Emilio Pasquini sul latino di Benvenuto e sul problema della traduzione

Emilio Pasquini

 

Abbiamo l’onore di riportare, per gentile concessione, la prefazione del grande dantista Emilio Pasquini alla ristampa anastatica della traduzione italiana del commento di Benvenuto (a tutt’oggi l’unica, benché lacunosa e in più punti inaffidabile, oltre che inevitabilmente datata nello stile) compiuta nell’Ottocento dal Tamburini, e ancora apprezzata e citata da Pascoli nei suoi arditi e numinosi scritti danteschi.
La prefazione coglie alcuni aspetti essenziali, sui quali gli studenti sono invitati a riflettere: la ricchezza, la varietà, il plurilinguismo e il pluristilismo (essi stessi di stampo dantesco) del latino di Benvenuto, capace di spaziare dal rigore concettuale della dissertazione e della lezione accademica alla vivacità dell’aneddoto e della nota di colore (sull’impiego, da parte di Benvenuto, di fonti novellistiche e cronachistiche si può vedere il recentissimo ed imponente lavoro di Luca Fiorentini, anche a stampa sotto il titolo Per Benvenuto da Imola, Il Mulino, Bologna 2016), dalla purezza dell’astrazione dottrinale ad un realismo corposo e popolaresco, dagli echi dell’erudizione classica ai più risentiti richiami alla storia del suo tempo, segnata dai travagli dell’Italia “di dolore ostello” (“sicut enim in lupanari venditur caro humana pretio sine pudore, ita meretrix magna, idest curia romana, et curia imperialis vendunt libertatem italicam. (…) O utinam, poeta mirifice, revivisceres modo! ubi pax, ubi libertas, ubi tranquillitas in Italia?”, si legge in un passo di grande intensità, censurato, per prudenza o conformismo, nella traduzione del Tamburini); la traduzione come metempsicosi (secondo la celebre definizione del sommo grecista Wilamowitz), come trasfigurazione in cui però l’anima stessa muta insieme al corpo, il senso insieme alla lettera, com’era inevitabile, a maggior ragione, nel classicismo intemporale, quasi metafisico, dell’ideale puristico tipico della Scuola Classica Romagnola a cui il Tamburini si rifaceva (e che ebbe, nella nostra città, un mirabile interprete in Antonio Nardozzi, traduttore virgiliano ammirato da Carducci); il particolare lirismo, il carattere a tratti esso stesso poetico, che già il Momigliano, fra gli altri, riconobbe al commento di Benvenuto, e che si manifestano eminentemente nella pagina qui citata, ossia l’immagine (quasi un vero e proprio mythos in senso platonico) dei ritmi dell’universo che, in veste di amabili fanciulle, si presentano al Poeta chiedendo di essere ammessi a far parte del poema: immagine per la quale si potrebbero forse citare, come antecedenti, tanto i versi del proemio degli Astronomica di Marco Manilio sull’universo che è esso stesso un poeta infinito, e che nella sua silenziosa armonia non pronuncia parole che non siano di poesia (“certa cum lege canentem / mundus et immenso vatem circumstrepit orbe / vixque soluta suis immittit verba figuris“), quanto la danza delle Muse che accompagna Filologia nella grande allegoria cosmica del De Nuptiis di Marziano Capella. (Matteo Veronesi)

 

*****

Nella prolusione del 1903 al suo insegnamento pisano di Grammatica greco-latina Giovanni Pascoli muoveva dalla citazione di una definizione fulminante, dovuta al grande filologo tedesco Ulrich von Wilamowitz Moellendorf, nella prefazione (1891) all’edizione dell’Ippolito di Euripide («resta l’anima, muta il corpo; la vera traduzione è metempsicosi»), per evidenziarne subito limiti e difficoltà, affermando, giustamente, che «mutando corpo, si muta anche anima».

Non possiamo non essere d’accordo con lui in presenza di questa traduzione ottocentesca del capolavoro trecentesco di Benvenuto da Imola: dovuta alla penna di chi nella prefazione (Intorno alla vita ed opera di Benvenuto Rambaldi) evoca quali numi tutelari della sua fatica i capofila della scuola classica romagnola, Vincenzo Monti, Ippolito Pindemonte e Giulio Perticari, ma anche i minori Francesco Cassi e Dionigi Strocchi. In altre parole, il modesto purista Giovanni Tamburini non poteva essere l’ideale traduttore di un testo straordinario come il Comentum, ricco di diversi umori e capace di un’ampiezza di registri che vanno dal familiare all’accademico: tale, insomma, che avrebbe richiesto la penna di un Pier Paolo Pasolini o di un Cesare Pavese.
Si rifletta a come, dopo aver accennato nella stessa prefazione all’inopportunità di riproporre il testo latino volendo rivolgersi a un largo pubblico digiuno di quella lingua, egli chiarisca la propria strategia :

Divisai pertanto di voltare, come sapeva, l’intero commento in italiano, attenendomi nella prima cantica più strettamente al testo, onde offrire un esempio della forma di insegnamento di que’ giorni: fui meno legato nelle altre due cantiche.

Troppo facile sottolineare il sapore arcaizzante del verbo divisai per “decisi” e di una forma quale l’imperfetto sapeva con la desinenza –a per la prima persona; più importante verificare l’asserzione di una maggiore libertà nella resa di Purgatorio e Paradiso. Effettivamente, se uno legge l’originale di Benvenuto nella chiosa a Purg. XXVIII 48 ss.:

Et hic nota […], lector, quam pulcros rythmos Poeta noster fabricavit in tam pulcra materia. Ex quo apparet verum esse illud quod festive dixit quidam in commendationem eius : dicebat enim quod quando Dante primo parabat se ad tam nobile poema, omnes rythmi mundi presentarunt se conspectui eius tamquam pulcerrime domicelle suppliciter rogantes singule, ut dignaretur admittere illas libenter in opere tanto. At ille cepit vocare nunc istam nunc illam, et unamquamque in ordine secundum exigentiam materie collocare : tandem, libro ad felix complementum producto, nulla remanserat extra : sub hoc curiali dicto volens ostendere, quod videtur impossibile extorquere rithmum Danti. […]

e prova a tradurlo nel normale italiano d’oggi :

E qui sta’ attento, lettore, a quanti splendidi ritmi, fra accenti e rime, il nostro poeta seppe fabbricare trattando una materia tanto alta. Ne risulta come sia vero quanto raccontò un tale per lodarlo; egli infatti diceva che quando Dante si stava apprestando a comporre un poema così nobile, tutti i ritmi del mondo si presentarono al suo cospetto in forma di bellissime ragazze, supplicandolo tutte singolarmente che si degnasse di farle entrare generosamente in un’opera così importante. Così lui cominciò a chiamare ora questa ora quella, e a collocare ciascuna al suo posto secondo le necessità della materia trattata. Alla fine, portato felicemente a compimento il suo libro, nessuna di quelle era rimasta fuori. E’ evidente che quel tale con questo elegante racconto voleva dimostrare come sembri impossibile strappare a Dante il segreto del suo ritmo,

non può che rimanere trasecolato di fronte alla resa radicalmente compendiosa del nostro Tamburini (volume secondo, p. 551), per giunta non priva di equivoci (i ritmi diventano le Muse, l’aneddoto si trasforma in una supposizione) e delle solite forme antiquate (dal ponevasi al niuna e al supposto) :

Taluno suppose che quando egli ponevasi a quest’opera, le muse tutte gli si mettessero dinanzi agli occhi come altrettante serve ed ancelle, pregandolo ciascuna ad ammetterla ed esercitarla, e che Dante cominciasse a chiamare ora questa ora quella a seconda della trattazione, e che a fine dell’opera niuna fosse dimenticata o mal contenta. L’opera stessa è la prova di verità del supposto.

Qui dunque si perde il corpo, ma si perde anche l’anima, se vogliamo far entrare in gioco la bella definizione di Wilamowitz censurata e corretta da Pascoli. Non è solo questione di tagli o di travisamenti; si perde infatti proprio ciò che è specifico di Benvenuto: per dirla con Andrea Battistini, il «gusto affabulatorio» e la «vena novellistica». Una perdita che in buona parte si registra anche nella prima cantica, dove tuttavia il Tamburini mostra ben altra fedeltà se non anche maestria (si vedano nel primo volume le pagine a proposito di Esaù e della perifrasi «colui / che fece per viltade il gran rifiuto» e la pagina per Francesca e il suo racconto, a partire da «Noi leggiavamo un giorno per diletto …») ; qui ha davvero ragione Ivan Rivalta quando afferma : «traduceva come un buon professore di liceo».

In questi limiti e riflettendo alle misure del monumentale Comentum, rallegriamoci dunque di avere a disposizione questo prezioso strumento, che del resto un conoscitore del latino come Giovanni Pascoli mostrò di non sdegnare utilizzandolo tranquillamente.

Emilio Pasquini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *