Agnese Fontana – “Duplex allegoria. Proserpina e Matelda nel commento di Benvenuto”

Nicomaco (?), “Ratto di Persefone”, Cimitero Reale di Verghina, IV secolo a.C.

 

Presento una breve sintesi esplicativa, elaborata da un’alunna, dell’interpretazione benvenutiana della figura dantesca, ancor oggi enigmatica, di Matelda, e in particolare della sua aggraziata e fiorita epifania nel ventottesimo del Purgatorio. La profondità, la freschezza, la vivacità naturalistica e figurativa, pur nella complessa ottica simbolica, dell’interpretazione di Benvenuto ‒ dovute certo alla maggiore prossimità culturale all’autore commentato ‒ difficilmente, credo, potrebbero trovare l’eguale in qualsiasi commento moderno, benché più rigoroso e distaccato ‒ e forse proprio per questo.

E basterebbe ciò, credo, a dimostrare l’interesse che i commenti antichi ‒ che pure anche un illustre dantista, in passato, avrebbe voluto fossero definitivamente lasciati, con il loro latino rugginoso e il loro cerebrale allegorismo, alla polvere degli archivi ‒ possono ancora rivestire, come oggetto di studio ma anche, in certa misura, come ancor vivo ed attuale strumento di comprensione del testo dantesco, agli occhi del lettore d’oggi, giovane o meno, e non solo specialista; e a ribadire che non è poi così assurdo ed ozioso, come qualcuno sostiene, “commentare un commentatore”. (M. V.) Continua a leggere

Emilio Pasquini sul latino di Benvenuto e sul problema della traduzione

Emilio Pasquini

 

Abbiamo l’onore di riportare, per gentile concessione, la prefazione del grande dantista Emilio Pasquini alla ristampa anastatica della traduzione italiana del commento di Benvenuto (a tutt’oggi l’unica, benché lacunosa e in più punti inaffidabile, oltre che inevitabilmente datata nello stile) compiuta nell’Ottocento dal Tamburini, e ancora apprezzata e citata da Pascoli nei suoi arditi e numinosi scritti danteschi.
La prefazione coglie alcuni aspetti essenziali, sui quali gli studenti sono invitati a riflettere: la ricchezza, la varietà, il plurilinguismo e il pluristilismo (essi stessi di stampo dantesco) del latino di Benvenuto, capace di spaziare dal rigore concettuale della dissertazione e della lezione accademica alla vivacità dell’aneddoto e della nota di colore (sull’impiego, da Continua a leggere

Il Catone di Dante visto da Benvenuto (e dagli studenti)

Splendida miniatura dal manoscritto Yates Thompson 36 della British Library, il cui committente fu Alfonso d’Aragona. La tinta mite e tersa dello sfondo, su cui risalta il pur remoto scintillio del firmamento, la limpidezza traslucida dell’acqua, la composta e misurata evidenza scultorea (che quasi ha ancora qualcosa di romanico) dei corpi, rendono mirabilmente l’ariosa e tremula atmosfera purgatoriale, il “dolce color d’orïental zaffiro / che s’accoglieva nel sereno aspetto / del mezzo, puro infino al primo giro”, ben lontano dall'”aura morta” dell'”Inferno”. (Matteo Veronesi)

 

Notandum etiam quod aliqui sunt liberi et servi a natura, aliqui a fortuna, ut probat Philosophus libro Politicorum: naturaliter enim sapientes et qui vigent intellectu dominantur, et insipientes et carentes ratione serviunt. Alii vero servi et liberi a fortuna, sicut capti in bello efficiuntur servi capientium, et victores liberi imponunt leges victis de iure gentium, aut praetio vendunt. Et quid populus liber poterat dare maius libertate? Naturale enim est omni homini allici libertatis amore; ideo bene Cato liber homo natus in libera civitate merito oderat Caesarem, qui libertatem quingentorum annorum abstulerat de Roma. Notandum etiam, quod vera libertas nunquam inventa est, et nusquam nec apud romanos, nec apud graecos, et multo minus apud alios populos, tamen romanus fuit liberior cunctis et diutius; et omnis populus, quando habet, abutitur libertate. Vera tamen libertas est libertas animi, qui est liber a vitiis, et hanc sibi quisque potest dare quantumcumque sit in servitute vel captivitate alterius positus, et hanc nullus potest eripere habenti. Hanc non eripuit Dionysius tyrannus sapienti Platoni. Hanc libertatem quaerebat hic nobilis poeta Dantes. Et ut cito veniam ad propositum, Virgilius videtur sic arguere: si Cato philosophus paganus toleravit omnia incommoda discrimina adversa, et etiam sponte se occidit pro libertate temporali defendenda, quia, ut ait Valerius, neque libertas vixit post Catonem, quanto melius poeta christianus pro acquirenda libertate aeterna, debet alto animo tolerare omnes labores, et aspera, et si expediat mortem, ut liber evadat a servitute hostium, scilicet vitiorum, quae tam diu obsederant illam nobilem animam in carcere corporis? Nunc ad literam: dicit Virgilius Catoni de Dante: Libertà va cercando ch’è sì cara, quam quidam gloriosae mortis praetio emerunt, sicut scribit Augustinus De Civitate Dei de Cleombroto philosopho, qui lecto libro Platonis de immortalitate animae praecipitavit se de alto muro, ut ad vitam aeternam ex hac vita mortali miseriae transmigraret. Simile fecit Cato; unde adducit ipsum in exemplum, dicens: come fa chi per lei vita rifiuta, sicut tu Cato fecisti.

Si deve notare che alcuni sono liberi o servi per natura, altri per destino, come dimostra Aristotele nella Politica: per natura, infatti, i saggi e coloro che valgono per intelletto dominano, e gli stolti e i privi di ragione sono servi. Altri invero sono servi o liberi per destino, come ad esempio coloro che sono stati catturati in guerra divengono servi di coloro che li catturano, e i vincitori liberi impongono leggi ai vinti in accordo con il diritto, o li vendono. E cosa un popolo libero potrebbe cedere, più che la libertà? Per ogni uomo è naturale essere preso dall’amore per la libertà; perciò a ragione Catone, nato uomo libero in una libera città, odiava Cesare, che aveva strappato a Roma la libertà di cinquant’anni. Continua a leggere

Uno scambio poetico fra Jacopo de’ Carradori e Pietro Alighieri intorno al problema del libero arbitrio in Dante

stemma_alighieri_02

 

Di Jacopo de’ Carradori (certo la figura più significativa, insieme a Benvenuto, dell’intero Trecento letterario imolese, e i cui scarni tratti biografici – seconda metà del quattordicesimo secolo; notaio; soggiorni a Bologna, Padova, Avignone; amico e corrispondente di Petrarca; legato ai Francescani, di cui fu procuratore; consigliere di papa Benedetto XII e, in vecchiaia, tornato a Imola, di Beltrando Alidosi -, affidati all’annalistica e alla cronachistica locali, ci sono noti principalmente grazie alla cinquecentesca Historia Imolae, conservata manoscritta e inedita nella biblioteca cittadina, dell’umanista Giovanni Antonio Flaminio, alla quale attinsero i biografi successivi) il codice 445 della Biblioteca Capitolare di Verona ci restituisce, fra le altre cose, un prezioso scambio di sonetti con Pietro Alighieri, figlio e commentatore del Sommo Vate, incentrato sullo spinoso problema dell’interpretazione del libero arbitrio nell’opera paterna (la sua vasta e solenne canzone allegorica Ne l’ora che la bella concubina, vero capolavoro, sarà invece pubblicata, con apparato di note, prossimamente).
La risposta per le rime di Pietro, sollecitato da Jacopo, non si discosta, in apparenza, dall’ortodossia: come aveva scritto Dante nel sedicesimo canto del Purgatorio, “Voi che vivete ogne cagion recate / pur suso al cielo, pur come se tutto / movesse seco di Continua a leggere