Agnese Fontana – “Duplex allegoria. Proserpina e Matelda nel commento di Benvenuto”

Nicomaco (?), “Ratto di Persefone”, Cimitero Reale di Verghina, IV secolo a.C.

 

Presento una breve sintesi esplicativa, elaborata da un’alunna, dell’interpretazione benvenutiana della figura dantesca, ancor oggi enigmatica, di Matelda, e in particolare della sua aggraziata e fiorita epifania nel ventottesimo del Purgatorio. La profondità, la freschezza, la vivacità naturalistica e figurativa, pur nella complessa ottica simbolica, dell’interpretazione di Benvenuto ‒ dovute certo alla maggiore prossimità culturale all’autore commentato ‒ difficilmente, credo, potrebbero trovare l’eguale in qualsiasi commento moderno, benché più rigoroso e distaccato ‒ e forse proprio per questo.

E basterebbe ciò, credo, a dimostrare l’interesse che i commenti antichi ‒ che pure anche un illustre dantista, in passato, avrebbe voluto fossero definitivamente lasciati, con il loro latino rugginoso e il loro cerebrale allegorismo, alla polvere degli archivi ‒ possono ancora rivestire, come oggetto di studio ma anche, in certa misura, come ancor vivo ed attuale strumento di comprensione del testo dantesco, agli occhi del lettore d’oggi, giovane o meno, e non solo specialista; e a ribadire che non è poi così assurdo ed ozioso, come qualcuno sostiene, “commentare un commentatore”. (M. V.)

Huius fictionis duplex allegoria invenitur: una, quam subtiliter investigat Macrobius. Scribit enim Cererem non esse aliud quam terram; unde sic dicta est quasi creans res: per Proserpinam vero voluit significari lunam, quae dicitur sic, quasi prope serpens, quia propinquius terrae movetur, quam caeteri planetae: per Plutonem vero terram, sive corpus terrae. Quod vero Proserpina dicitur filia terrae non est aliud nisi quod luna plus continet in se de natura terrae, et plus accedit naturae eius quam caeteri planetae, quia est obscurior et gravior; unde potest dici fex planetarum, sicut terra fex elementorum. Hanc autem rapit Pluto, dum interpositione tumoris terrae luna nobis absconditur; et eam autem quaerit Ceres cum facibus, quia, scilicet, in nimio aestatis fervore terra maxime repetit humorem lunae, quo fervor ille temperari possit, et unde etiam fructus sui recipiat augmentum; et hoc in nocte, quia tunc scilicet humor plus abundat in aere ex vicinitate ipsius lunae; in die enim nihil administrat humoris subditis, vel si aliquid calore solis exsiccatur. Quod autem sol manifestavit eam Cereri significat quod non habet apparere nisi per splendorem quem recipit a sole: quod autem dicitur per dimidium anni morari cum Plutone, et per dimidium apud superos, nihil aliud est nisi quod luna per sex menses est in inferiori hemisperio et non videtur a nobis; per totidem vero in superiori, et nobis apparet. Alii vero per Proserpinam volunt intelligi annonam, quae ad tempus latet, ad tempus apparet, et quaeritur cum facibus, quia non nisi in magno calore habetur, et invenitur in Sicilia fertilissima frugum apud ignem et aquam, idest, calorem et humorem; sed prior allegoria videtur melior. Nunc ad literam dicit poeta ad Mathildim: Tu mi fai rimembrar, idest, recordari, dove, quia apud lacum Pergusae in Sicilia, e qual era Proserpina, in aetate, in forma et actu, nel tempo, scilicet, veris, che la madre, dicta Ceres, perdette lei, raptam a Plutone, et ella, Proserpina perdidit, primavera, quia intravit locum tenebrarum. Et sic nota quantum comparatio est propria: nam Proserpina pulcerrima inventa est in prato florido, colligens diversa genera florum, iuxta montem qui ex summitate emittit ignem apud lacum lucidissimum; ita Mathildis talis per omnia inventa est in monte purgatorii propinqua igni et rivo purissimo, colligens flores etc. Ut ergo concludam uno verbo, poeta vult dicere: tu videris mihi una Dea pulcra, honesta, qualis est Diana dea castitatis, quae est quaedam regina mundi.

Di questa rappresentazione duplice si rivela essere il senso allegorico: il primo, quello che con sottigliezza indaga Macrobio. Scrive infatti che Cerere non è altro che la terra; onde così è chiamata in quanto è “colei che crea le cose”: attraverso Proserpina invero volle indicare la luna, che è così chiamata in quanto “serpeggia”, poiché si muove più vicino alla terra degli altri pianeti: attraverso Plutone, invece, la terra, ossia il corpo della terra. Ma il motivo per il quale Proserpina è detta figlia della terra non è se non il fatto che la luna contiene più in sé della natura della terra, e si avvicina alla natura di essa più degli altri pianeti, poiché più greve e più oscura; onde si può dire il gradino più basso dei pianeti, come la terra lo è degli elementi. Ma costei è rapita da Plutone, quando, per la sovrapposizione della massa terrestre, la luna ci viene nascosta; e Cerere la cerca con le lucerne, poiché, nell’eccessivo fervere del sole estivo, la terra massimamente ricerca l’umore lunare, con cui si possa mitigare quel fervore, e da cui anche il suo frutto riceva un incremento; e questo nella notte, poiché allora più abbonda nell’aria l’umore, a causa della vicinanza della luna stessa; durante il giorno, infatti, non distribuisce nulla del suo umore ai luoghi sottostanti, come se qualcosa fosse essiccato dal calore del sole. Il fatto poi che il sole la rivelò a Cerere significa che non ha possibilità di rivelarsi se non per mezzo dello splendore che riceve dal sole: e la ragione per cui si dice che per metà dell’anno vive con Plutone, per l’altra metà con i sùperi, non è se non che la luna per sei mesi è nell’emisfero inferiore e non appare ai nostri occhi, per un eguale numero di mesi, invece, è nell’emisfero superiore, e allora ci si manifesta. Altri, invero, vogliono che per mezzo di Proserpina si intenda l’annona, che per un certo tempo resta nascosta, per un altro tempo si rivela, e si ricerca con fiaccole, poiché non si ha se non con grande calura, e viene trovata in Sicilia, ricchissima di raccolti, presso il fuoco e l’acqua, cioè calore ed umore; ma la prima allegoria sembra migliore. Ora alla lettera il poeta dice a Matelda: “Tu mi fai rimembrar”, cioè ricordare, “dove”, ossia presso il lago di Perdusa, in Sicilia, “e qual era Proserpina”, in età, aspetto e atto, “nel tempo”, ossia in quello della primavera, “che la madre”, la detta Cerere, “perdette lei”, rapita da Plutone, “et ella” perse Proserpina, “primavera”, poiché discese nella dimora delle tenebre. E così nota quanto è appropriata la similitudine: infatti Proserpina, bellissima, fu trovata in un prato fiorito, intenta a raccogliere diverse specie di fiori, presso un monte che dalla sommità emette fuoco, presso un lago limpidissimo; allo stesso modo Matelda, in ogni aspetto simile, è stata trovata sul colle del Purgatorio accanto al fuoco e ad un fiume purissimo, intenta a raccogliere fiori, e così via. Dunque, per concludere in una parola, il poeta vuole dire: tu mi sembri una dea bella, casta, com’è Diana dea della castità, che è, in certo modo, la regina del cosmo.

(trad. di M. V.)

Nel proprio commento ai versi in cui compare la figura, ancor oggi enigmatica, di Matelda, Benvenuto ripropone il ratto di Proserpina rappresentato da Ovidio e da Claudiano. Secondo la leggenda, Cerere, regina dei siciliani , venne innalzata a divinità in quanto inventò l’agricoltura, e per prima mise sotto il giogo i buoi per arare.

La figlia di Cerere, Proserpina, venne rapita da Plutone e la madre, disperata, la cercò con braci accese per tutta la Sicilia.

Proserpina venne poi ritrovata presso l’Etna in séguito ad un compromesso: avrebbe vissuto sei mesi nell’Ade con Plutone e sei mesi sulla terra con la madre.

Nel suo commento all’opera dantesca, Benvenuto presenta l’interpretazione del mito fornita da Agostino in De Civitate Dei, VII, 16 (anche se, forse citando a memoria, la attribuisce a Macrobio). Il filosofo ritiene che il mito simboleggi un’eclissi di luna, Cerere la terra, per la somiglianza del nome al latino ‘creans res’, Plutone il padrone della terra.

Proserpina sarebbe l’allegoria della luna in quanto la serpe, ricordata dal suo nome, è l’animale che vive più vicino alla terra, così come la luna è il corpo celeste più vicino alla terra, e inoltre Proserpina è la figlia di Cerere, cioè della terra, ed è quindi luna, in quanto quest’ultima è simile alla terra stessa. Le braci accese con cui veniva cercata simboleggiano sia che la terra, troppo calda, attrae i raggi più freschi della luna per permettere ai frutti di maturare, sia che le figlie si devono mostrare solo con il sole.

Infine, l’alternanza dei sei mesi con la madre e dei sei mesi con il marito alluderebbe alla permanenza della luna per sei mesi nell’emisfero australe, per gli altri sei in quello boreale.

Un’ulteriore interpretazione riferita dallo stesso Imolese vede in Proserpina l’allegoria del raccolto che talvolta abbonda, talvolta scarseggia, in relazione alla permanenza della giovane in luoghi diversi in base all’accordo tra Plutone e Cerere. Il fatto che essa venga cercata con le braci simboleggia, infine, la necessità di compiere il raccolto sotto il sole.

Nel complesso, come scrive Roberto Mercuri nella voce dedicata a Proserpina nell’Enciclopedia Dantesca, “Proserpina è segnale del cammino progressivo dell’intellettuale dall’oscura selva del peccato alla luminosa selva del Paradiso terrestre, e della capacità di Dante di portare, insieme con Beatrice, a completa maturazione il processo di acquisizione di cultura e di fede iniziato con Virgilio”.

Proprio in Virgilio (“Stant arae circum et crinis effusa sacerdos / ter centum tonat ore deos, Erebumque Chaosque / tergeminamque Hecaten, tria virginis ora Dianae”, Eneide, VI, 509-511), e poi, con allegorizzazione in chiave cristiana, in Prudenzio (“Denique, cum Luna est, sublustri splendet amictu; / Cum succincta iacit calamos, Latonia uirgo est; / Cum subnixa sedet solio, Plutonia coniunx / Imperitat Furiis et dictat iura Megaerae”, Contra Symmachum, I, 367-368), si incontrava la rappresentazione di Proserpina come personificazione della molteplice unità di vita e morte, mondo supero e mondo infero, e, insieme, come incarnazione dell’idea del divenire e del mutamento che abbracciano, circolarmente e ricorsivamente, l’una e l’altra sfera.

Proserpina, simboleggiando ed incarnando la sequenza di semina, fecondazione, germinazione, fioritura (seme che muore per rinascere, secondo la simbologia evangelica), raccolto, e infine nutrimento, può appunto rappresentare il cammino di perfezionamento del cristiano, che accoglie la “buona semente” del Verbo divino per trarne frutti di virtù e di nobilitazione spirituale.

Perciò essa può essere assimilata a Matelda, mediatrice fra Virgilio, incarnazione della cultura classica, e Beatrice, personificazione dell’amore mistico che avvicina a Dio, e rispetto al quale la cultura classica è “buona semina”, sapiente e necessaria preparazione.

Agnese Fontana


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *