Un fascinoso itinerario latino di parole e simboli

Se dall’Ospedale Vecchio andiamo a piedi verso il Teatro, a un certo punto a sinistra troviamo il grande palazzo della CGIL: il bel terrazzo in ferro battuto che svetta sopra il portone rischia di nasconderci la vista dell’edificio di fronte, quello al civico n. 29, se non fosse che sulla sua facciata una bella lapide recita che nel 1940 fu restaurato per iniziativa di un’antica associazione storico-culturale imolese. Di aspetto ancora un po’ medievale, è una delle case più antiche della città, molto probabilmente l’abitazione di Benvenuto da Imola, uomo vissuto nel Trecento che ebbe in sorte di essere uno dei primi commentatori della Divina Commedia di Dante. Il suo Comentum è un fascinoso itinerario latino di parole e simboli che il professor Benvenuto costruì a partire dalle lezioni che tenne per anni a Bologna e alla corte degli Estensi a Ferrara.

Si tratta di un’opera molto importante, per la libertà di giudizio critico nei riguardi di Dante, ma soprattutto perché piena di ricordi e aneddoti, lungo una scrittura che riesce a miscelare realismo e umorismo. A metà Ottocento l’avvocato Giovanni Tamburini, presidente dell’Accademia degli Industriosi di Imola, tradusse il Comentum in italiano, ma se anche oggi si potrebbe leggere, nessuno – che non sia uno studioso della materia – lo legge più.

A me però fa ugualmente piacere che il buon Benvenuto sia nato a Imola e abbia abitato proprio lì, dove quasi ogni giorno passo, e dove quasi ogni giorno alzo il naso verso la lapide. Tutte le città italiane fanno a gara per avere un pezzetto di Dante in casa, e noi l’abbiamo: la solida reliquia di un grosso commento e la casa di chi lo scrisse. Teniamocela stretta.

         (Antonio Castronuovo)


1 pensiero su “Un fascinoso itinerario latino di parole e simboli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.