta la devozione agli dei grazie alla divinizzazione di Cesare e Augusto. Ed ecco come, poiché “abbiamo ricevuto gli altri dei”, cioè diversi da quelli Romani, dagli stranieri, come Giove da Creta, Apollo da Delfi, Ercole da Tebe, e così molti altri, “i Cesari li abbiamo dati”, cioè li abbiamo divinizzati per parte nostra, come se Valerio dicesse: “Io posso ben fare di Tiberio un dio”, poiché i Greci resero dio Priapo. E conclude toccando la materia da cui vuole cominciare, dicendo “quanto ho intenzione”, ossia ciò che è stabilito e ben saldo nella mia mente, “trarre inizio”, ossia fare il principio del libro, “dal culto degli dei”, cioè dalla religione, “tratterò per sommi capi”, cioè discorrerò in breve della condizione di essa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *