L’epistola di Pier Paolo Vergerio sulla morte di Benvenuto

vergerio

Nel 1390, l’umanista Pier Paolo Vergerio, esponente, con il De ingenuis moribus, la sua opera forse più celebre, della grande pedagogia umanistica teorizzata da Battista Guarini e da Vittorino da Feltre (quella pedagogia che, superando certi schematismi e dogmatismi dell’insegnamento medievale, irrigidito sul sistema delle sette artes liberales codificato da Cassiodoro nella tarda antichità, rivisitò l’ideale classico di una paideia aperta, duttile, capace di abbracciare e far dialogare le une con le altre tutte le discipline), esprimeva, in una breve ma toccante epistola, perfetta espressione del latino preumanistico, della sua misurata e armoniosa retorica e della sua ricchezza di richiami ed echi classici, il proprio sincero dolore alla notizia (peraltro tardiva di un paio d’anni) della morte di Benvenuto Rambaldi.
Può apparire strano che Benvenuto sia definito summum eloquentiae sidus, astro supremo dell’eloquenza. I suoi commenti si segnalano certo per il rigore interpretativo, la ricchezza di cultura, l’ingegnosità degli accostamenti, l’incisiva essenzialità delle spiegazioni, l’acume nello sciogliere i nodi più ardui, nel penetrare il velo della lettera anche laddove era più spesso ed insidioso ‒ ma non certo per la purezza e l’eleganza della lingua, che risentiva ancora pesantemente, specie nella sintassi e nell’ordo verborum, del latino sovente ruvido e rozzo delle scholae medievali, sia grammaticali che giuridiche o teologiche.
Ma non è casuale che Vergerio faccia riferimento al commento a Valerio Massimo. Egli aveva forse in mente non tanto il Benvenuto delle opere storiche ed esegetiche, quanto quello delle loro lettere dedicatorie, o magari quello delle epistole, per noi perdute, ad umanisti come Coluccio Salutati, delle quali quest’ultimo, così severo con la rozzezza del latino del Comentum, elogiava invece la raffinata eloquenza e la purezza di dettato.
Del resto, anche nell’epistola, pur elegante, del Vergerio affiora quel tardo e postclassico “quod” dichiarativo seguìto dall’indicativo o dal congiuntivo che ricorre sistematicamente nella prosa del Comentum benvenutiano. Nel latino preumanistico anteriore al trionfo del ciceronianismo non mancano, a tratti, cascami medievali.

(Matteo Veronesi)

Audivi heri illud summum eloquentiae sidus, Benvenutum de Imola, eclipsim passum, ita tamen ut in se nullum lumen amiserit, immo maius longe acquisierit, si quid virtuti post mortem deberi credimus.
Nobis autem occultatum! Sibi congaudeo, nobis condoleo, quibus tantum lumen sublatum est.
Fama erat quod super libro magni Valerii opus nulli priorum cessurum cudebat.
Quod qui eventus exceperit dubium est. Creditur quod nondum in totam personam exuerat. Si quid super hoc tibi notum fuerit, mihi scribe, et amicum solare moerentem. Vale.

Ho appreso oggi che quel supremo astro dell’eloquenza, Benvenuto da Imola, è sceso nelle tenebre; con la conseguenza, tuttavia, che egli non ha perso alcuna luce, anzi ne ha di gran lunga acquisita, se crediamo che dopo la morte un qualche tributo sia dovuto alla virtù.
Ma la sua luce a noi è stata negata! Per lui gioisco, mi dolgo di noi, cui un così vasto lume è stato sottratto.
Si diceva che sul libro del grande Valerio Massimo stesse componendo un’opera che non sarebbe stata inferiore a nessuna di quelle che l’avevano preceduta.
Non si sa con certezza quale evento gli sia stato fatale. Si crede che non fosse ancora consumato in tutta la persona. Se hai riguardo a ciò qualche notizia, scrivimi, e consola il dolore dell’amico.
A presto.
Spunti di riflessione e d’analisi

Quali aspetti della civiltà dell’umanesimo si riflettono in questa epistola?
Quale valore viene attribuito all’amicizia?
Emerge, in senso lato, pur in queste poche righe, il supremo valore dell’humanitas?
Dice Dante, rivolto a Brunetto Latini, in alcuni celebri versi: “’N la mente m’è fitta, e or m’accora, / la cara e buona imagine paterna / di voi quando nel mondo ad ora ad ora / m’insegnavate come l’uom s’etterna”. Quali aspetti del valore preziosissimo qui attribuito alla cultura si trovano anche nella lettera del Vergerio riportata?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *