La dedica del “Romuleon” di Benvenuto da Imola a Gomez Albornoz

miniaturaromuleon

 

Presentiamo (accompagnandola con il passo corrispondente nel volgarizzamento trecentesco che l’infaticabile erudito Francesco Zambrini, includendone le pagine iniziali nelle Prose e rime d’autori imolesi del secolo quattordicesimo, edite a Imola, da Galeati, nel 1846, non escludeva potesse essere opera dello stesso Benvenuto)  la lettera dedicatoria del Romuleon, vasta e dotta, anche se non originale, compilazione sulla storia romana dalle origini a Teodosio, che, oggi perlopiù dimenticata (ma si veda, felice eccezione, il libro di Frédéric Duval sulla fortuna dell’opera in Francia), ebbe fino a tutto il Quattrocento vasta diffusione e diverse traduzioni, anche in francese.
L’opera tocca forse il suo maggiore pregio letterario e il suo più rilevante significato culturale, oltre che nel proemio (di cui saranno presentati, nel solo volgarizzamento, vari passaggi, e in cui la visione provvidenzialistica della storia tipica del Medioevo, a partire da Agostino e da Orosio, si fonde con un’esaltazione già umanistica della gloria terrena, della virtù umana, delle doti politiche, della storia maestra dell’agire), anche nel libro ottavo, in cui la sostanziale aridità dell’esposizione è ravvivata dall’inserimento, tra le fonti, di Lucano, del quale Benvenuto fu anche commentatore, e il cui tono epico infonde nella pagina venature tragiche e solenni.
Il latino del Romuleon, peraltro, denota, fin dal proemio, uno sforzo di maggiore solennità, di ampiezza ed elaborazione sintattica quasi ciceroniane o quintilianee, lontane dunque dalla colloquialità efficace e vigorosa, ma spesso rozza e barbara, propria del sermo vulgaris utilizzato (anche per adeguarsi all’oralità dell’insegnamento) nel Comentum a Dante, e la cui trasandatezza fu affettuosamente rimproverata a Benvenuto dal preumanista Coluccio Salutati.
Non c’è, forse, commento più eloquente alla pagina riportata di quello, visivo, offerto dalla miniatura del codice Bodmer 143 (vergato in Francia verso il 1440) sopra riprodotta: in un terso, luminoso ed arioso gotico fiorito, di gusto tipicamente cortese, l’autore è raffigurato nell’atto di donare devotamente l’opera al signore; sullo sfondo, vaste architetture, scene di corte (i cani sono, tradizionalmente, nell’arte, simbolo di lealtà e fedeltà), una lontana veduta lacustre rendono l’idea di un mondo pacifico, ordinato, ben governato, in singolare contrasto, peraltro, con la violenza sanguinosa, impassibilmente descritta e riferita quasi come necessità ineluidibile, che trasuda – anche per l’ovvio riflesso delle fonti impiegate – pressoché da ogni pagina dell’opera (si può vedere, su questo, il bel saggio di Christiane Raynaud, che peraltro lascia aperto un dubbio sulla paternità dell’opera, la quale, alla luce dell’ampia tradizione manoscritta, può però essere assegnata senza grandi esitazioni a Benvenuto).

(Matteo Veronesi)

“Principibus placuisse viris non utima laus est”, inquit Horatius in Epistulis suis (1). Hanc auctoritatem secutus, illustrium Romanorum regum, consulum ac imperatorum, non omnia quidem, sed quae memorabiliora fore crediderim, inclita gesta luculento latino, humili stilo et sermone materno, sine ulla rhetoricorum pompa verborum, brevi volumine quantum materiae qualitas patitur, instantia serenissimi militis domini Gometii de Albornio Ispani (2), cuius mandatis, prius sibi dilectus quam cognitus, nequeo refragari, quem iam pluribus triumphis clarissimis celebratum, quia armorum solertia distrahit, militaris alligat disciplina, rei publicae cura sollicitat utilius gubernandae amoenissimae nec non opulentissimae Bononiae civitatis, cuius habenas regit prudens ac providus gubernator et quam, sonantibus undique bellorum fragoribus guerrarum (3) turbine oppressam, revocata patria libertate iam dudum suis propulsa de laribus, spectabili virtute sua potenter erexit, nobilissimorum historicorum obscuritati sedulitate studii invigilare non valet: invitus quodam modo pertrahor ad scribendum iuvenilis aetatis imbecillitate, cui plurimum ignorantia solet esse cognata.

1) Epistulae, I, XVII, 35. Benvenuto idealmente ed implicitamente si richiama (qui come nel proemio, che sarà anch’esso pubblicato in queste pagine, del Libellus Augustalis) all’armonia fra intellettuale e potere che contraddistinse l’età augustea.
2) Gomez Albornoz, nipote del Cardinale Egidio Albornoz, fu reggente di Bologna dal 1361 al 1364, e la difese dalle ingerenze viscontee. Nel commento a Paradiso, IV, 76, Benvenuto ricorda la congiura, sventata, che nel 1362 avrebbe dovuto portare alla sua uccisione e al rovesciamento del governo pontificio sulla città.
3) Barbarismo (peraltro attestato almeno dal dodicesimo secolo, nella Vita Mathildis di Donizone, forse tra le fonti della figura dantesca di Matelda: “Finis adest guerrae, requiem rogat ut sibi praestet”) per “bellorum”.

Volgarizzamento trecentesco

Avere piaciuto a’ prìncipi e a’ signorì non è piccola  loda. Questa è sentenzia d’Orazio nelle sue Epistole. Seguitando io questa autoritade, sono costretto a scrivere, quasi contro a mia volontade, per la debolezza dello ingegno giovanile (1) al quale la ignoranza suole essere congiunta, li nobili fatti delli chiari regi, consoli e imperadori romani; non tutti certo, ma quelli i quali io crederò essere degni di memoria , con chiaro latino e basso stile e materno sermone (2), sanza alcuna pompa di parole rettoricali, e in brieve volume, quanto la qualità della materia patisce: e questo fo ad istanzia del serenissimo cavaliere messer Gomes de Albernozio di Spagna, a’ cui comandamenti io, lo quale fui prima da lui amato che conosciuto, non posso contradire. Lo quale già per più vittorie onorato, però che la sollecitudine dell’armi lo ‘mpedisce, e la disciplina militare lo lega, e la sollecitudine della republica da essere più utilmente governata lo incalcia (il quale al presente è prudente e provido governatore della dilettevolissima e abondantissima città di Bologna, li cui freni governa e regge, e la quale, sonando da ogni parte i fracassi delle battaglie, essendo oppressa dal turbinio delle guerre, revocata la libertà della patria, già lungo tempo scacciata dalle sue case, con la sua notabile virtù potentemente dirizzòe) non può, con continuazione di studio, molto vegghiare alla oscurità de’ nobilissimi istoriografi.

1) Proprio questo riferimento alla aetatis imbecillitas dell’autore ha indotto a collocare la sua nascita nel quarto, o forse nel terzo, decennio del quattordicesimo secolo (mentre la morte non dovrebbe essere di molto anteriore al 1390). 2) “Maternus sermo”: non lingua natia, evidentemente, essendo l’opera scritta in latino (a meno che, come ipotizzò acutamente  lo Zambrini, la versione volgare non si affianchi a quella latina e sia opera dello stesso Benvenuto), ma stile basso e dimesso (anche se tale, date le illustri ed auliche fonti impiegate, non può propriamente definirsi la prosa del Romuleon).

 

Spunti di riflessione e d’analisi

Analizza la complessa struttura sintattica del testo latino, confrontandola con quella utilizzata dal volgarizzatore.

In che senso l’autore afferma, pur scrivendo in latino, di utilizzare un “maternus sermo”?

Quale valore riveste la citazione oraziana dell’inizio in relazione al rapporto fra l’intellettuale e il potere?

Quali meriti Benvenuto riconosce al sovrano? Quale utilità può avere per lui lo studio della storia?

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *