Il Catone di Dante visto da Benvenuto (e dagli studenti)

Splendida miniatura dal manoscritto Yates Thompson 36 della British Library, il cui committente fu Alfonso d’Aragona. La tinta mite e tersa dello sfondo, su cui risalta il pur remoto scintillio del firmamento, la limpidezza traslucida dell’acqua, la composta e misurata evidenza scultorea (che quasi ha ancora qualcosa di romanico) dei corpi, rendono mirabilmente l’ariosa e tremula atmosfera purgatoriale, il “dolce color d’orïental zaffiro / che s’accoglieva nel sereno aspetto / del mezzo, puro infino al primo giro”, ben lontano dall'”aura morta” dell'”Inferno”. (Matteo Veronesi)

 

Notandum etiam quod aliqui sunt liberi et servi a natura, aliqui a fortuna, ut probat Philosophus libro Politicorum: naturaliter enim sapientes et qui vigent intellectu dominantur, et insipientes et carentes ratione serviunt. Alii vero servi et liberi a fortuna, sicut capti in bello efficiuntur servi capientium, et victores liberi imponunt leges victis de iure gentium, aut praetio vendunt. Et quid populus liber poterat dare maius libertate? Naturale enim est omni homini allici libertatis amore; ideo bene Cato liber homo natus in libera civitate merito oderat Caesarem, qui libertatem quingentorum annorum abstulerat de Roma. Notandum etiam, quod vera libertas nunquam inventa est, et nusquam nec apud romanos, nec apud graecos, et multo minus apud alios populos, tamen romanus fuit liberior cunctis et diutius; et omnis populus, quando habet, abutitur libertate. Vera tamen libertas est libertas animi, qui est liber a vitiis, et hanc sibi quisque potest dare quantumcumque sit in servitute vel captivitate alterius positus, et hanc nullus potest eripere habenti. Hanc non eripuit Dionysius tyrannus sapienti Platoni. Hanc libertatem quaerebat hic nobilis poeta Dantes. Et ut cito veniam ad propositum, Virgilius videtur sic arguere: si Cato philosophus paganus toleravit omnia incommoda discrimina adversa, et etiam sponte se occidit pro libertate temporali defendenda, quia, ut ait Valerius, neque libertas vixit post Catonem, quanto melius poeta christianus pro acquirenda libertate aeterna, debet alto animo tolerare omnes labores, et aspera, et si expediat mortem, ut liber evadat a servitute hostium, scilicet vitiorum, quae tam diu obsederant illam nobilem animam in carcere corporis? Nunc ad literam: dicit Virgilius Catoni de Dante: Libertà va cercando ch’è sì cara, quam quidam gloriosae mortis praetio emerunt, sicut scribit Augustinus De Civitate Dei de Cleombroto philosopho, qui lecto libro Platonis de immortalitate animae praecipitavit se de alto muro, ut ad vitam aeternam ex hac vita mortali miseriae transmigraret. Simile fecit Cato; unde adducit ipsum in exemplum, dicens: come fa chi per lei vita rifiuta, sicut tu Cato fecisti.

Si deve notare che alcuni sono liberi o servi per natura, altri per destino, come dimostra Aristotele nella Politica: per natura, infatti, i saggi e coloro che valgono per intelletto dominano, e gli stolti e i privi di ragione sono servi. Altri invero sono servi o liberi per destino, come ad esempio coloro che sono stati catturati in guerra divengono servi di coloro che li catturano, e i vincitori liberi impongono leggi ai vinti in accordo con il diritto, o li vendono. E cosa un popolo libero potrebbe cedere, più che la libertà? Per ogni uomo è naturale essere preso dall’amore per la libertà; perciò a ragione Catone, nato uomo libero in una libera città, odiava Cesare, che aveva strappato a Roma la libertà di cinquant’anni.

Si deve inoltre notare che la vera libertà non fu mai trovata, e in nessun luogo, né presso i Romani, né presso i Greci, e molto meno presso gli altri popoli; tuttavia, quello Romano fu più libero rispetto a tutti, e più a lungo; e ogni popolo, quando ha la libertà, ne abusa. Tuttavia la vera libertà è la libertà dell’animo che è libero dai vizi, e può dare a se stesso questa libertà per quanto l’uomo sia posto in servitù o prigionia di un altro, e questa libertà nessuno può strapparla a chi la possiede. Il tiranno Dionigi non la strappò al saggio Platone. Era questa la libertà che qui cercava il nobile poeta Dante. E per venire rapidamente al punto, Virgilio sembra affermare questo: se Catone, filosofo pagano, tollerò ogni sorta di avversità e di ostacoli, e per di più si uccise di propria mano per difendere la libertà terrena, poiché, come dice Valerio Massimo (1), neppure la libertà visse dopo Catone, non deve forse a maggior ragione un poeta cristiano, per conquistare la libertà eterna, tollerare con fermezza tutte le fatiche, e le asprezze, e, se ciò accada, la morte, per uscire, libero, dall’asservimento ai nemici, ossia ai vizi, che tanto a lungo avevano assediato quella nobile anima nel carcere del corpo? Ora veniamo alla spiegazione letterale: dice Virgilio a Catone, riguardo a Dante: “Libertà va cercando, ch’è sì cara”, che alcuni comprarono al prezzo di una morte gloriosa, come scrive Agostino, nella Città di Dio (2), riguardo al filosofo Cleombroto, che, dopo aver letto il libro del filosofo Platone sull’immortalità dell’anima, il Fedone, si gettò da un alto muro, per migrare alla vita eterna da questa vita mortale di miseria. Qualcosa di simile fece Catone; donde Virgilio porta proprio lui come esempio, dicendo: “come fa chi per lei vita rifiuta”: come tu, Catone, facesti.

1) In realtà Seneca, nel De constantia sapientis.
2) De Civitate Dei, I, 22. L’episodio ispirò anche un epigramma di Callimaco: «Disse: “Addio, sole” Cleombroto di Ambracia / e saltò da un alto muro giù nell’Ade, / non perché avesse visto un male degno di morte, ma perché di Platone / aveva letto un solo libro, quello sull’anima».

Benvenuto, nel suo paziente lavoro di commento ed analisi della Comedìa dantesca, non poteva certo ignorare l’emblematica figura di Catone Uticense, guardiano del Purgatorio e forse uno dei più alti esempi di attaccamento alla libertà.  Ed è proprio la libertas il tema centrale non solo del secondo canto del Purgatorio, ma anche del commento dell’Imolese, il quale, partendo dal nobile pompeiano, si dedica ad un’approfondita ed acuta dissertazione intorno alla libertà per gli antichi, volta forse a contestualizzare storicamente e filosoficamente l’estremo sacrificio dell’Uticense.
La libertà, in tutte le sue innumerevoli sfaccettature, risulta, per gran parte del genere umano, oggigiorno, assolutamente scontata, ribadita oramai in ogni costituzione e carta fondamentale dei diritti: la visione degli antichi, invece, era completamente diversa.
Per gli antichi Greci, infatti, il concetto di eleutheria era appannaggio di un ristretto numero di persone e, soprattutto, era strettamente legato allo status di cittadino: non erano dunque liberi i popoli asserviti allo straniero, come lasciano ben intendere le Storie di Erodoto; non erano liberi coloro i quali erano nati da genitori in condizione di schiavitù e, inoltre, non erano liberi i cittadini asserviti alla volontà di un tiranno. Questa condizione di profonda iniquità e disparità viene, in un certo qual modo, giustificata da Aristotele, il quale, nella sua Politica, ritiene degni di dominare sugli altri solamente coloro che avanzano d’ingegno e di giudizio, relegando quindi gli “insipientes” e i “carentes ratione” ad una inevitabile condizione servile.
Benvenuto, per via della sua profonda conoscenza del mondo latino e della sua letteratura, dedica ampio spazio alla descrizione del concetto di libertas, ritenendo quella Romana come la società che fu “ liberior cunctis et diutius” rispetto a tutte le altre. Posto che tale giudizio deve essere necessariamente inquadrato nell’ottica dell’età antica, non lasciando, quindi, spazio ad un impossibile raffronto con le società moderne, bisogna riconoscere che la cultura Romana, in particolar modo quella imperiale, diede al mondo e a noi tutti uno dei più grandi sapienti e filosofi di sempre: Seneca. Egli, infatti, rappresenta, forse più di altri, la figura dell’intellettuale scomodo o, come si è soliti dire oggi, la voce fuori dal coro; in un periodo in cui, a Roma, la schiavitù era all’ordine del giorno, egli fu l’unico a condannarla chiaramente ed a sostenere l’uguaglianza di tutti gli uomini. E poco importa se il commentatore imolese, non sempre preciso nelle citazioni, nel brano propostoci lo confonde con Valerio Massimo.
Ciò che emerge chiaramente dalla lettura del testo è un non celato disprezzo di Benvenuto nei confronti della libertà “concreta”, cioè quella che si esercita come individuo nell’àmbito politico e che determina il  ruolo di ciascuno nella società; secondo il commentatore, questa libertà, però, oltre ad essere oggetto di abuso da parte di ogni popolo (“abutitur libertate”), risulta anche effimera se confrontata con la libertà dell’uomo dai vizi della carne.
Una libertà, quest’ultima, che riguarda profondamente la coscienza e l’ambito spirituale e che risulta, come si può evincere facilmente dal testo, di stampo puramente platonico: si traduce quindi in capacità di resistere ai vizi, di non divenirne schiavi. Ed è questa la libertà cristiana che a Benvenuto tanto sta a cuore sottolineare.
Il punto saliente di tutto il passo preso in esame è certamente l’interrogativo sollevato dallo stesso Benvenuto, che si colloca all’interno di una libera interpretazione, svincolata quindi dalla lettera del testo: se il  Sommo Poeta debba, a maggior ragione rispetto al pagano Uticense, essere disposto all’estremo sacrificio, al fine di essere libero dai vizi del corpo. Vi è quindi un richiamo inevitabile al percorso di Dante, attraverso “quei tre regni metafisici”, che costituisce un vero e proprio cammino di redenzione religiosa, cominciato con lo smarrimento nella “selva oscura”.
Il brano, dopo aver visto una lettura di stampo religioso della figura di Catone, si chiude con una considerazione più attinente al testo: Virgilio infatti, sempre secondo Benvenuto, esalta il guardiano del Purgatorio, paragonandolo al filosofo Cleombroto, che, dopo aver letto (male, a quanto pare) il Fedone di Platone, decise di togliersi la vita, come ricorda Callimaco in un suo epigramma.
Catone è per l’Imolese sicuramente  un uomo degno di lode, che ha saputo sublimare con la sua morte uno dei più alti ideali: quello della libertà.

Lorenzo Arfilli

Fin dai tempi più antichi gli uomini hanno sempre tentato di affermare il loro diritto alla libertà, con esiti positivi o, nella stragrande maggioranza dei casi, negativi. Si sono verificate situazioni eroiche che hanno avuto per protagonisti dei veri e propri “martiri della libertà”, che si sono battuti e sono morti per un ideale.
In questa tipologia si colloca perfettamente il caso di una delle più note figure della storia romana, quella di Catone Uticense, cosi soprannominato per l’estremo gesto che compi a Utica. Tale episodio viene brillantemente sintetizzato da Benvenuto Da Imola in un passo del suo commento alla Divina Commedia di Dante. “Sicut tu Cato fecisti” dice il grande commentatore imolese nel concludere il suo commento all’episodio dell’incontro di Dante e Virgilio con Catone, guardiano del Purgatorio, in cui essi cercano di convincerlo a concedere loro l’accesso al purgatorio.
Dalle parole dell’Imolese, strenuo anche se sfortunato difensore della libertà municipale qual era, non può che trasparire ammirazione nei confronti di Catone. Ammirazione per un uomo che sceglie di togliersi la vita perché preferisce morire piuttosto che vivere in un mondo cui è stata sottratta la libertà da un dittatore (Gaio Giulio Cesare), una volta fallito l’estremo tentativo di difendere le istituzioni repubblicane.
Ma dal suo commento traspare chiaramente anche il dualismo presente nella connotazione del termine libertà: da un lato quella religiosa, dall’altro quella di stampo politico. La libertà politica è quella che viene trattata da Aristotele nella “Politica”. Il celebre filosofo greco afferma infatti che “gli schiavi e gli animali domestici sono quasi uguali e rendono suppergiù gli stessi servizi. La natura stessa vuole la schiavitù, perché fa differenti i corpi degli uomini liberi da quelli degli schiavi: gli schiavi col vigore che richiedono i lavori a cui sono predestinati, gli uomini liberi incapaci di curvare la loro diritta statura a opere servili e adatti, invece, alla vita politica e alle occupazioni guerresche o pacifiche. Dunque gli uomini sono liberi o schiavi per diritto di natura: la cosa è evidente. Utile agli stessi schiavi, la schiavitù è giusta”.
Quindi sostanzialmente egli giustifica l’esistenza della schiavitù affermando che per natura certi esseri nascono per comandare e altri per essere comandati. Il rapporto tra lo schiavo e il padrone è paragonato a quello tra corpo e anima, nel quale la seconda esercita un comando di tipo dispotico, oppure al governo che l’uomo esercita sugli animali domestici: vi sono uomini che non sanno governarsi da sé, ma sono in grado di comprendere gli ordini e obbedire. Esiste poi il caso d’individui che sono schiavi per legge, e non sempre costoro sono schiavi anche per natura. Altri ancora non nascono schiavi ma lo diventano in seguito ad avvenimenti particolari come la sconfitta in una guerra.
Invece, la libertà dal punto di vista religioso è, citando lo stesso Benvenuto, “la libertà dell’animo che è libero dai vizi, e può dare a se stesso questa libertà per quanto l’uomo sia posto in servitù o prigionia da un altro”. Se ne evince quindi che, nella visione cristiana, per libertà non si intende quella del corpo, che può essere facilmente strappata da altri uomini, ma quella dell’animo, che esiste solamente in relazione al nostro libero arbitrio che ci permette di decidere come condurre “moralmente ed eticamente” la nostra vita. Una libertà, quindi, che siamo noi a concederci o a negarci e che nessun altro può strapparci; proprio come il tiranno Dionigi non la poté strappare a Platone quando lo imprigionò. La stessa libertà che cerca “il nobile poeta Dante”.
Premesso che Benvenuto ritiene che la libertà nei vari stati non sia mai stata effettivamente trovata, né presso i Romani né presso i Greci, pare opportuno analizzare le differenze che intercorrono tra la libertà nel mondo greco, l’eleutheria, e quella nel mondo romano, la libertas.
Nel mondo greco antico la libertà aveva, potremmo dire, svariate sfaccettature. Infatti, per i Greci, libero era chi nasceva da genitori non schiavi. Libero era chi non era asservito allo straniero. E infine libero era anche chi non era asservito a un tiranno. Dunque si può ben capire come la libertà non avesse nel mondo greco un significato universale e astratto e non si riferisse a tutti gli uomini.
La libertas romana, invece, risente sicuramente degli influssi della cultura greca, ma ha come caratteristica portante il non disgiungersi dalle situazioni storiche da cui si è originata. Possiamo individuare diverse sfere della libertas: essa è innanzitutto l’insieme dei diritti e dei privilegi, civili e politici, del civis romano; una libertà, quindi, giuridica, che contraddistingue il liber dal servus. Inoltre si può anche aggiungere la visione popolare della libertà, intesa come difesa dai soprusi della nobiltà e, politicamente, della fazione degli optimates.
Insomma la visione aristotelica della libertà, rappresentativa di quella del mondo classico, si mostra chiaramente in antitesi con quella cristiana, che risente degli influssi del platonismo (basti pensare al pensiero di Sant’Agostino), e che emerge dal passo benvenutiano.

Carlo Romiti

La figura di Catone, fin dalla sua morte, rappresentò la personificazione della virtus romana repubblicana.
Catone si suicidò nel 46 a.C. ad Utica dopo aver tentato, inutilmente, di opporsi a Cesare, che, muovendo guerra prima a Pompeo e successivamente ai pompeiani stessi (tra le cui fila annoveriamo lo stesso Catone), strappò a Roma la libertà di cinquant’anni.
La presenza di Catone, pagano e suicida, alle porte del Purgatorio genera stupore, dal momento che Dante aveva in precedenza collocato i pagani nel Limbo ed i suicidi nel secondo girone del VII cerchio dell’Inferno.
Catone è però per Dante altissimo esempio di vita morale e dignità; rappresenta la lotta per la libertà politica, che in questo caso diventa anche lotta per la libertà dal peccato, motivo essenziale nella rappresentazione del purgatorio. La morte di Catone “pro libertate temporali defendenda” non è dunque solo tentativo di libertà dell’uomo dalla dittatura cesariana, ma acquisisce secondo Benvenuto Rambaldi il significato simbolico di liberazione dell’anima dalla prigionia del corpo. Non si tratta dunque, come potrebbe sembrare inizialmente, di una lettura in chiave stoica, ma di una visione platonico-cristiana di scissione tra anima e corpo.
Per l’uomo antico, la libertà era concepita solo come politica e giuridica: si trattava dunque di libertà comune e non del singolo.
Socrate ebbe il grande merito di riconoscere una libertà superiore a quella terrena, ed è proprio la “libertas animi” di cui parla Benvenuto Rambaldi: l’anima immortale, “liber a vitiis”, che tende al bene e l’uomo si salva solo con il bene.
Significativa è la frase di Socrate, che afferma che egli sicuramente va a morire mentre altri a vivere, ma a chi tocchi sorte migliore lo sa solo Dio.
Sempre sulla scia di un’interpretazione in chiave platonica, Benvenuto riprende la distinzione tra vita mortale di miseria e vita eterna, che per il filosofo greco è anche divisione tra mondo sensibile e mondo delle idee che, pur essendo una realtà separata, è tuttavia legittimazione ontologica del primo. Anche Platone ci presenta, come idea suprema, l’Idea del Bene che il platonismo cristiano assocerà a Dio.
Nella sua Politica,  Aristotele distingue tra uomini liberi e servi, e considera il dominio dei primi sugli altri un fatto necessario, nell’accezione forte e strettamente filosofica del termine, secondo la quale così è e non può essere altrimenti, dal momento che la natura stessa dota alcuni di intelletto, ma confina gli altri nella totale privazione di ragione; la libertà sarebbe dunque un fattore costitutivo.
Benvenuto Rambaldi mostra invece come per Dante la libertà sia in realtà purificazione ed elevazione dell’anima. Il passaggio è dalla condizione terrena, in cui l’uomo è libero di peccare o di non peccare, alla libertà ultima, la più vera e quella che era propria degli uomini prima che fossero macchiati dal peccato originale, cioè la libertà di non poter peccare.
La liberazione cristiana dal peccato è ciò che racchiude tutto il senso del viaggio di Dante nel Purgatorio, e quella libertà – dice Virgilio – va cercata perché è ben preziosa, come sa chi l’ha conquistata al prezzo della morte.

Corine Noukeu Tokam

In questo passo, il commentatore imolese Benvenuto Rambaldi affronta il tema centrale della libertà, analizzandola nelle varie forme assunte nel corso della storia.
“Vera tamen libertas est libertas animi, qui est liber a vitiis, et hanc sibi quisque potest dare quantumcumque sit in virtute vel captivitate alterius positus, et hanc nullus potest eripere habendi”. È in questi termini che Benvenuto chiarisce il proprio concetto di libertà: si è liberi quando l’animo è svincolato dai vizi. Questa condizione, raggiungibile da tutti gli uomini e impossibile da strappare a chi la possiede, è quindi, secondo l’Imolese, una condizione fondamentale e necessaria.
Benvenuto, però, è convinto che la libertà, quella vera appena chiarita, non sia mai stata raggiunta; né dai Greci, né dai Romani, nonostante i tentativi siano stati numerosi, come possiamo capire dalla completa lettura del passo. Di conseguenza quella assunta dal commentatore è una posizione profondamente pessimista: la libertà è irraggiungibile, non importa quanto ci si impegni per ottenerla.
In questo passo, vengono presentati vari esempi di libertà. C’è, in apertura, la visione di Aristotele, secondo il quale “aliqui sunt liberi et servi a natura, aliqui a fortuna”. Il filosofo greco si pone quindi in contrasto con la possibilità di mutare la propria condizione e raggiungere la libertà.
Ma l’esempio più interessante e maggiormente trattato da Rambaldi è quello di Catone. Egli, celebre politico romano di orientamento repubblicano, si tolse la vita in quanto avverso alla politica di Cesare che aveva strappato la libertà ai Romani riunendo tutti i poteri nelle sue mani. Benvenuto elabora il proprio commento partendo dalla trattazione dantesca della figura del Romano. Noi lettori ci saremmo aspettati di trovare Catone nel Limbo o nel secondo girone del VII cerchio dell’Inferno. In realtà Catone è posto come guardiano del Purgatorio. Per capire l’insolita scelta del “sommo poeta” bisogna analizzare la sua visione della figura di Catone. Dante infatti interpreta il suicidio del Romano in modo simbolico: è una morte attuata per un ideale di libertà politica. Catone è quindi un martire per la patria.
Inoltre, in quello stesso canto, Virgilio sostiene che “se un filosofo pagano tollerò ogni sorta di avversità ed ostacoli […] per difendere la libertà terrena”, allo stesso modo Dante, poeta cristiano, deve sopportare questo viaggio fatto di insidie e difficoltà per raggiungere la libertà eterna.
Si può quindi affermare che Catone rappresenti un esempio per Dante: il Romano, suicidandosi, cerca una libertà terrena, e così Dante, perdendosi nella selva per allontanarsi dal peccato, ricerca la libertà eterna.
Virgilio infatti dice che Dante “libertà va cercando, ch’è sì cara”, ma non è l’unico che si è avventurato nella ricerca del bene più prezioso per l’essere umano. Benvenuto, in questo caso, riporta l’episodio di Cleombroto, il quale, dopo aver letto il Fedone di Platone, si gettò da una rupe per raggiungere la vita eterna. Egli lo fece esasperando la concezione platonica della libertà: liberi si è quando l’anima esce dal corpo che è la sua prigione.
Benvenuto riesce così a sintetizzare in poche righe un pensiero millenario.

Valentina Linguerri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *