Analisi iconologica di una miniatura del “Romuleon”

 

TITOLO: Benvenuto rende omaggio a Gomez Albornoz
CODICE: Bodmer 143
AUTORE: Sconosciuto
ANNO: 1440
NAZIONE: Cologny, Francia
SUPPORTO: Pergamena
TECNICA PITTORICA: Vergatura
DIMENSIONE: 34×24,6 cm
CORRENTE ARTISTICA: Gotico Fiorito
STATO DI CONSERVAZIONE: Manoscritto ridimensionato per l’impaginazione
UBICAZIONE DELL’OPERA GENERALE: Svizzera

Non c’è forse miglior accompagnamento, per la lettera dedicatoria che prelude al Romuleon, di quello visivo, offerto dalla miniatura del codice Bodmer 143 sopra riprodotta.

In relazione al contesto storico e culturale in cui è inserita, a cavallo fra Trecento e Quattrocento, presentando chiari elementi gotici, oltre ad uno spiccato approccio scientifico, particolarmente evidente nella rappresentazione dei soggetti botanici, la miniatura appare ricca di significati iconografici e di aspetti riconducibili alla società del tempo.

Il contesto è prettamente quello cortese: troviamo infatti, al centro della miniatura, Benvenuto nell’atto di donare l’opera al mecenate Gomez Albornoz, nipote del cardinale Egidio Albornoz, il che sta implicitamente ad indicare l’armonia che caratterizzava il rapporto tra l’intellettuale (in questo caso Benvenuto) e il potente (in questo caso Gomez Albornoz), un’armonia che veniva idealmente ricondotta (attraverso una citazione oraziana) a quella esistente nell’età augustea.

Sullo sfondo possiamo notare tipiche architetture del gotico fiorito, che, accompagnate da una spaziosa veduta lacustre, infondono un senso di ordine e pace: elemento, quest’ultimo, contraddittorio sia rispetto all’epoca dell’opera, sia rispetto al carattere stesso del Romuleon, che, nell’insistere con dovizia di fonti sugli eventi bellici, sulla guerra come motore della storia, pur se entro una visione provvidenzialistica che rimontava ad Agostino e ad Orosio, trasuda una spietata violenza.

“Principibus placuisse viris non ultima laus est”, inquit Horatius in Epistulis suis.

Riprendendo il rapporto tra l’intellettuale e il potente che sembra essere l’elemento portante dell’opera, questa miniatura racchiude e rispecchia tutto il senso che Benvenuto vuole dare aad essa. Egli, infatti, intende tessere le lodi dei soli imperatori e potenti signori che si sono dimostrati degni di essere, a parer suo, elogiati.

Allontanandoci poi dal fulcro centrale della miniatura, possiamo notare la presenza di una cornice riccamente decorata con stile floreale, la quale, oltre ad essere gradevole dal punto di vista visivo, è anche carica di significati allegorici (vi è una ben visibile allusione a motivi decorativi cristiani, rivistati però in chiave pagana, attraverso stilemi classici), al pari di tutte le figure zoomorfe presenti.

Come è stato già notato su questo sito, la natura è, nella visione medievale (basti pensare al De doctrina christiana di Agostino), una sorta di testo cifrato, in cui ogni elemento è signum, cioè simbolo che allude ad altro, a verità spirituali e religiose.

Gufo. Era, in epoca romana, l’attributo della dea Minerva, e quindi di civiltà e saggezza. In questa miniatura, l’immagine dell’animale ha la funzione di evidenziare l’ambiente pacifico ed ordinato in cui si svolge la scena.

Gru. Le fonti ci dicono che, nella tradizione cristiana, oltre al fatto che fosse uno dei volatili che era proibito mangiare, nonostante inizialmente non fossero stati fatti particolari commenti sulla figura della Gru, successivamente questo volatile fu avvolto da una visione negativa, e considerato quasi come l’incarnazione del diavolo. In questa miniatura è quindi la personificazione della violenza che attraversa il Romuleon.

Pavone. Il significato allegorico presente in questa miniatura è quello classico della tradizione cristiana, ovvero quello dell’immortalità. Infatti si basa sulla credenza secondo cui ogni autunno il pavone perde le piume che rinascono in primavera; inoltre gli innumerevoli occhi dell’animale si pensava fosse una rappresentazione dell’onnipotenza divina.

Cigno. Il cigno, dotati di lunghi e discussi riferimenti iconografici, è principalmente un simbolo di purezza, innocenza, saggezza e lungimiranza; soprattutto in questo contesto egli incarna la saggezza e l’arte del poeta e dell’artista, a cui senza dubbio Benvenuto fa riferimento riguardo a se stesso e alle sue doti nel campo della scrittura e del commento.

Gallina. E’ divenuta solo con l’avvento del cristianesimo un emblema del dovere cristiano di stare accorti e di vigilare contro le tentazioni del demonio e, per questo motivo, sui campanili delle chiese spesso viene affissa una banderuola a forma di gallina o di gallo.
Cavallo. Nella mistica medievale il cavallo rappresenta il nesso fra umanità e divinità. L’animale è l’umanità, mentre il cavaliere è la divinità. Nell’ambito del dibattito iconografico, inoltre, l’Arcivescovo di Magonza, nell’856, affermò che il cavallo bianco rappresenta il Cristo Umano, la sua immensa umanità.

Unicorno. Amatissimo simbolo di forza e purezza, che raffigura il vigore della protezione verso ciò che si ama e si desidera. Il corno è simbolo di forza e lotta per ottenere la giustizia.

Cane. Il cane ha assunto, nel dibattito iconografico, diversi significati, anche se generalmente tende a rappresentare la fedeltà ed è indice di un segno amichevole (lo scambio del dono è supportato da questa simbologia). Talvolta, però, nelle culture orientali, o anche nella stessa Bibbia, il cane ha assunto una valenza negativa, come amico fedele di meretrici, streghe e maghi.

Uccelli. Fin dalle origini della storia dell’uomo, i volatili hanno incarnato l’idea della perfezione divina, e ad essi hanno fatto riferimento numerosi popoli oppressi e prigionieri di tutti i luoghi e di tutte le ere, in adorazione della libertà.

Cervo. Il cervo è l’incarnazione della vita eterna, promessa da Cristo, primaria fonte di vita. Questo significato allegorico iniziò ad essere presente nelle chiese e nelle cattedrali tra X e XII secolo.

Leone. Rappresenta una figura allegorica tanto antica quanto complessa, che nell’universo simbolico medievale prese una ferma posizione di rilievo; nella cultura cristiana, poi, assunse tanti significati, positivi e negativi, che non è più possibile darne un’interpretazione univoca.

(Lorenzo Arfilli, Victoria Biagi, Sofia Carletti, Carlo Romiti, Ludovica Tassoni)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *