La Ferrara di Niccolò II d’Este nella testimonianza di Giovanni Conversini

nicoloii

 

Giovanni Conversini, preumanista, contemporaneo di Benvenuto, autore di varie opere fra cui spicca la Dragmalogia de eligibili vite genere, largamente anticipatrice sia per lo stile dialogico estroso, variegato, divagante, un poco incline alla bizzarria e allo straniamento, e dunque quasi, a tratti, manierista ante litteram, sia per l’acutezza e la spregiudicatezza, a volte quasi machiavelliane, del pensiero, fu legato all’Imolese non solo dall’interesse per Valerio Massimo, che entrambi commentarono (e che aveva, com’è evidente, un valore di esemplarità ai fini della formazione – ancora divisa, in questo crocevia fra Medioevo e Umanesimo, fra moralismo cristiano, etica nobiliare, téchne politikè e concreto agire strategico e diplomatico – dell’uomo di potere), ma anche dal soggiorno alla corte di Niccolò II d’Este, che fu, se non proprio un principe umanista, almeno un sovrano non indifferente alla cultura. Ho il piacere di pubblicare qui una nota erudita dovuta alla cortesia, alla competenza e alla precisione di un collega svizzero, Vittore Nason, che al Conversini ha dedicato vari studi.

Appare significativo che sia Benvenuto che il Conversini accostino la figura di Niccolò II a quella di Augusto tratteggiata da Svetonio, dando l’immagine (da un lato memore dell’antichità classica, dall’altro protesa verso il Rinascimento) di un sovrano solerte e generoso, pronto ad ornare la città di splendidi edifici (nella fattispecie il Castello Estense, menzionato, come abbiamo visto, nel proemio del commento di Benvenuto a Valerio Massimo).

(M. V.)

 

Al periodo che va dal 1364 al 1366 Conversini dedicò i capp. XXVIII-XXXIII del Rationarium: una narrazione notevolmente estesa.
Tornato a Bologna da Padova nel 1364, aveva in breve tempo (forse un anno) dilapidato il capitale  ricavato dalla vendita di un ricco fondo agricolo. Era ventunenne e si era lasciato trascinare  a Bologna dalla gaudente vita studentesca.
Componeva in volgare sonetti, canzoni, ballate, aveva una bella voce, danzava con perizia e con grazia. Aveva prosciugato la sostanza non solo con l’acquisto di libri e di capi di abbigliamento, ma anche in banchetti e in compagnie (in contuberniis, scrive: possiamo immaginare di tutto…). E più ancora che la sua personale condotta, a quanto racconta,  i suoi contubernales  l’avevano reso sospetto alle autorità giudiziarie.
I suoi comportamenti erano però tutt’altro che cristallini. Nell’autobiografia  (Rationarium, capp. XXXI – XXXII) narra diffusamente di due avventure, nelle quali aveva sedotto due donne sposate, in un caso in piena festa matrimoniale della Zerlina di turno. E doveva essersi compromesso in più d’una di queste licenze, se stiamo a quanto afferma nel XXX cap.: «Accedebat vanitati iuventus et corporis haud usquequaque contemnenda species, vocis canor membrorumque omnifariam dexteritas inque conficiendis omnis gradus vulgaribus modis ingenium:  omnia ad expugnandum muliebris animi affectus instrumenta, quibus ita virens militavi, ut sepe discrimen subirem. »
Il lussuoso tenore di vita lo ridusse sul lastrico, e quindi nel 1365 accettò di andare a far da precettore a Ferrara, in casa del cavalier Dondacci. Aveva 22 anni.
Niccolò II lo Zoppo dal novembre del 1361 era succeduto ad Aldobrandino III, ed era al quarto anno di governo.
Conversini si fermò un anno intero a Ferrara, poi passò a Treviso.
La Dragmalogia fu scritta quarant’anni dopo quel soggiorno, ma il ricordo di Niccolò II è ben vivo, anche perché Conversini fu in stretto contatto con due famosi letterati che vissero alla corte di Niccolò II.
Il più vicino era Donato Albanzani, che fu suo maestro e gli fece incontrare Petrarca a Venezia.
Il secondo era Benvenuto Rambaldi da Imola, che lo menziona nel suo commento a Valerio Massimo (v. R. Sabbadini, Giovanni da Ravenna , Como 1924,  pp. 29-30).
1. Un primo chiaro riferimento, col nome del personaggio, è reperibile nel corso di una rassegna nella quale, partendo da Augusto, si menzionano i potenti che protessero i letterati. Fra gli antichi Augusto e Giustiniano. Fra i moderni re Roberto di Napoli,  i da Polenta di Ravenna (Bernardino per Boccaccio e Guido per Dante), Giacomo e Francesco da Carrara per Petrarca. Poi viene Niccolò II, il penultimo della rassegna. L’ultimo, il più recente, è Gian Galeazzo Visconti.
Il locutor è il Padovano, sostenitore dei regimi signorili. Il rinvio è breve ma degno di nota per l’arguta energia polemica con la quale Conversini sottolinea la dedizione di Niccolò II alle lettere in contrapposizione alle ambizioni militari:
“Nicolaus insuper Marchio Estensis, litteris plusquam militariter  indulgens, qui poetas et historias nossent munifice admisit, eorumque presentia velut deliciis fruebatur” (Kohl-Eaker p. 114, che non tengono conto di Sabbadini, p. 191, e intervengono maldestramente sul testo, correggendo poetas in poeticam).
L’espressione avverbiale avrà origine dalla locuzione litterarum militia, che Conversini riprende a modo suo nel secondo capitolo del Rationarium, dove con l’espressione litteralis militia rinvia agli studi del padre, chiamato a Siena per insegnare medicina. Perciò a un dipresso il senso sarà: “la cui dedizione alle lettere era al di sopra della semplice militanza”.
2. Una seconda menzione, altrettanto esplicita, puntualizza sulla posizione nel casato per distinguere Niccolò II da Niccolò III.
Niccolò II è indicato come il penultimo dei fratelli (figli di Obizzo III, in ordine di nascita Aldobrandino III, Niccolò II, e Alberto V). Niccolò III era asceso al potere all’età di 10 anni nel 1383, e perciò viene definito ephebum: al tempo della Dragmalogia poteva avere vent’anni.
Anche qui la menzione interviene nel corso di una rassegna di esempi, illustrati dal locutor padovano, che si apre con Augusto. Egli, dice il padovano, ampliò e abbellì Roma, ut obiens gloriaretur invenisse latericiam, marmoream relinquere  (Kohl-Eaker, p. 126), evidente ripresa di Svetonio, Vita Augusti, 28: “Urbem neque pro maiestate imperii ornatam et inundationibus incendiisque obnoxiam excoluit adeo, ut iure sit gloriatus marmoream se relinquere, quam latericiam accepisset”.
All’esempio di Augusto segue quello di  Luigi d’Ungheria, sotto il regno del quale Conversini era nato a Buda, perché Conversino del Frignano, suo padre, era medico di corte. Il terzo esempio è  Francesco da Carrara, e Niccolò II  chiude la serie. Anche qui noteremo il verbo indulgere, e poi una variatio (domos assericias lapideas dimisit) che ricollega Niccolò II all’Augusto svetoniano:
“Haud me tempero quin alium, vestris affinem aquis, principem, Estensem Nicolaum – non hunc ephebum, sed penultimum ex germanis –  subiciam. Nam ceno immeabilem et gravem odore Ferariam illimem ac salubrem reddidit. Vicos lateribus ac saxos stravit, domos assericias lapideas dimisit. Castra et turres erexit, oppida munivit. Sic denique prudentia et circumspectione augmento urbis ornamentoque indulsit, ut, pro mensura, nulla vicinarum opulentior neque frequentior speciosiorque visatur” (Kohl-Eaker, p. 130, che non seguo totalmente).
3. La terza menzione esplicita si situa nel corso della digressione sui sette vizi capitali.
Conversini affronta il tema dell’ignavia che, se resta confinata nei limiti dell’otium,  è sorgente di pace.
La tesi generale in questa trattazione è che l’onnipotenza divina riesce a ricavare il bene anche dal male, un tema caro al Conversini, che sarà centrale nella Riforma  e arriverà fino a Goethe: “Io sono una parte di quella forza che vuole costantemente il male, e opera costantemente il bene”, dice Mefistofele.
Nel passo Niccolò II è lodato come principe pacifico.
La sua figura è incastonata fra quella di Francesco il Vecchio da Carrara, di cui viene ricordata la gloria dell’età virile, quando abbellì Padova, e la fine ingloriosa nella vecchiaia, causata dalla smania di guerra, e quella di Francesco II da Carrara, genero di Niccolò II, di cui aveva sposato la figlia Taddea, nata dal matrimonio con Verde della Scala.
“Deperiret profecto humana societas , si quidem atrocior quisque vicinum subdere, quam socium pati mallet. Sed ignari vere laudis inclarescere belli furore et vi quacumque magnificari pulcrum ducunt. Quanto satius sanctiusque nomen paratur in posterosque dimittitur habita reformando et iustis artibus exornando honestisque studiis excolendo! Velut olim Franciscus prior, vir adhuc, Paduam urbem ornavit et auxit, imo, ut ita dixerim, recreavit, non quidem bellis, sed virtutum cunctarum studio, ut primariam sapientie ac iusti principis gloriam in omni Latio reportaret. Extinxit autem fulgorem nominis et amisit felicitatem, simul bellandi ardor incessit.
Deinceps Nicolaus Estensis, nonne venerabilior fuit et clarior, paci et litterarum otio studens, ro amplitudinis Ferariam promovendo, ut ex assericia latericiam faceret? Nulla certe vicinarum pro magnitudinis portione formosiorhodie nec opulentior habetur! Ipse nimirum defunctus in hominum celebri laude versatur, magis eiusmodi animi lenitate, quam si feroci spiritu, clade et ruina, bellorum gloriam flagrans, et sua profligasset et esset vicina demolitus.
Quo turbine, dum se minime temperavit, gener eius nec acquisivit externa, que possidere certabat, nec sua retinuit, que possidebat. Prestitisset nempe, reside spiritu, Euganeis fruendo deliciis  terminos suos indulgenter excolere incolumesque servare, quam niti aliena, iniuria nomen imperiumque magnificare!” (Kohl-Eaker, pp, 208-210, che non seguo totalmente).

4. Un rinvio meno chiaro alla corte estense riguarda un farmacista padovano, Giovanni Bombosolo,  in una rapida rassegna di personaggi che si arricchirono provvedendo alla voluptas dei signori, o addirittura facendosi complici dei loro delitti.
“At ministri voluptatum consciive facinorum haud modo nequiquam poscunt, sed ultro quoque donantur. Bombosolum Marchio, Montursium Carriger, Guido, Ravenne dominator, Gerundinum ditavit” (Kohl-Eaker, p. 88, e n. 28, dove vengono riportati due passi del Rerum memorandarum liber di Conversini, riguardanti Bombosolo e  Gerundino).
Bombosolo è attestato dal solo Conversini, per cui vale la pena di riportare le notizie tramandate nel Rerum memorandarum liber, dove il personaggio è ricordato al capitolo De mutatione morum aut fortune.
In questo capitolo il primo esempio è  Francesco II Oderlaffi  detto il Grande, la cui fine viene narrata in una con quella della moglie Marzia degli Ubaldini, detta Cia degli Oderlaffi (Cea  in Conversini). Seguono gli esempi di Bombosolo e Gerundino, e da ultimo quello di Giovanni Sarasini.
“Per eadem quoque vestigia  quam in precipiti ac lubrico spes fortunatorum pendeant, Johannem Bombosolum fortuna proposuit. Quem ex apothecaria taberna eo splendoris provexerat, ut in aula Ferarie primus haberetur, nedum ipsi marchioni precarus curieque prefectus, verum – ut ita dixerim – omem propemodum urbem ipsumque marchionem pugillo continere videretur.
Qui, reflante mox huius aura favoris, vulgari cum ignominia catenis vinctus carcere diro trusus occubuit.
Hoc minus Francisco miser, quod illum nascentem ubere blandissimo sustulit, Bombosolo multam post servitutem illecebris vani favoris illusit.”
Il rinvio generico alla corte estense sia nella Dragmalogia, sia nel Rerum memorandarum liber, mi fa pensare che il personaggio si debba collocare proprio alla corte di Niccolò II, tanto ammirato da Conversini, e perciò non esplicitamente nominato in un contesto sfavorevole.

 

Vittore Nason, Liceo Cantonale di Locarno


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *