La lettera dedicatoria dell'”Augustalis libellus” di Benvenuto Rambaldi: una visione della storia fra Medioevo e Umanesimo

augustalis

L’indice dell’edizione basileese di Petrarca.

L‘Augustalis libellus, breve opera storiografica di Benvenuto da Imola (oggi dimenticata, ma che ebbe l’onore di essere portata a termine da Enea Silvio Piccolomini e di essere inclusa, unitamente al commento dello stesso Benvenuto al Bucolicum carmen di Petrarca, nell’edizione basileese del 1581 delle opere petrarchesche), altro non è, invero, che una stringatissima rassegna degli imperatori romani, con lapidaria indicazione degli anni di regno, delle imprese compiute e dei principali tratti etici e caratteriali.
Di particolare rilievo, però, il proemio, in cui, dopo aver riconosciuto come l’impostazione cristiana, cristocentrica, della storiografia tendesse ad applicare ai fatti storici la stessa “interpretazione figurale” riservata alla storia biblica, e dunque a fare di un dato personaggio “figura” – nel duplice senso di anticipazione o realizzazione, prefigurazione o ripresa, preannuncio o riverbero – di altri, in ossequio ad un superiore disegno metastorico e provvidenziale (Giulio Cesare prefigurazione dell’Impero come il Battista del Cristo), Benvenuto sostiene di aver preferito attenersi, nella disposizione cronologica e nella narrazione dei fatti, piuttosto agli storici pagani, più attenti alla specificità terrena, umana e concreta degli accadimenti.
Anche se la profondità e l’originalità di Benvenuto erano sicuramente minori (tanto che non è possibile ravvisare, in lui, un vero e proprio pensiero storiografico, se non per abbozzi, sottintesi e frammenti, ed egli, nelle sue opere sulla storia romana, è in fondo più un compilatore o un epitomatore, ossia un autore di sunti, che un vero e proprio storico), non siamo qui troppo lontani, nello spirito, dalla visione preumanistica della storiografia di cui il De viris illustribus di Petrarca o il De mulieribus claris di Boccaccio sono fra i monumenti più maestosi e duraturi.

(Matteo Veronesi)

Optas, clarissime Marchio, heroicarum cultor virtutum, posse faciliter et cito internoscere (1) bona et mala principum Romanorum ut utrorumque fine notato cautior fias eminenti in speculo exemplorum.
Parebo libens et calculantis more rem magnam brevi ratione summabo, quia non modicum confert commoditatis ad cognitionem rerum gestarum, praesertim postquam venit tempus gratiae quo Rex universi et urbem et orbem totum ad unam voluit redigi monarchiam, nosse annos quos (1 bis) unusquisque principum imperavit. Non per modum narrantis, sed potius numerantis (2), singulorum tempora breviter, immo transcurrenter, perstringam lucido com sermone.
Est autem utiliter praesciendum quod omnes historiarum descriptores catholici sive in obsequim fidei sive ob aliam causam, sicut Orosius in Ormesta Mundi et alii plures, incipiunt descriptiones a Caesare Augusto, quia sub eo Christus nasci dignatus est, a quo incepit primitiva Ecclesia, vel quia diutius imperavit et salubrius rem publicam gubernavit, unde videntur velle quod Gaius Caesar fuerit potius quidam praecursor imperii sicut Baptista fuit praecursor Domini.
Omnes vero gentiles historici incipiunt a Julio Caesare sicut Suetonius et alii multi quos magis sequi intendo, quia non aliud quam veritatem tradere posteris curaverunt.

1) Verbo di uso relativamente raro (ma attestato anche nel sermo vulgaris dei Comici), che indica “conoscere” e insieme “distinguere”. 1 bis) Aggiungiamo, nel testo, un “quos”, forse caduto nella trasmissione. 2) “Numerare” nel senso di scorrere velocemente, passare rapidamente in rassegna. Accezione abbastanza rara; vedi, ad esempio, Giovenale, VI, 281: “Numerare pectine cordas”. Il cronista sfiora rapidamente e lievemente gli anni e le figure della storia, come il citaredo, con il plettro, le corde del proprio strumento.

Desideri, Illustrissimo Marchese (1), cultore di eroiche virtù, poter facilmente e rapidamente conoscere le buone e le cattive azioni dei sovrani Romani per divenire – dopo aver preso coscienza della fine degli uni e degli altri – più saggio nell’eccelso specchio degli esempi (2).
Ubbidirò volentieri, e, alla maniera di chi svolge un calcolo, raccoglierò vasta materia in breve misura, poiché arreca non poco giovamento alla conoscenza delle imprese passate, specie da quando è venuto il tempo di grazia in cui il Re dell’Universo volle che tutta la Città e tutto il Mondo fossero ricondotti sotto un unico regno, conoscere gli anni in cui ciascun sovrano regnò. Non nello stile di chi narra, ma piuttosto di chi enumera, brevemente, anzi cursoriamente, stringerò in breve tratto con nitida espressione.
Ed è utile sapere, fin dall’inizio, che tutti gli storiografi cattolici, fosse per ubbidienza alla fede o per altra ragione, come Orosio nelle Storie contro i pagani e altri ancora, cominciano le narrazioni da Cesare Augusto, poiché sotto il suo regno si degnò di nascere Gesù Cristo, dal quale iniziò la Chiesa dei primordi, o poiché regnò più a lungo, e più felicemente resse lo stato; onde essi sembrano volere (3) che Giulio Cesare sia stato piuttosto un precursore dell’impero, così come il Battista fu precursore del Signore.
Ma tutti gli storici pagani iniziano da Giulio Cesare, come Svetonio e molti altri, che piuttosto intendo seguire, poiché si preoccuparono di non tramandare ai posteri nient’altro che la verità.

1) Niccolò d’Este, dedicatario anche del commento dantesco, che protesse Benvenuto dopo che egli, forse intorno al 1377, si vide costretto, dalle invidie e dalle rivalità che si era attratto, e dall’ostilità che si era guadagnato per aver denunciato uno scandalo che coinvolgeva vari docenti, ad abbandonare l’Università di Bologna. 2) Vi è, qui, forse, già un passo verso la visione umanistica della storia intesa come magistra vitae non tanto in senso etico-religioso, quanto al fine di rendere l’uomo di potere, più accorto ed abile nel fronteggiare le circostanze, gli eventi e le scelte da compiere (mentre il proemio del Romuleon rifletteva ancora una visione provvidenzialistica, sacrale e teologica della storia). 3) Nel testo latino correggiamo “videtur” in “videntur”.

Spunti di riflessione e d’analisi

Evidenzia, nel testo, il rapporto che viene istituito fra visione pagana e visione cristiana della storia.

Quale funzione può rivestire, stando a questa pagina, la conoscenza storica per un sovrano? Quale tipo di rapporto emerge fra scrittore e uomo di potere? Esso ti sembra prossimo più al Medioevo o al Rinascimento?

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *