Dalla dedicatoria del commento a Valerio Massimo di Benvenuto da Imola

Al pari dell’Augustalis libellus, anche il commento a Valerio Massimo, che giace, ancora in massima parte inedito, nella Biblioteca Comunale di Imola (ma si vedano le pagine relative nel prezioso volume di Luca Carlo Rossi, Studi su Benvenuto da Imola, Edizioni del Galluzzo, Firenze 2016), è dedicato a Niccolò II d’Este, e vòlto a soddisfare il suo desiderio di conoscere le antiche gesta onde trarne ispirazione ed esempio.
Sul piano della documentazione biografica, la menzione del compimento del Castello Estense (edificato a scopo difensivo, dopo una rivolta popolare) porta a collocare la morte di Benvenuto non prima del 1387.
Ma l’interesse del testo, di cui si dà qui un estratto, accompagnato da una traduzione che tenta di riprodurne gli effetti di ritmo e di suono cari all’ars dictaminis medievale, non è solo documentario.
Un confronto fra le due dedicatorie mostra come l’arte del commento e quella della storiografia fossero accomunate da un intento non solo di chiarificazione del testo (che doveva essere sintetizzato ove prolisso, ampliato ove breve fino a risultare criptico), ma anche di istruzione, ed eventualmente di edificazione, o di formazione, di Bildung in senso lato, del lettore.
Il parallelismo, per quanto ardito ed eccessivo, fra i personaggi e i rispettivi operati, al di là dell’iperbole encomiastica, dell’esagerazione celebrativa, mostra l’intento di rintracciare un continuum storico fra passato e presente, fra la perdurante lezione degli antichi e i turbolenti e spesso torbidi accadimenti della storia.
L’immagine del dedicatario è già, compiutamente, quella del principe umanista – anche se il richiamo alla fedeltà alla Chiesa, che Niccolò, al pari di Beltrando Alidosi, difese dalle ingerenze viscontee, evoca ancora l’ideale del principe cristiano, specchio di fedeltà e di virtù.

(Matteo Veronesi)

 

Poscis, Clarissime Marchio, memorandarum avidus rerum alta mente (1), ut Valerii Maximi maximum (2) breveque compendium exponendum adsumam, brevia dilatans, obscura declarans lucido cum sermone.
Arduum opus fateor per ora multorum volitans (3), sed a pluribus ignoratum. Parebo tamen libens, ut et tibi placeam, et aliorum satisfaciam voto. Tu quidem, vir ab ineunte aetate pietate insignis et clementia, quae, peculiaris virtus principum, hominem Deo similem facit (4), et iuxta tui allusionem nominis (5) in omni opere gloriosus, gloriam siquidem promereri studuisti in aedificiorum opere ingenti: sicut enim Augustus Caesar, quo nihil clarius sol se vidit, gloriatus est Urbem, quam invenerat lateritiam, relinquere marmoream (6), ita tu, Illustris Princeps, terram quam inveneras asseritiam, lateritiam fecisti; in cuius infima valle arcem extruxisti sublimem ad sidera inexpugnabili opera, iuxta portam cui leo magnanimus incubat.
Terrarum gloriam perfectiori aetate coluisti: nempe, neglecta forma corporis, qua summe pollebas, libros avidissime semper legis historiarum, praecipue Livium, qui stylum habuit parem Romano gladio, illustrium Romanorum celebranda gesta recurrens, inter quos Iulium Caesarem tuo iure praeponis.
Verum ut veram gloriam cito attingam, quae in sola virtute consistit: quis hac tempestate animi vigore praestantior, signifer et pugil Romanam Ecclesiam, velut naviculam Petri inter tot fluctuum turbines agitatam, solus intrepide iuvit inter multorum Dominorum et Populorum rebelliones scaturientes, magno tui cum discrimine?

1) Espressione aulica, che richiama il virgiliano (Eneide, I, 26) “manet alta mente repostum”.  2) Arguta annominazione. 3) Altro aulicismo, che richiama il “Volito vivus per ora virum” dell’epitaffio di Ennio. 4) Che la clementia renda l’uomo simile a un dio è concetto che pervade, in chiave encomiastica e laudatoria, le orazioni cesariane di Cicerone. 5) Allusione all’etimologia di Niccolò (“colui che vince per il popolo”), secondo il gusto, tipicamente medievale, del nomen omen, del nesso magico fra il nome della persona e il suo destino. 6) Citazione letterale da Svetonio, Vita Augusti, XXVIII, 3.

Chiedi, o Illustrissimo Marchese, bramoso, nel profondo della mente, di eccelse memorie, che io mi assuma il compito di redigere, di Valerio Massimo, un massimo e breve compendio, ampliando i passi troppo brevi, rischiarando quelli oscuri, in nitido stile.
Confesso che ardua è quest’opera che vola sulle labbra di tutti, ma dai più è ignorata. Ubbidirò, tuttavia, volentieri, sia per fare cosa gradita a te, sia per soddisfare il desiderio di molti.
Tu, certo, uomo fin dall’età giovanile insigne per devozione e clemenza, che, virtù propria dei sovrani, rende l’uomo simile a Dio, e glorioso in ogni opera, secondo il destino racchiuso nel tuo nome, senza dubbio ti sforzasti di conquistare la gloria nella vasta costruzione di edifici: come infatti l’imperatore Augusto, all’infuori del quale nulla il Sole mai vide che fosse di sé più grande, si gloriò di lasciare di marmo la città che aveva trovato di pietra, così tu, illustre principe, rendesti di pietra la terra che avevi trovato di legno; sul fondo della cui valle hai costruito un castello che si staglia fino al cielo con un’inespugnabile fortificazione, presso la porta su cui giace maestoso un leone.
Nella più salda età hai coltivato la gloria delle conquiste: ora, invece, trascurata la bellezza del corpo, per la quale sommamente primeggiavi, sempre leggi con grande avidità libri di storia, soprattutto Livio, che ebbe stilo eguale alla spada Romana (1), ripercorrendo le magnifiche gesta degli illustri Romani, tra i quali prediligi, in accordo con la tua indole, Giulio Cesare.
Ma per giungere presto, invero, alla tua vera gloria, che risiede solo nella virtù: chi, in questi tempi, più saldo per forza d’animo, condottiero e combattente, solo senza paura difese la Santa Chiesa, la navicella di Pietro (2), per così dire, scossa fra i turbini di tanti marosi, fra le ribollenti ribellioni di molti Signori e Popoli, con tuo grande pericolo?

1) Ossia egualmente potente, tagliente ed efficace. 2) Evoca l’immagine dantesca della “nave sanza nocchiero in gran tempesta”, riferita però là all’Italia, qui alla Chiesa.

 

Spunti di riflessione e d’analisi

  • Esaminando le dedicatorie del Romuleon, dell’Augustalis libellus e del commento a Valerio Massimo, di cui sono stati pubblicati in queste pagine i passi salienti, poni a confronto la concezione della storia e della storiografia e la percezione del rapporto fra intellettuale e potere nel Medioevo e nell’Umanesimo (assumendo come termini della comparazione, ad esempio, Dante o Petrarca da un lato, Machiavelli o Guicciardini dall’altro).
  • Cerca di analizzare lo stile latino dei tre testi in questione, soffermandoti sulle figure retoriche, gli effetti di suono, l’ordine delle parole, i parallelismi sintattici.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *