Coluccio Salutati rimprovera Benvenuto per la rozzezza del suo stile

 

coluccio

(Masaccio, presunto ritratto di Coluccio Salutati, Firenze, Cappella Brancacci)

 

Nell’epistola del 1383 di cui riportiamo l’esordio, Coluccio Salutati, grande preumanista, anzi  forse il vero iniziatore dell’Umanesimo fatto di sapienza filologica, esaltazione della dignità dell’uomo, conciliazione fra sapienza cristiana e cultura classica (basti pensare all’eco che, nel suo capolavoro, il trattato De laboribus Herculis, ha la concezione dantesca dell’allegoria, come traspare dalla definizione del poeta quale “metrico figurativoque sermone sub alicuius narrationis misterio vera recondens”, ossia colui che “nasconde, con un discorso poetico e metaforico, la verità sotto l’enigma di una qualche rappresentazione”), coglie, ad un tempo, il più grande pregio e insieme il più grande difetto (ma insieme, del resto, una delle caratteristiche più salienti) del commento dantesco di Benvenuto: da un lato la sottigliezza, la precisione, l’esattezza, e insieme la ricchezza, la varietà,la vivacità intellettuale, delle interpretazioni (“inauditas atque digestas explanationes”, interpretazioni illuminanti, spesso imprevedibili, e nondimeno disposte secondo un limpido ordine espositivo, che seguiva verso a verso, anzi parola per parola, il testo commentato); dall’altro la sostanziale rozzezza, il carattere ancora medievale e anticlassico, del suo latinus grossus, vicino al parlato e al volgare, anche per via dello stretto legame con la natura colloquiale della lezione universitaria.
Basandosi sul principio (già enunciato nella retorica classica, da Cicerone a Quintiliano, e ripreso poi da Dante nel De vulgari eloquentia) della “convenientia”, del necessario accordo fra l’argomento e lo stile, Salutati auspica che ad una materia così nobile ed elevata quale quella trattata da Benvenuto faccia riscontro uno stile degnamente elaborato e ricercato. Ma l’esigenza primaria di Benvenuto era forse quella dell’immediatezza, dell’incisività, di una scolpita e spesso ruvida concretezza, perfettamente consone, del resto, al corposo e spesso aspro realismo dantesco.
Per converso, proprio in virtù del suo fondo volgare e romanzo, del suo continuo riecheggiare, anzi ostinatamente ricalcare, modi e movenze del volgare nelle sue forme più correnti e vivide, nel suo carattere, a volte consapevolmente, parodico, espressionistico, quasi caricaturale, il latinus grossus di Benvenuto può anticipare certi aspetti del latinus macharonicus di cui sarà straordinario esempio, ai primi del Cinquecento, il poema eroicomico Baldus di Teofilo Folengo.

(Matteo Veronesi)

Magistro Benvenuto de Imola Collucius

VIR egregie, frater et amice carissime. Principium commenti sive lecturae tuae super prima cantica Dantis per manus lepidi iuvenis Antonii de Cortona iucundus accepi, avidus legi et stupidus intellexi. Altis iudicio meo undique sensibus nititur et profundissimae expositionis indagine omnia auctoris verba rimatur. Summe itaque placet, nec cunctandum reor, quia illud opus in publicum possis emittere, si tamen ea, quae nimis pedestri sermone prosequeris ad aures – ut arbitror – communis domini nostri, quem illius libri dedicatione dignaris, accommodato altiori parumper stilo curabis attollere. Sicut enim est sublimi stili caractere vilia tractare vitiosum, sic attenuatae figurae genere altitudinem materiae deprimere meo iudicio turpe est. Quis enim saphirum aut carbunculum pretiosum plumbeo ligat in anulo? Quis candidas margaritas in ordine specioso dispositas turpi cilicio superponit? Aptanda sunt verba rebus et secundum diversitatem materiae debemus sermones et dictamina variare. Quis enim tot divinarum et humanarum rerum dignitatem, tantam nobilium historiarum seriem, tot subtilissimos sensus, tam inauditas tamque digestas explanationes in illa stili tenuitate legenda sine indignatione percurret? Aliud profecto ab auctoritate et opinione tua dicendi genus, edecumatum atque expolitum, et ego et alii tam in hoc quam in ceteris expectamus. (…)

Coluccio al Maestro Benvenuto da Imola

O uomo egregio, fratello ed amico carissimo. Ho ricevuto con piacere, tramite le mani del leggiadro giovane Antonio da Cortona, l’inizio del tuo commento, ovvero della tua lettura, intorno alla prima cantica di Dante; l’ho letto avidamente, e l’ho meditato con rapimento. Si fonda ovunque, a mio parere, su profondi pensieri, e scava tutte le parole dell’autore con la sottigliezza di una spiegazione acutissima. Dunque mi piace in sommo grado, e credo che non si debba esitare a diffonderlo presso il pubblico, se tuttavia avrai cura di innalzare, adottando un registro un po’ più solenne, quelle espressioni che con uno stile a mio avviso troppo rozzo rivolgi alle orecchie del nostro comune signore. Come infatti è un difetto trattare argomenti umili con l’impronta di uno stile sublime, così a mio giudizio è inopportuno svilire l’altezza della materia con un dire di basso profilo. Chi infatti incastona uno zaffiro o un rubino prezioso in un anello di piombo? Chi sovrappone ad un rozzo cilicio diamanti splendenti disposti in schiera fulgente? Le parole devono essere adattate agli argomenti, e dobbiamo variare i discorsi e gli stili secondo la diversità della materia. Chi, infatti, percorrerà senza fastidio la dignità di tanti divini e umani concetti, una così vasta serie di nobili storie, tanti sottilissimi pensieri, così nuove e così ordinate spiegazioni, da leggersi in quella modestia di stile? Certo dalla tua autorevolezza e dalla tua fama sia io che gli altri ci aspettiamo un ben diverso eloquio, scelto e levigato, tanto in quest’opera quanto nelle restanti. (…)

Spunti di riflessione e d’analisi

Quali aspetti dello stile di Coluccio Salutati avvicinano la sua prosa (a differenza di quella di Benvenuto) al latino classico?
È possibile ravvisare qualche punto di contatto fra la concezione di Salutati e la retorica classica?
Quali elogi egli rivolge, invece, a Benvenuto? Quali aspetti del suo commento hanno suscitato la sua approvazione?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *