Uno scambio poetico fra Jacopo de’ Carradori e Pietro Alighieri intorno al problema del libero arbitrio in Dante

stemma_alighieri_02

 

Di Jacopo de’ Carradori (certo la figura più significativa, insieme a Benvenuto, dell’intero Trecento letterario imolese, e i cui scarni tratti biografici – seconda metà del quattordicesimo secolo; notaio; soggiorni a Bologna, Padova, Avignone; amico e corrispondente di Petrarca; legato ai Francescani, di cui fu procuratore; consigliere di papa Benedetto XII e, in vecchiaia, tornato a Imola, di Beltrando Alidosi -, affidati all’annalistica e alla cronachistica locali, ci sono noti principalmente grazie alla cinquecentesca Historia Imolae, conservata manoscritta e inedita nella biblioteca cittadina, dell’umanista Giovanni Antonio Flaminio, alla quale attinsero i biografi successivi) il codice 445 della Biblioteca Capitolare di Verona ci restituisce, fra le altre cose, un prezioso scambio di sonetti con Pietro Alighieri, figlio e commentatore del Sommo Vate, incentrato sullo spinoso problema dell’interpretazione del libero arbitrio nell’opera paterna (la sua vasta e solenne canzone allegorica Ne l’ora che la bella concubina, vero capolavoro, sarà invece pubblicata, con apparato di note, prossimamente).
La risposta per le rime di Pietro, sollecitato da Jacopo, non si discosta, in apparenza, dall’ortodossia: come aveva scritto Dante nel sedicesimo canto del Purgatorio, “Voi che vivete ogne cagion recate / pur suso al cielo, pur come se tutto / movesse seco di necessitate. / Se così fosse, in voi fora distrutto / libero arbitrio, e non fora giustizia / per ben letizia, e per male aver lutto”: se tutte le decisioni e le azioni umane fossero già predeterminate dai moti e dagli influssi celesti, la libertà dell’uomo risulterebbe annullata, e dunque non sarebbe giusto ricevere una ricompensa per il bene, un castigo per il male. Operare il bene o il male dipende dalla libera scelta dell’uomo; la preveggenza divina non predetermina le azioni umane. Simile era la posizione di Tommaso d’Aquino.
Tuttavia, per Pietro Alighieri, il libero arbitrio rende nello stesso tempo liberi e schiavi, “liberi ne fa e ne captiva”; ci libera e nello stesso tempo ci imprigiona, “captiva”: se le scelte sono inizialmente libere, le conseguenze di tali scelte vincolano invece l’uomo per l’avvenire.
Pietro Alighieri, poi, lega strettamente la dimensione e il dispiegarsi della libertà umana alla sfera (rappresentata dalla tela di Làchesi) del divenire e del fluire temporale, punteggiati ed irti di eventi imprevisti, di oscillazioni, di mutamenti, e dunque aperti alla possibilità di diverse scelte e di conseguenze non ponderabili.
Vi è, forse, l’eco della visione di Duns Scoto, caro agli ambienti francescani, secondo la quale la volontà e la libertà dell’uomo si esplicano in un tempo inteso non come fluxus formae, ma piuttosto come forma fluens: non propriamente come succedersi di stati successivi, quanto come sostrato esistenziale che permane in sé immutato pur nel susseguirsi, in esso e su di esso, di scelte ed eventi distinti e variati.
Anche in queste rime tutto sommato minori, la complessa dialettica della libertà umana nel suo dispiegarsi attraverso la temporalità esistenziale era còlta e vissuta nel suo carattere problematico.

(Matteo Veronesi)

Jacopo de’ Carradori a Pietro Alighieri

L’opinion di chi più sa s’accorda
che ‘l nostro arbitrio non ha tal podere
che i primi movimenti del volere
da lui dipendan come son da corda (1).

Per questo van dubiar par che me morda
sì l’intelletto, ch’io non so vedere
questa causalità senza ‘l sapere
del vostro, che dai pochi non se scorda (2):

cioè se i nostri primi movimenti
èn (3) da natura, o se moto del cielo
i (4) fa venire in noi veloci e lenti.

E però (5), caro amico, questo velo
levatime da l’immaginativa
con la vostra faconda responsiva (6).

1) Secondo l’opinione dei più, i primi moti della volontà non sono assolutamente determinati dal libero arbitrio come il suono è determinato dal tocco della corda. Forse eco dantesca (Paradiso, I, 124-129; anche se in quel caso la corda è quella dell’arco, non di uno strumento musicale):  “e ora lì, come a sito decreto, / cen porta la virtù di quella corda / che ciò che scocca drizza in segno lieto. / Vero è che, come forma non s’accorda / molte fïate a l’intenzion de l’arte, / perch’ a risponder la materia è sorda; / così da questo corso si diparte / talor la creatura, c’ha podere / di piegar, così pinta, in altra parte”: sebbene l’uomo sia in origine incline al bene e vòlto a Dio, la sua natura può talora essere distolta o deviata, così come la materia non prende sempre la forma voluta dall’artista. 2) Tale questione suscita in me un dubbio così assillante che non posso esimermi dal chiedere il vostro parere, degno della ristretta cerchia dei dotti. 3) Sono, derivano. 4) Li. 5) Perciò. 6) Dunque dissipate questo velo che offusca la mia facoltà cognitiva con la vostra eloquente (faconda) risposta.

Pietro Alighieri a Jacopo de’ Carradori

La vostra sete, se ben mi ricorda,
par saziar Dante a chi da lui tò (1) bere;
ma nondimen dirò per non parere
per ignoranza aver l’orecchia sorda.

Credo che per natura humana s’orda
la tela, che per Atropo se pere (2);
di Lachesi la trama credo avere
dal ciel ciò che la face o bella o lorda (3).

Li quali spiritual primi accidenti
di sopra piovon come falde in gelo
sovra li nostri liberi talenti (4).

Questi secondi da Natura han zelo
o bono o no come a l’arbitrio arriva
che liberi ne fa e ne captiva (5).

1) Prende, riceve. 2) Credo che la tela dell’esistenza, che viene troncata da Atropo, sia intessuta dalla natura umana. 3) Credo che la trama della vita, intrecciata da Làchesi, riceva dal cielo un’inclinazione positiva o negativa. 4) Queste primigenie inclinazioni spirituali discendono dal cielo, come neve, nell’anima e nell’indole dell’uomo, che pure restano libere (liberi talenti).  5) Nella natura umana, il libero arbitrio si traduce e si esplica nel desiderio (zelo); il libero arbitrio, antiteticamente, ci libera e ci imprigiona, perché se libere sono le nostre scelte, vincolanti sono però, per noi, le loro conseguenze.

Spunti di riflessione e d’analisi

Quale rapporto fra il destino già scritto, o le innate inclinazioni individuali, e la libertà di scelta dell’individuo è possibile ravvisare nei testi proposti?

In che modo questa visione può essere paragonata a quella di Dante?

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *