“Ne l’ora che la bella concubina”, la canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (sogno, allegoria, profezia nella cultura medievale)

idra

(miniatura dal Bestiario di Rochester, XIII secolo)

La canzone allegorica di Jacopo de’ Carradori (alla quale dedicai, anni fa, un ampio saggio esegetico, riprodotto ora in questo sito: https://rambaldi.hypotheses.org/30) rappresenta, senza dubbio, per profondità di pensiero, finezza di stile, varietà di sfumature di significato, il più alto esito poetico del Trecento letterario imolese.
Sebbene alcuni aspetti ne possano essere chiariti alla luce del contesto storico, letterario e culturale, la sua essenza segreta è forse destinata a restare per sempre avvolta nel mistero. Precisamente in ciò, del resto, consistono il fascino e la suggestione che il testo non cessa di emanare.
Una enigmatica Signora, un tempo gloriosa, ora decaduta (si potrebbero citare le Lamentazioni di Geremia: “Quasi vidua facta est domina gentium”), e per di più insidiata da una feroce e terribile Idra, lamenta la propria condizione. Sopraggiunge un Magnanimo, che uccide e decapita l’Idra; il “velenoso sangue” di quest’ultima, asperso sugli occhi della Signora, ridona ad essi l’antica luce. Infine, fra la Signora e il Magnanimo si celebra uno sposalizio mistico, che ricorda la simbologia, cara al Medioevo, del Cantico dei cantici, variamente interpretato in chiave allegorica.  
Nel sogno come nell’allegoria, possono coesistere diversi livelli di significato. Il sogno allegorico e divinatorio, la visio per somnium, racchiude in sé il massimo grado di densità, di ambiguità e di possibilità interpretative.
La Signora rappresenterà forse le grandi istituzioni di fondamento divino, ma ormai decadute, ossia la Chiesa e l’Impero. L’Idra incarna le forze demoniache. Il Magnanimo, come il Veltro dantesco, è una figura di redentore volutamente avvolta nell’enigma (anche se, sul piano del sensus historicus, si potrebbe forse identificare con Beltrando Alidosi, vicario pontificio, di cui Jacopo fu consigliere negli ultimi anni).

Ne l’ora che la bella concubina (1)
dal ciel fa il suo apparecchio per menare (2)
il suo lucido corpo a l’orïente,
sendo oppilata la virtù che inchina
più che spess’uomo a prevaricare
quello ch’a la natura è sufficiente (3),
mi parve uno eccellente
seggio veder, ma vecchio e disusato,
il quale era fermato
in cima d’una altissima colonna (4);
e di sotto una donna
stava riversa in terra, e scapigliata,
e degli occhi privata,
gridando nei sospiri e con la voce
perch’al pianto era chiusa la sua foce.

Pareami il lamentar suo sì doglioso
che pïetà mi mosse a non volere
fermar l’aspetto (5) a cotanto dolore.
Ma com’io volsi, vidi un valoroso
e riverente sì, ch’al suo podere
natura e arte (5 bis) gli faceva onore,
in mezzo d’un splendore
tal che aquila a mirar ne avrebbe scorno (6);
con tante donne intorno
che a triplicar diciotto ne soperchia (7).
Innanzi a quella cerchia
era una inferma con abito vile
e in atto servile
guidando quello e quella ov’io lasciai
la dolorosa che traggeva guai (8).

Quando questo magnifico fu gionto
con la gran turba ov’era questa lassa,
cominciò a parlare, e con cordoglio,
dicendo: “Donna, il cui animo pronto
mi par sol a dolersi, un poco bassa
muova la lingua tua, sì com’io voglio,
e dimmi qual fu il soglio
d’i tuoi antichi, e chi t’ha così concia,
e perché tanto sconcia
ora ti veggo, e chi t’ha così tolto
il lume che al bel volto
rendia onor; ché la tua lamentanza
mi move a cordoglianza
vedendo ‘l stato tuo misero e grave
e di vergogna e d’ogni pena chiave.”

Allora con sospir di dolor pieno
disse al figlio di quella che si tinge
solo mutando sito, nome, e raggio (8bis):
“Io son colei, la qual già misi freno (9)
nel tempo antico al mondo, che s’infinge
di volermi portar l’aurato orraggio (10);
io son la trista ch’aggio
perduta mia altezza, e la mia gloria;
e la degna memoria
dei discendenti miei più non risona,
ma ciascun m’abbandona.
E se tu vuoi saper perché m’avviene,
di’ a colei, che viene
per vostra scorta, che vi dica il come;
ch’ella sostien di così fatte some (11).”

Fornito cotal dir (12), colei, che guida
era stata di questo trionfante,
prese di doglia a pianger molto forte,
dicendoli: “Io son sola in cui s’annida
virtù: quel serpe ch’è con teste tante
vedi, che paion minacciar di morte,
e quelle fiamme torte
gittar con gran furore in ogni parte.
Questo è colui che a Marte
non fu mai pronto, ma sol con inganno (13)
tirato ha dal bel scanno
questa mia madre, ed hagli tratti gli occhi;
e se ‘l ver ben adocchi
vedrai che col suo sangue ti conviene
liberar lei da queste gravi pene.”

Subitamente, dette le parole,
vidi il magnanimo appressare al loco
ove era il serpe colle sette teste (14);
e con lievi fatiche quelle gole
richiuse in modo che di poter poco (15)
rimase il busto ove eran giunte queste;
e poi con le man preste
dilacerando lui, di vita il tolse,
e quel sangue ricolse,
e fé levar le mani a quella trista
ch’avia perdua la vista,
e ch’era vaga (16) di chiamar vendetta;
e poi con molta fretta
bagnò con questo sangue il volto ch’era
rubato dalla maledetta fera.

Sì tosto come il velenoso sangue
toccò le case delle chiare gemme
il cui splendore alluminò già il mondo (17),
vidi rinascer gli occhi, che dall’angue
fur tratti (18), con la luce che rivenne
ch’io non potrebbi in dir toccar lo fondo (19).
Poi vidi quel giocondo
pigliar costei, e tornarla nel seggio
che non avea pareggio (19 bis),
incoronando lei come sua sposa (20).
Al cor voce amorosa
dal ciel gridò: “costui è ‘l mio diletto”
sì forte, che ciò detto
l’animal spirto discese nei sensi
per modo tal, che ‘l sonno allora vinsi (21).

Canzon, tu puoi ben dir che tua sentenza
non s’allontana già tanto dal vero
quant’ella fa di più dell’intelletti (22);
però ti prego, se la tua presenza
dispiace a chi non va per lo sentiero
di pochi, che di ciò non ti dispetti;
ma fa’ che ti diletti;
ché ‘l biasimar di chi non sa ti loda (23),
perché non vede come ‘l ver s’inchioda.

1) L’Aurora, sposa di Titone. 2) Si prepara a portare. 3) Versi di ardua comprensione. Forse: essendo soffocata, occlusa (“oppilata”) la facoltà razionale, che il più delle volte induce l’uomo a trascendere, ad oltrepassare e reprimere la naturale facoltà d’intuizione, facoltà che invece, durante il sonno, essendo oscurato il lume razionale, può liberamente manifestare le proprie visioni e i propri fantasmi. Vi è qui l’eco della concezione antica e di quella medievale della divinatio per somnium, del sogno profetico: due tradizioni che si fondevano nel commento di Calcidio al Timeo di Platone e in quello di Macrobio al Somnium Scipionis di Cicerone. Il sogno profetico, la visio per somnium possono manifestarsi solo grazie al temporaneo oscuramento della facoltà razionale, e alla conseguente emersione di quella naturale, primigenia, extrarazionale, in cui la natura umana può accogliere, averroisticamente, l’impronta e l’emanazione dell’Intelletto divino. Ma la facoltà razionale è poi comunque necessaria per cercare di interpretare le visioni in sogno ricevute. La divinatio per somnium si muove fra preconscio e coscienza, inconsapevolezza e razionalità. 4) Il seggio posto in cima alla colonna è simbolo del potere politico e religioso. 5) Chiudere gli occhi, restare indifferente. 5 bis) All’agire politico sono necessarie sia attitudini naturali che sottile capacità di discernimento, acquisita con l’esperienza.  6) Ad una luce tanto intensa che neppure lo sguardo di un’aquila riuscirebbe a sostenerla. 7) Numerologia medievale. Diciotto è multiplo tanto di tre, numero della Trinità, quanto di sei, i giorni della creazione; moltiplicato per tre, dà cinquantaquattro, e la somma delle due cifre di tale numero dà nove, multiplo di tre. Si ricordi che nella Vita nuova Beatrice è “uno nove”, una perfezione divina elevata al quadrato. 8) Mandava lamenti. 8 bis) Il Magnanimo è, idealmente, figlio della Giustizia, la quale resta in sé una, pur manifestandosi nella storia sotto diverse ipòstasi. Il testo del Codice Buccoliniano (unico testimone, oggi perduto, ma trascritto nel Settecento dal Mancurti) è qui da me emendato. 9) Governai. 10) Finge di volermi ancora rendere l’aureo onore. 11) Sostiene il peso di tanta umiliazione. 12) Terminate queste parole. 13) Il demonio, rappresentato dal Serpente, che ha detronizzato e svilito la Domina e sua figlia (le quali rappresentano forse, rispettivamente, Maria, typus Ecclesiae, e la Chiesa, Sponsa Christi, e sono entrambe emanazioni terrene della Civitas Dei, della Gerusalemme Celeste), non combatte con il valore, ma con l’inganno. 14) Simbolo dei vizi capitali. 15) Annientato, privo di forze. 16) Desiderosa. 17) Toccò le orbite degli occhi limpidi la cui luce illuminò il mondo. Gli occhi simboleggiano forse i “duo luminaria magna” (come dice Dante nel De Monarchia), la Chiesa e l’Impero, che dovrebbero governare concordemente il mondo, rispettivamente sul piano spirituale e su quello temporale. Il sangue del demonio sconfitto, per una sorta di magia simpatetica, diviene, da causa del male, prodigiosa medicina. L’Idra, mostro del mondo classico, diviene qui simbolo del demonio cristiano. Del resto Ercole, vincitore dell’Idra, era visto dall’allegoresi medievale come figura Christi. 18) Furono strappati al serpente. 19) Espressione dantesca, ad indicare l’ineffabilità della visione divina. 19 bis) Che non aveva eguale. 20) Sposalizio mistico fra il Magnanimo (figura del Cristo redentore, o di un dantesco Veltro che giunge a salvare l’umanità – ma forse, storicamente, Beltrando Alidosi, vicario pontificio e difensore della Fede) e la Chiesa. 21) L’anima sensitiva, che scuote il poeta dal sonno. 22) La canzone, con il suo arduo trobar clus, è rivolta aristocraticamente ad una ristretta cerchia di iniziati. 23) Le critiche degli ignoranti sono, per la poesia, motivo di lode.

 

Spunti di riflessione e d’analisi

Qual è il valore simbolico del sogno che emerge da questo testo?

Quale rapporto fra visione politica e visione religiosa è possibile ravvisarvi?

Si può istituire un qualche parallelo con la concezione dantesca, tanto della poesia quanto della storia?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *